Archivi tag: Papa della Chiesa

Papa della Chiesa (14): La Santa Sede e il Sionismo da Pio X a Benedetto XV ~ (Quattordicesima Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

La politica vaticana in Palestina con Benedetto XV ~ Gli storici – nell’affrontare la “questione sionista/palestinese” durante il pontificato di Benedetto XV – si interrogano innanzitutto, se sia corretto parlare in senso stretto di una vera e propria nascita, durante quel periodo, della politica della Santa Sede verso la Palestina. Infatti, è evidente che, in senso largo, la Sede apostolica ha sempre avuto una sua politica nei confronti della Terra Santa (che è la Terra di Gesù e degli Apostoli), sin dalla Pentecoste (anno 33) e dall’abbandono della Palestina da parte degli Apostoli per andare a evangelizzare il mondo intero, dopo il martirio dell’Apostolo San Giacomo il Maggiore (nel 42 in Gerusalemme) e, soprattutto, dopo quella di San Giacomo il Minore nel 62. Questa sarebbe, in senso largo, l’antica questione vaticana riguardo ai Luoghi Santi.

Da Herzl alla “Grande Guerra” ~ Tuttavia a partire dalla fine del XIX secolo (1896, la nascita ufficiale del sionismo di Teodoro Herzl) e con i primi decenni del XX (la fine della prima guerra mondiale e il crollo, nel 1917, dell’Impero ottomano che governava la Palestina da svariati secoli, rimpiazzato allora dalla Gran Bretagna) si può parlare in senso stretto “di una politica vaticana, nella Terra Santa e nelle zone limitrofe, talmente nuova – date le pressanti sfide che si profilarono allora nell’area medio/orientale e i radicali sconvolgimenti geopolitici di quegli anni – da far ritenere che si possa parlare strettamente di una vera e propria rinascita o sostanziale rifondazione della politica del Vaticano in Terra Santa” (Paolo Zanini, Nascita della politica vaticana verso la Palestina e i luoghi santi, in Alberto Melloni – diretto da – Benedetto XV. Papa Giacomo Della Chiesa nel mondo dell’inutile strage, Bologna, Il Mulino, 2017, 2° vol., p. 514). Questa sarebbe, in senso stretto, la moderna questione vaticano/palestinese.

Si può quindi asserire che con Benedetto XV nasce la vera e propria politica vaticana, nel senso stretto del termine, nei confronti dei Luoghi Santi e della Palestina, che venivano interessati allora dal nuovo sorgere del sionismo (specialmente dopo il 2 novembre 1917 con la “Dichiarazione Balfour”), esportato in Terra Santa in maniera sempre più crescente e preoccupante soprattutto dalla Gran Bretagna.

Occorre specificare che la Dichiarazione Balfour (2 novembre 1917) con cui la gran Bretagna concedeva un “Focolare nazionale” agli ebrei in Palestina fu preceduta da alcuni colloqui, nella primavera del 1917 a Roma, tra Nahum Sokolow (uno dei principali dirigenti del movimento sionista), il cardinal Pietro Gasparri e Benedetto XV, che non dettero nessun risultato mentre la Dichiarazione del 2 novembre 1917 peggiorò notevolmente i rapporti tra Santa Sede e sionismo……. … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Papa della Chiesa (13): Benedetto XV, il Problema Ebraico e Sionista ~ (Tredicesima Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

La storica Raffaella Perin – in un saggio molto interessante su cui mi baso sostanzialmente in questo articolo – affronta, soprattutto, la questione dei rapporti “interreligiosi” tra il cattolicesimo e l’ebraismo (ed anche quelli del cattolicesimo col protestantesimo) durante il pontificato di Benedetto XV. Se si studia attentamente il suo saggio, si può vedere ancora meglio (su una questione veramente cruciale come quella ebraica, la quale rappresenta la prova del nove per discernere colui che è pienamente ortodosso da coloro che non lo sono; dacché molti affrontano il problema del modernismo, del liberalismo, della massoneria, ma pochi vogliono cimentarsi con quello più scottante dell’ebraismo postbiblico), se papa Della Chiesa sia stato un Papa novatore e “postconciliare”, come sostengono alcuni neo/zeloti; oppure un Papa tradizionale e “preconciliare”, sia dal punto di vista dogmatico (vs. il giudaismo talmudico) che politico (vs. il sionismo) ed infine ecumenico (vs. il protestantesimo).

La Perin nota innanzitutto che la questione della Riforma luterana “ha avuto un ruolo non secondario nei pontificati di Pio X (quando si intrecciò con la repressione del modernismo, considerato una forma di protestantizzazione del cattolicesimo), di Benedetto XV (che respinse gli inviti a partecipare ai primi congressi ecumenici) e di Pio XI (che non solo condannò ufficialmente con l’Enciclica Mortalium animos del 1928 l’ecumenismo, ma promosse anche una vera e propria campagna antiprotestante in Italia)” (Raffaella Perin, Benedetto XV, i “figli d’Israele” e i “membri delle confessioni religiose”, in Alberto Melloni – diretto da – Benedetto XV. Papa Giacomo Della Chiesa nel mondo dell’inutile strage, Bologna, Il Mulino, 2017, 1° vol., p. 497). La storica vede giustamente una continuità di dottrina teologica e di azione politica nei pontificati di Pio X, Benedetto XV e Pio XI.
John F. Pollard, a proposito dei rapporti tra cattolicesimo e protestantesimo, sotto Benedetto XV, ha scritto che “gli aiuti umanitari promossi dalla Santa Sede durante il primo conflitto mondiale furono comparabili per estensione a quelli della Croce Rossa Internazionale” (J. F. Pollard, The Papacy in the Age of Totalitarism 1914-1958, Oxford, 2014, p. 54).

Infatti, il cardinal Pietro Gasparri, Segretario di Stato di Benedetto XV, il 22 gennaio 1915, scrisse una Lettera agli arcivescovi delle nazioni belligeranti, spiegando che il Papa intendeva non fare differenze religiose, nazionali o linguistiche nel soccorso materiale da prestare a tutti i prigionieri di guerra. Attenzione! Si parla di soccorso materiale e non di “communicatio in sacris”. Papa Della Chiesa non fu un ecumenista ante litteram, ma ebbe la carità soprannaturale che lo spinse a soccorrere, per quanto riguardava i bisogni materiali, tutte le creature umane.

È interessante notare che “quando, nel corso della prima guerra, entrambi gli schieramenti chiesero alla S. Sede di condannare le atrocità commesse dall’altra parte, la risposta fu che una presa di posizione pubblica avrebbe danneggiato gli sforzi per favorire la pace ed avrebbe messo a repentaglio il lavoro umanitario della Chiesa. Benedetto XV (Allocuzione Convocare vos, 22 gennaio 1915) aveva già condannato apertamente ogni ingiustizia da qualunque parte fosse commessa, ma il carattere di paternità universale del Papa gli imponeva di essere imparziale di fronte alle fazioni in lotta” (R. Perin, cit., p. 498) e, perciò, nessuno ebbe a protestare troppo vivamente per questa presa di posizione della Santa Sede sotto Benedetto XV; anche se bisogna precisare, come nota la storica Caterina Ciriello, che Benedetto XV già all’inizio del suo pontificato venne criticato da molte parti per i suoi “presunti silenzi”. In particolare il Papa venne stigmatizzato per non avere condannato specificatamente la brutale invasione del Belgio e venne accusato di essere filo-tedesco” (Caterina Ciriello, La prima enciclica: Ad beatissimi, in Alberto Melloni – diretto da – Benedetto XV. Papa Giacomo Della Chiesa nel mondo dell’inutile strage, Bologna, Il Mulino, 2017, 1° vol., p. 158).

Tuttavia quando, sotto il pontificato di Pio XII, si presentò una situazione analoga, durante la seconda guerra mondiale, papa Pacelli soltanto dopo la sua morte (quando non poteva difendersi) venne aggredito in maniera molto aspra dalla stampa luterana ed ebraica per i suoi “presunti silenzi” e per non aver condannato esplicitamente e pubblicamente la persecuzione degli ebrei da parte del III Reich germanico e … “la storia continua” …… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Papa della Chiesa (12): La Prima Enciclica di Papa Benedetto XV, 1° Novembre 1914 ~ (Dodicesima Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

La storica Caterina Ciriello spiega che “non è semplice accertare la genesi di questa Enciclica [Ad beatissimi, ndr], per il fatto che non esistono precedenti ricerche in proposito ed anche le indagini archivistiche condotte non hanno dato risultati utili allo scopo. Siamo dunque davanti ad un terreno completamente inesplorato, sul quale si possono costruire molteplici ipotesi” (Caterina Ciriello, La prima enciclica: Ad beatissimi, in Alberto Melloni – diretto da – Benedetto XV. Papa Giacomo Della Chiesa nel mondo dell’inutile strage, Bologna, Il Mulino, 2017, 1° vol., p. 153).

Tuttavia la storica aggiunge: “Anzitutto va detto che Benedetto XV, seguendo la linea del suo antesignano [Pio X, ndr], non mette in secondo piano la questione romana. […]. Papa Della Chiesa coglie l’occasione per rimarcare l’autorità del magistero della Chiesa e l’ossequio ad esso dovuto, lasciando la libertà di esprimere pareri e di discutere su argomenti non toccati dal pronunciamento magisteriale, rifuggendo ogni eccesso di parole, potendone derivare gravi offese alla carità” (cit., p. 153 e 156).

Al contrario certi autori hanno voluto vedere in questa prima Enciclica di Benedetto XV una sorta di programma cripto-modernista, in opposizione al pontificato di Pio X, ma in realtà da quanto emerge dalla Enclica le cose non stanno così.

Papa Benedetto XV, nella sua prima Enciclica, espone il programma del suo Pontificato. Innanzitutto egli lamenta lo spettacolo triste che presenta il mondo attuale e lo definisce “il più tetro forse ed il più luttuoso della storia dei tempi. […]. Il tremendo fantasma della guerra domina dappertutto”.

La guerra è la grande (ma non l’unica) preoccupazione del Papa. Infatti sarebbe riduttivo fare di Benedetto XV unicamente “il Papa della pace” come si può evincere già dalla sola lettura di quest’Enciclica ricca di contenuti, in cui egli ricerca – tra le altre cose – la causa del Primo Conflitto Mondiale per fornire agli uomini un rimedio profondo a tanto male (cfr. Caterina Ciriello, La prima enciclica: Ad beatissimi, in Alberto Melloni – diretto da – Benedetto XV. Papa Giacomo Della Chiesa nel mondo dell’inutile strage, Bologna, Il Mulino, 2017, 1° vol., pp. 150-162).
Nella prima parte dell’Enciclica il Pontefice illustra, sconsolato, la triste situazione degli Stati nel tempo radicalmente rivoluzionario a lui coevo, e, nella seconda parte scrive sulla situazione interna della Chiesa nel tempo presente, rallegrandosene “almeno in parte”.

La causa della Guerra Mondiale, definita “furibonda guerra” (ivi), scrive il Papa, è la lotta che la modernità ha mosso alla Chiesa, che consiste nella separazione dello Stato dalla Chiesa e che “rode le viscere dell’odierna società” (ivi). Infatti “da quando nell’ordinamento statale si è lasciato di osservare le norme e le pratiche della saggezza cristiana, gli Stati hanno cominciato a vacillare nelle loro basi e ne è seguito nelle idee e nei costumi un tale cambiamento che, se Dio non provvede, sembra già imminente lo sfacelo del consorzio umano”… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Papa della Chiesa (11): il Conclave del 1914 ~ In Appendice: Benigni e il Giudaismo ~ (Undicesima Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il quotidiano milanese Il Corriere della Sera, uscito in edizione straordinaria il giorno della morte del Papa (La morte di Pio X, 20 agosto 1914, p. 1), nota che “scompare il Papa religioso in un’ora che forse renderà necessario un Papa politico”. Infatti proprio il 20 agosto le truppe germaniche avevano occupato Bruxelles. Bisognava affrontare il problema della prima guerra mondiale. Quindi ci sarebbe voluto un Pontefice molto abile nella diplomazia, nella politica, nelle questioni di diritto e questi era il cardinale Giacomo Della Chiesa, allievo del Rampolla, che era stato Segretario di Stato di Leone XIII. Assieme al Della Chiesa avevano lavorato nella Curia vaticana anche monsignor Achille Ratti (il futuro Pio XI dal 1922 al 1939) e monsignor Eugenio Pacelli (il futuro Pio XII dal 1939 al 1958), i quali dovettero confrontarsi con i prodromi e lo scoppiar del secondo conflitto mondiale, essendo anche loro abili “politici” e giuristi, formatisi alla scuola rampolliano/pecciana, ma non per questo modernisti.

Come avevano ben intuìto i giornalisti, dal conclave del 1914 (iniziato quando era appena cominciata la prima guerra mondiale) sarebbe uscito un Papa soprattutto “politico” o diplomatico, ossia atto ad affrontare una questione ampiamente, anzi universalmente politica come la prima guerra mondiale, che avrebbe trasformato totalmente la faccia dell’Europa (fine dell’Impero austriaco) e del mondo, data la partecipazione decisiva degli Usa ad essa e il suo progressivo affacciarsi sulla scena del dominio mondiale, che dura ancora oggi.

La medesima situazione si presentò nel 1939, quando alla vigilia della seconda guerra mondiale, durante il conclave successivo alla morte di papa Ratti, verrà eletto un altro Papa “politico” (papa Pacelli), ma ciò non significa che non fosse “religioso” oppure che Pio XII (al pari di Pecci, Della Chiesa e Ratti) sia stato un Papa “liberale” o “modernista”.

Pio X, a ragione, viene detto Papa “religioso” poiché il problema principale che dovette affrontare durante il suo pontificato fu eminentemente religioso (il modernismo) e non politico (la guerra mondiale); tuttavia ciò non significa che San Pio X non abbia affrontato anche questioni di natura sociale, politica ed economica (PPI, Democrazia cristiana, Sillon); come pure Benedetto XV dovette risolvere anche problemi filosofici e teologici (tomismo, modernismo, esegesi razionalista) e non soltanto diplomatico/politici.

Alcuni storici…. … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Papa della Chiesa (10): Monsignor Della Chiesa: la prima “Carta Pastorale alla Diocesi di Bologna”, 10 febbraio 1908 ~ (Decima Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Pio X nomina vescovo Giacomo Della Chiesa (4 ottobre 1907)
Monsignor Giacomo Della Chiesa fu nominato Arcivescovo di Bologna da San Pio X, durante un’udienza privata, il 4 ottobre del 1907; fu consacrato Vescovo dal Papa in persona il 22 dicembre 1907; ricevette l’exequatur del governo italiano il 9 febbraio del 1908, e, prese possesso ufficialmente della sua diocesi il 22 febbraio 1908, arrivando in forma privata a Bologna due giorni prima: il 20 febbraio 1908.

La Lettera pastorale (10 febbraio 1908)
Secondo la prassi, allora abituale, il Vescovo neoeletto iniziava a comporre la sua prima Lettera pastorale, rivolta al clero e ai fedeli della diocesi affidatagli dal Papa, ancora prima di giungervi; così fece anche monsignor Della Chiesa; tuttavia la sua Lettera pastorale venne datata al 10 febbraio 1908, ossia il giorno successivo al suo insediamento.

Monsignor Della Chiesa sino al 1907 aveva lavorato in Curia (a Roma e a Madrid) e non aveva ancora avuto esperienze pastorali o diocesane. Tuttavia, come spiega Antonio Scottà (A. Scottà, Giacomo Della Chiesa Arcivescovo di Bologna: 1908-1914. L’«ottimo noviziato» episcopale di papa Benedetto XV, Soveria Mannelli, 2002, pp. 98-100), lavorando sotto il cardinale Raffaele Merry del Val in Segreteria di Stato, il monsignore genovese aveva seguìto personalmente il caso della condanna di Alfred Loisy sin dal 1905 non da un punto di vista dottrinale (che spettava al Sant’Uffizio), ma dovette leggere la corrispondenza tra Loisy e il S. Uffizio, svolgendo un lavoro di intermediazione e di esecuzione di quanto disposto dal S. Uffizio.
Occorre dire che Alfred Loisy (1854-1940) dopo essere entrato in seminario a soli 17 anni nel 1874, venne ordinato sacerdote nel 1879 (a 22 anni); nel 1881 ricevette la cattedra di ebraico all’Istituto Cattolico di Parigi a soli 24 anni, ma nelle sue Mémoires (Parigi, 3 volumi, 1930-1931, I vol., p. 154) scrisse che dopo soli 7 anni di sacerdozio, a 29 anni (nel 1886), cominciò a sentirsi “estraneo alla Chiesa”. Egli fu, certamente, uno dei maggiori rappresentanti del modernismo specialmente storico ed esegetico. Nel 1909 fu scomunicato e…. … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Papa della Chiesa (9): Benedetto XV, Monsignor Benigni e il programma del “Sodalitium Pianum” ~ (Nona Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Modernismo come “setta segreta” ~ San Pio X ha definito il modernismo una “setta segreta / foedus clandestinum” (Sacrorum Antistitum, 1° settembre 1910). Ora per combattere una setta che lavora in segreto, occorre prendere atto della sua segretezza, altrimenti si spara a vuoto in quella che non è una guerra convenzionale, ma una “guerra occulta”. Lo spionaggio viene combattuto con il contro/spionaggio; i servizi segreti nemici vanno combattuti con i propri servizi segreti purché non siano “deviati”. Un serpente che si nasconde tra l’erba folta non lo si schiaccia sparando in aria contro gli uccelli, ma andando alla ricerca del suo covo nascosto.

L’obiettivo di questa “setta segreta” detta anche “quinta colonna nemica”1 composta di “membri segreti o coperti” all’interno della Chiesa, era duplice: 1°) diffondere nella Chiesa alla chetichella, sotto veste ufficiale di apparente cattolicesimo genuino, sistemi teologici in realtà gravemente erronei; 2°) introdursi occultamente nei posti chiave della Chiesa – cattedre universitarie, direzione dei seminari, parrocchie importanti, e, soprattutto, sogli episcopali e specialmente occupare il Papato – per prenderne la guida e cambiarla di nascosto dal di dentro.

In questo modo l’eresia modernista cercava d’infiltrarsi il più profondamente possibile nelle viscere stesse della Chiesa, erodendola dall’interno e lasciandone solo l’apparenza (come fanno i tarli col legno), per disorientare i fedeli, insegnando loro, quasi con l’autorità apparentemente propria della Chiesa, gli errori da questa condannati realmente e distruggerla, così, si fieri potest. Questo è stato il colpo maestro di satana sempre tentato dalla contro-chiesa, ma riuscito solo a partire dal Vaticano II.

Si comprende facilmente che questa “setta segreta” o “foedus clandestinum”, la quale è il “compendio di tutte le eresie” (Pio X, Enciclica Pascendi, 1907), avrebbe realizzato la sua impresa, se fosse riuscita a rimanere completamente occulta all’interno degli ambienti cattolici. Di qui la necessità di combatterla servendosi di metodi leciti, riservati, non eccessivamente pubblicizzati, che svelassero il piano occulto e segreto dei modernisti, come era già avvenuto per il marranesimo nel XV secolo…. … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Papa della Chiesa (8): Monsignor Giacomo Della Chiesa, dall’episcopato al cardinalato sino ai primi anni del Sommo Pontificato ~ (Ottava Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il 4 ottobre del 1907 S. Pio X nominò monsignor Della Chiesa Arcivescovo di Bologna, ricevendolo in udienza privata. “Si è detto che questa nomina è stata fatta per allontanarlo da Roma a causa delle divergenze politiche tra il Segretario di Stato Card. Rafael Merry del Val e il suo sostituto Mons. Della Chiesa, ma nella lunga lettera che quest’ultimo indirizzò al primo, il giorno dopo della sua nomina canonica a Bologna, si legge tutto il contrario. Egli vi narra l’incontro che ebbe con il Papa il quale lo elogiò vivamente e disse che lo inviava a Bologna poiché aveva bisogno di buoni Vescovi. […]. S. Pio X il 22 dicembre consacrò personalmente Vescovo Mons. Della Chiesa e, fatto eccezionale, partecipò al banchetto offerto dal nuovo Arcivescovo” (Y. Chiron, op. cit., p. 94). Dunque è difficile riscontrare una certa freddezza o diffidenza di papa Sarto verso monsignor Della Chiesa.

Il cardinalato ~ Nel Concistoro del 27 novembre 1911 S. Pio X nominò 19 Cardinali, ma non c’era l’Arcivescovo di Bologna quando erano passati oramai 6 anni dalla sua nomina arcivescovile. Qualcuno ha detto che questo ritardare sino all’ultimo la porpora cardinalizia a Mons. Della Chiesa sia stato dovuto all’opposizione del Card. Merry del Val che lo riteneva poco vigilante nei confronti dei modernisti (Y. Chiron, op. cit., p. 115).

In effetti a Bologna Mons. Della Chiesa aveva manifestato una certa indulgenza verso…. … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Papa della Chiesa (7): la formazione giovanile di Giacomo Della Chiesa tra cattolicesimo “moderato” e “integrale” ~ (Settima Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Padre Giacomo Raggi e la vocazione giovanile di Giacomo Della Chiesa.

La vocazione del giovane Giacomo Della Chiesa è stata coltivata da un suo parente morto in odore di santità: il frate cappuccino Giacomo Raggi, come disse lo stesso papa Benedetto XV il 21 settembre 1914, durante un’udienza privata con il ministro generale dei frati minori cappuccini (Aldo Gorini, Giacomo Raggi da Genova frate cappuccino e la vocazione di Giacomo Della Chiesa, in Alberto Melloni – diretto da – Benedetto XV. Papa Giacomo Della Chiesa nel mondo dell’inutile strage, Bologna, Il Mulino, 2017, 1° vol., p. 29).

Giacomo Filippo Ignazio Raggi nacque a Genova il 12 agosto 1812 da due esponenti dell’aristocrazia genovese ed ebbe quattro sorelle, di cui l’ultima (Ersilia) sposò il marchese Migliorati, che generò Giovanna, la moglie del marchese Giuseppe Della Chiesa e madre di Benedetto XV. Quindi padre Raggi era il fratello della nonna materna del futuro Papa (Aldo Gorini, Giacomo Raggi da Genova frate cappuccino e la vocazione di Giacomo Della Chiesa, cit., p. 30; cfr. F. Callaey da Anversa, La famiglia di Benedetto XV e l’ordine dei frati minori cappuccini, Roma, 1916, pp. 10 e 44).

Il giovane Giacomo Raggi compì gli studi classici nel collegio dei padri gesuiti di Genova, poi frequentò brevemente alcuni circoli aristocratici abbastanza mondani, ma ben presto li abbandonò e non volle seguire il desiderio dei genitori che volevano fargli intraprendere la carriera diplomatica, cominciò ad apprezzare la vita religiosa e decise di entrare nell’ordine dei cappuccini (cfr. F. Callaey da Anversa, cit., p. 45).

Nel 1830, il giovane Giacomo Raggi si recò…. … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Papa della Chiesa (6): Guido Aureli: il Manoscritto su “Monsignor Benigni e Pio X” ~ (Sesta Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nello scorso articolo abbiamo affrontato la questione dei rapporti intercorsi tra Guido Aureli, monsignor Umberto Benigni, Giovanni Preziosi, San Pio X e Benedetto XV. Tale questione è stata sviscerata soprattutto alla luce della figura di Preziosi: una personalità tragica, complessa, non priva – nella sua seconda fase giornalistica (1921-1945) antimassonica e antigiudaica – di una certa genialità e serietà metodologica di lavoro.

Tuttavia non si è potuto non rimarcare come, soprattutto da parte del Benigni e dell’Aureli, la collaborazione col Preziosi (che sino al 1921 era stato un sacerdote profondamente modernista, avverso a Pio X, arrivando poi anche ad abbandonare il sacerdozio) sia stata poco coerente coll’integrismo cattolico da loro professato; mentre Preziosi dal punto di vista delle sue idee poteva non avere alcuna difficoltà etica ad accettare la collaborazione di Benigni e di Aureli alla sua rivista.

In quell’articolo mi son basato, soprattutto, sulla prima parte del saggio intitolato Il complottismo di un nostalgico integralista. Guido Aureli e il suo memoriale su Monsignor Benigni e Pio X (Brescia, Morcelliana, “Modernism”, 2018, pp. 159-222).

Questa prima parte, curata dalla storica francese Nina Valbousquet, è un’introduzione storico/teologica al “memoriale di Guido Aureli su Pio X e monsignor Benigni”, che si estende da pagina 159 a pagina 179 della succitata rivista “Modernism” (Brescia, Morcelliana, 2018) e che ha messo molto bene in luce il rapporto, a dir poco “sorprendente”, intercorso tra Guido Aureli, monsignor Benigni e Giovanni Preziosi.

La seconda parte, di cui mi occupo adesso, è stata curata da Alejandro Mario Dieguez, ed è l’edizione critica del documento stilato…. … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Papa della Chiesa (5): Guido Aureli e Monsignor Benigni ~ (Quinta Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Studiando un interessante saggio di Nina Valbousquet e Lejandro Mario Dieguez (Il complottismo di un nostalgico integralista. Guido Aureli e il suo memoriale su Monsignor Benigni e Pio X, Brescia, Morcelliana, “Modernism”, 2018, pp. 159-222) si legge, a pagina 177-178, che «l’apice della polemica antigesuita di Benigni fu certamente raggiunto nel 1927 con la pubblicazione di un suo saggio in “La Vita Italiana” di Giovanni Preziosi, accusando i gesuiti di formare un’internazionale antifascista (XXX [U. Benigni], L’altra “Internazionale”: Qual è l’atteggiamento dei gesuiti di fronte all’Italia fascista?, in “La Vita Italiana”, marzo/aprile 1927, pp. 69-73)».
Nello scorso articolo abbiamo visto la polemica condotta, durante gli anni Venti/Trenta, da monsignor Benigni (Perugia 1862 – Roma 1934) contro i gesuiti in generale, La Civiltà Cattolica e specialmente contro il suo direttore, padre Enrico Rosa; che erano ritenuti da lui sic et simpliciter modernisti ed abbiamo dovuto constatare che i gesuiti, padre Rosa e la rivista da lui diretta, La Civiltà Cattolica, negli anni Venti/Trenta non erano modernisti (basta leggere gli articoli di padre Rosa, la rivista dei gesuiti e studiare la storia della Compagnia di Gesù per accertarsene); certamente si può preferire il programma degli “integrali” (che condivido in pieno), ma non si può dire che gli scritti di padre Rosa siano liberal/modernisti o “moderati” nel senso peggiorativo del termine, ossia modernizzanti se non addirittura modernisti.
Purtroppo il modo di agire del monsignore perugino (che non è condivisibile alla pari del suo programma) lo portava a degli eccessi nel condannare, come modernista, ogni divergenza (anche solo pratica) dal suo modo di vedere le cose.
Inoltre il guaio più grande è che monsignor Benigni, così facile a stroncare i minimi difetti degli altri, è stato molto disinvolto a concedersene alcuni, che sono oggettivamente abbastanza gravi. Mi riferisco alla sua collaborazione con Giovanni Preziosi, di cui tratta la Valbousquet… infatti nell’aprile del 1927 il monsignore perugino scrisse un articolo contro i gesuiti qualificandoli come “internazionale antifascista” proprio sulla rivista La Vita Italiana fondata e diretta da Giovanni Preziosi…. … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Papa della Chiesa (4): Pio X e Benedetto XV: Continuità o Rottura? ~ (Quarta Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nel presente articolo mi avvalgo di un saggio critico redatto da Annibale Zambarbieri, che è intervenuto per illustrare – anche in base alle più recenti acquisizioni dei documenti sui pontificati di Pio X e di Benedetto XV – quali siano state le eventuali differenze o “discontinuità” tra San Pio X e papa Giacomo Della Chiesa (cfr. A. Zambarbieri, Continuità e discontinuità: Pio X, Benedetto XV, Pio XI, in A. Melloni – diretto da – Benedetto XV. Papa Giacomo Della Chiesa nel mondo dell’inutile strage, Bologna, Il Mulino, 2017, II vol., pp. 1111-1119).

Attenzione! Gli storici – su cui mi baso sostanzialmente, ma non esclusivamente per questa serie di articoli – sono teologicamente progressisti, modernizzanti e qualcuno persino filomodernista, ma tolto il loro giudizio “teologico” personale (che non condivido assolutamente) sui fatti che commentano, la loro ricerca storica è stata fatta oggettivamente molto bene ed è basata su documenti che sono divenuti solo recentemente consultabili. Quindi mi avvalgo delle informazioni oggettive e recenti che ci danno, non condivido il loro giudizio personale sfavorevole nei riguardi di San Pio X assieme al cattolicesimo integrale e favorevole nei confronti dei modernisti.

Tuttavia noto una certa convergenza di conclusioni personali – quanto al giudizio portato su Benedetto XV – tra monsignor Benigni con il suo entourage e questi storici filomodernisti. Infatti entrambi vorrebbero ricondurre (per eccesso o per difetto, da “destra” o da “sinistra”) la figura di Benedetto XV alla corrente del modernismo, presentandolo in rottura sostanziale con Pio X; monsignor Benigni per dare addosso a Benedetto XV; i progressisti per screditare San Pio X e il cattolicesimo integralmente tradizionale ed antimodernista. Non concordo con questa tesi preconcetta (Benedetto XV modernista o liberale), che è smentita dai fatti storici e dai documenti dottrinali e magisteriali di monsignor Giacomo Della Chiesa (poi Benedetto XV).

Personalmente propendo per il cattolicesimo integrale (monsignor Henry Delassus, monsignor Leon Meurin, monsignor Ernest Jouin, monsignor Luigi Carli, monsignor Francesco Spadafora, monsignor Antonino Romeo, monsignor Pier Carlo Landucci …), ma non posso accettare il modo di agire di alcuni “integrali”… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Papa della Chiesa (3): Il Modernismo e i Modernisti Durante il Pontificato di Benedetto XV ~ (Terza Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Benedetto XV ha avuto un’attitudine sostanzialmente diversa da quella di San Pio X nei confronti del modernismo? Alcuni lo sostengono. Tuttavia, se si studiano gli atti e la storia del pontificato di papa Della Chiesa e li si confrontano con quelli di papa Sarto, si riscontra che – quanto all’esposizione della dottrina cattolica e alla condanna teoretica del modernismo – non vi fu assolutamente alcun cambiamento. Infatti, dottrinalmente, Benedetto XV è stato un Papa assolutamente ortodosso e chiaramente antimodernista; mentre si riscontra realmente un diverso modo di agire, soprattutto, per quanto riguarda le condanne nei confronti di alcuni singoli modernisti, poiché Benedetto XV in ciò fu meno intransigente di Pio X.

Ciò significa forse che il primo avesse delle tendenze, se non teoreticamente moderniste, almeno praticamente modernizzanti? Non mi sembra.

Cercherò di approfondire questo tema, studiando la questione testé sollevata, fondandomi su un recente saggio molto interessante e ben documentato di Giovanni Vian e naturalmente su quello che ha scritto negli anni Sessanta/Settanta uno dei massimi studiosi del cattolicesimo integrale e del modernismo, Emile Poulat (Intégrisme et catholicisme intégral, Tournai, Casterman, 1969; Catholicisme, démocratie et socialisme. Le mouvement catholique et Mgr Benigni, Tournai, Casterman, 1977) a questo riguardo.

Il conclave del 1914 ~ Abbiamo già parlato brevemente della morte di San Pio X e del conclave che la seguì, in cui venne eletto Papa il cardinale Giacomo Della Chiesa, il quale prese il nome di Benedetto XV. Ora, grazie alle memorie del cardinale Piffl (di cui parlerò oltre), sappiamo che in quel conclave alcuni storici, per schematizzare, videro una certa contrapposizione tra due schieramenti: 1°) quello dei cattolici “integrali”, che avrebbero voluto un Papa in piena continuità teoretica e pratica con il pontificato di Pio X, capeggiato dai cardinali Raffaele Merry del Val, Gaetano De Lai e Tommaso Pio Boggiani e 2°) quello dei cattolici “moderati”, che avrebbero voluto un pontificato senza… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Papa della Chiesa (2): Le Vicissitudini del Cattolicesimo Integrale Sotto Benedetto XV e Pio XI ~ (Seconda Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Divergenze di carattere o teologiche tra Della Chiesa e Benigni?

Nella prima parte di questa serie di articoli abbiamo visto, per sommi capi, i rapporti conflittuali che sono intercorsi tra l’ala detta “moderata” e quella detta “integrale” nell’ambiente ecclesiale da San Pio X (1903 – 1914) sino a Benedetto XV (1914 – 1922).

Ora approfondiamo il tema, studiando dettagliatamente e un po’ alla volta i diversi profili storici, di carattere e teologici dei loro principali rappresentanti (Rampolla, Della Chiesa, Gasparri, Ratti, Sarto, del Val, De Lai, Boggiani, Benigni). Cercheremo – pure a partire dalle vicissitudini che hanno caratterizzato le loro vite – di scorgere le affinità e le diversità non solo di carattere o di sensibilità, ma anche le sfumature filosofico/teologiche, che immancabilmente diversificano un uomo da tutti gli altri.

Il cardinal Pietro Gasparri, nelle sue memorie, ha descritto una reciproca diversità, se non addirittura un certo vicendevole “dissenso”, tra Umberto Benigni (riconducibile all’ala cattolico/integrale ben supportata durante il pontificato di Pio X) e Giacomo Della Chiesa (il futuro Benedetto XV, che sarà quanto al modo di agire più moderato di papa Sarto e in questo senso ricondotto all’ala moderata dell’ambiente ecclesiale): “Né monsignor Benigni era in odore di santità presso Benedetto XV, né questi presso monsignor Benigni” (G. Spadolini, Il cardinale Gasparri e la questione romana, Firenze, Le Monnier, 1972, p. 114).

Ciò che occorre studiare in queste pagine è se questa divergenza fosse stata solo una questione di diverse sensibilità, caratteri e modi di agire oppure se vi fossero all’origine serie contrapposizioni dottrinali e teologiche tra i due monsignori. Si noti che il Gasparri ha parlato di “non essere in odore di santità” e non di “eterodossia” o di “errori per eccesso o per difetto”… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Papa della Chiesa (1): Monsignor Benigni, Benedetto XV, Cattolici Integrali e Moderati ~ (Prima Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Premessa ~ Alcuni autori vogliono vedere in Benedetto XV un Papa liberale in senso stretto, ossia modernizzante se non proprio modernista. Per appurare se tale asserto corrisponda alla verità, considerando che il liberalismo è come minimo un grave errore teologico e il modernismo è “la sintesi di tutte le eresie”, è ben studiare i rapporti intercorsi tra il Sodalitium Pianum (d’ora in poi SP) di monsignor Umberto Benigni (1862 – 1934), papa Pio X e papa Benedetto XV.

Infatti San Pio X fu il principale martello del modernismo e monsignor Benigni ebbe dei rapporti di collaborazione con papa Sarto per debellare il modernismo e i modernisti tramite il SP, Benedetto XV succedendo a Pio X ne continuò l’opera magisteriale di condanna del modernismo, ma quanto al modo di agire verso i modernisti, fu certamente molto più moderato e, sotto il suo pontificato, l’associazione di monsignor Benigni venne sciolta.

Ora, ci si domanda, questo diverso modo di agire può giustificare l’accusa estremamente grave di “liberalismo” o “modernismo” rivolta a papa Giacomo Della Chiesa?… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento