Archivi tag: Concilio di Gerusalemme

GLI “ATTI DEGLI APOSTOLI”: pubblicazione Nuovo Testamento con Atti degli Apostoli a cura di p. Marco Sales (Effedieffe)

Questa galleria contiene 2 immagini.

Le Edizioni EFFEDIEFFE, nel novembre 2016, hanno terminato,finalmente, la pubblicazione del Nuovo Testamento con la stampa degli Atti degli Apostoli a cura di padre Marco Sales.

Il libro consta di 167 pagine, costa 13 euro, 60 e può essere richiesto a Effedieffe (link alla pagina)

Gli Atti sono la storia della Chiesa di Cristo dopo la sua Ascensione in Cielo e mostrano come la persecuzione della Chiesa sia stata scatenata dal Giudaismo talmudico, che si è servito in parte dei soldati di Roma, avendo notevoli conoscenze in alto loco nell’Urbe.

Inoltre gli Atti ci fanno capire in maniera inequivocabile come la salvezza con Cristo è stata offerta a tutti: ebrei e pagani purché accettino la fede in Cristo vero Dio e vero uomo e si sforzino di osservare il Decalogo. Infatti “senza la fede è impossibile piacere a Dio” (Ebr., XI, 6), ma “la fede senza le opere è morta” (Giac., II, 14).

I fatti più importanti narratici dagli Atti sono l’Ascensione di Gesù in Cielo e la Pentecoste (30 d. C.), il martirio di Santo Stefano (35), la conversione di San Paolo (36), il martirio di San Giacomo (42), il Concilio di Gerusalemme (50), l’arrivo di San Paolo a Roma (60) la sua prigionia di due anni (61-62) e il suo martirio (64) alle “Tre Fontane”.

Le note sono accurate, profonde e comprensibili.

Consiglio a tutti lo studio di quest’ottimo Commento agli Atti degli Apostoli… Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Casi in cui è Doveroso Resistere all’Autorità Ecclesiastica ~ Alcuni esempi pratici della storia della Chiesa

Questa galleria contiene 1 immagine.

Già nel 50 d. C., neppure 20 anni dopo la morte di Gesù, al Concilio di Gerusalemme, si assisté ad un fatto riportato dalla S. Scrittura, commentato dai Padri ecclesiastici, dai Dottori scolastici e dagli storici della Chiesa . Infatti è divinamente rivelato che, qualche tempo prima, San Pietro ad Antiochia si comportò in maniera riprovevole e San Paolo lo rimproverò …[…]… San Roberto Bellarmino: «Com’è lecito resistere al Pontefice che aggredisce il corpo, così pure è lecito resistere a quello che aggredisce le anime o perturba l’ordine civile, o, soprattutto, a quello che tenta di distruggere la Chiesa. Dico che è lecito resistergli non facendo quello che ordina ed impedendo la esecuzione della sua volontà: non è però lecito giudicarlo, punirlo e deporlo, poiché questi atti sono propri di un superiore»… Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento