Archivi tag: Russia

Risposta alle critiche di esponenti del movimento teocon Italiano sul saggio di mons Viganó (sulla guerra russo/ucraina del 2022)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il 6 marzo è uscito un saggio magistrale (di 41 pagine fitte di note, che provano quanto scritto nel testo) di monsignor Viganò sulla guerra che Putin ha dovuto muovere a Zelenskyj.

Ora, alcuni esponenti del movimento teocon italiano l’hanno criticato asserendo che:

~ 1°) Le nazioni dell’ex Patto di Varsavia (morto il 31 marzo 1991 e ufficialmente sciolto il 1° luglio del medesimo anno), oggi (2022), sotto il Patto atlantico sono più libere che se fossero sotto l’Unione Sovietica.

~ Rispondo: l’URSS si è sciolta ufficialmente il 26 dicembre del 1991. Oggi (2022), la Russia non è più sovietica. Inoltre, parlare di “libertà”, che è la facoltà di scegliere i mezzi migliori per fare il bene (S. TOMMASO D’AQUINO, De Veritate, q. 22, a. 6; q. 24, a. 3, ad 2um; S. Th., I, q. 83; De malo, q. 6, a. 1) e riferirla al modello americano, che confonde la licenza con la libertà (LEONE XIII, Enciclica Libertas praestantissimum, 1888), è improprio.

~ 2°) I teocon riducono l’intervento russo in Ucraina solo a una pura questione economica e geopolitica… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , ,

LA DICHIARAZIONE DI MONSIGNOR VIGANÒ SULLA CRISI RUSSO/UCRAINA (6 Marzo 2022) ~ Conferma che il conflitto russo/ucraino è una “guerra giusta”

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nello scorso articolo abbiamo studiato la questione della “guerra difensiva” e, dunque, lecita; poi l’abbiamo applicata al conflitto russo/ucraino (febbraio 2022).

Il 6 marzo è uscito un saggio magistrale (di 41 pagine) di monsignor Viganò sulla guerra che Putin ha dovuto muovere a Zelenskyj.

Mi permetto di riassumere le pagine di monsignor Viganò invitando il lettore a studiare con attenzione quanto scritto dall’Arcivescovo, poiché egli, meglio di ogni altro, ha dimostrato (con ordine, sintesi, concisione, prove e citazioni) come questa guerra sia difensiva e non offensiva (e dunque ingiusta); anzi, addirittura, come essa fosse stata provocata dal Mondialismo per far in modo che Putin dovesse entrare in Ucraina, affinché l’esercito NATO occupante l’Ucraina non entrasse in Russia… … …
Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , ,

LA QUESTIONE UCRAINA ~ 1 (febbraio 2022)

Questa galleria contiene 2 immagini.

Molti esperti di geopolitica hanno scritto oppure hanno fatto diverse interessanti video/conferenze, in cui hanno spiegato – molto meglio di quanto possa fare io – le ragioni per cui non tutta la colpa dell’attuale guerra russo/ucraina ricadrebbe sopra di Putin.

In quest’articolo cerco di riassumere brevemente i motivi che hanno spinto la Russia a impedire che la Nato (spinta dagli Usa) entrasse in Ucraina per poi aggredire la Russia stessa.

Innanzitutto darò i princìpi della retta filosofia e della sana teologia sulla questione della guerra giusta, onde, poi, permettere al lettore di farsi un’opinione se questa guerra sia giusta o meno… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , ,

“La Russia è rimasto l’unico baluardo geopolitico in grado di resistere agli attacchi mondialisti”

Don Curzio Nitoglia svela l’ipocrisia di quella parte di clero che apparentemente si straccia le vesti in favore dei poveri mentre nella sostanza fiancheggia una congrega di usurai che serve solo gli interessi delle grandi banche speculative private. “La Russia … Continua a leggere

Pubblicato in Geopolitica di Guerra, Putin | Contrassegnato , , , , , , | Commenti disabilitati su “La Russia è rimasto l’unico baluardo geopolitico in grado di resistere agli attacchi mondialisti”

La Triste Sorte dell’Europa Odierna

Questa galleria contiene 4 immagini.

Il Mondialismo contro Russia e Siria – Il Nuovo Ordine Mondiale vuole distruggere Putin & la Russia putiniana, poiché stanno giocando una sorta di ruolo del katéchon, ossia “l’ostacolo che trattiene” (San Paolo) le forze della Sovversione mondialista e globalizzatrice (Israele, Usa, Turchia e Arabia Saudita wahabita).

L’idea dello Stato-Nazione è vista dal nazionalismo panarabo in termini di liberazione dal giogo schiavista turco-ottomano e coloniale-illuminista franco-britannico ed è stata elaborata da intellettuali arabi, sia musulmani che cristiani. È proprio questo che il fondamentalismo wahabita e salafita, finanziatore dell’Isis non accetta e combatte con ferocia in Siria e in Iraq e in Libia e vuol rimpiazzare il concetto di patria e di “tradizione laica arabo/islamica” con quello di rivoluzione armata.

L’Europa e l’Italia del XX secolo, schiave degli Usa già a partire dalla prima e soprattutto dalla seconda guerra mondiale son divenute una mera base logistica di atterraggio e di lancio per gli aerei degli Stati Uniti d’America e d’Israele (che anch’esso, da qualche anno, ha una parte della sua flotta aerea stanziata in Sardegna). L’Unione Europea del XXI secolo è geo-politicamente e finanziariamente un’appendice del nord America, anzi un’appendicite infiammata e oramai purulenta prossima alla peritonite…. Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Vladìmir Vladimirovich Putin: la sua vita per capire il suo modus operandi e il suo pensiero

Questa galleria contiene 1 immagine.

Le recenti vicende belliche in Crimea e in Ucraina (gennaio/settembre 2014) ci fanno toccar con mano ciò che sino a ieri poteva apparire, agli occhi dei più, soltanto una probabilità. Il Nuovo Ordine Mondiale vuole distruggere Putin e la Russia putiniana, poiché stanno giocando il ruolo del katéchon, ossia “l’ostacolo che trattiene” (San Paolo) le forze della Sovversione mondialista e globalizzatrice (Israele, Usa e l’Arabia Saudita wahabita). Se non ci fosse stato Putin, gli Usa avrebbero fatto fare alla Siria la stessa fine che hanno fatto fare all’Iraq. L’ostacolo che ha fermato l’invasione della Siria, poi dell’Iran e infine della Russia è stato Putin. Questo è un fatto e “contro il fatto non vale l’argomento”.

Putin è diventato oramai per i mass media finanziati dalla “contro-chiesa” il neo-Hitler, il neo-Saddam, il neo-Gheddafi o il neo-Assad da eliminare. Si inizia con la manipolazione del pensiero (Putin viene già dato per impazzito) a mezzo stampa, televisione e radio per terminare con una condanna capitale pubblica ed esemplare (come è successo per Saddam e Gheddafi), una sorta di “Norimberga 1946/permanente” che non passa e non deve passare proprio come la shoah. … … … Inoltre la politica dell’UE nei confronti della Russia, come è successo con l’Iran e la Libia, è auto-lesionistica per l’economia della Vecchia Europa. Infatti l’embargo decretato dagli Usa e dall’UE contro la Russia ha delle ripercussioni molto gravi sull’economia europea già in semi-fallimento conclamato a partire dal 2010.

L’alleato naturale (fisico, storico, culturale e geografico) dell’Europa non dovrebbero essere forse proprio le Nazioni limitrofe dell’est europeo e del Mediterraneo: Russia occidentale o europea (non forzatamente quella asiatica), Siria e Libia? L’Atlantico non è forse uno spazio troppo vasto (rispetto al Mediterraneo e all’Europa dell’est) per poter essere valicato facilmente e rifornire, ad esempio, l’Europa occidentale di gas, che la Russia non ci darà più e che gli jiadhisti di Daesh (ISIS-ISIL…) hanno, recentemente, quasi interamente bruciato in Libia dopo la scomparsa (decretata dagli Usa del Presidente Obama ed eseguita dalla Francia del Presidente Sarkozy) di Gheddafi?
Eppure l’UE si è schierata, suicidariamente, contro i suoi vicini di terra e di mare, con i quali commerciava (importando ed esportando) e con i quali non potrà più far affari proprio nel momento del suo maggior bisogno… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , ,