Archivi tag: Articoli don Curzio

IL GIUDAISMO E IL CRISTIANESIMO NELLA “SOMMA TEOLOGICA” DI SAN TOMMASO D’AQUINO

Questa galleria contiene 1 immagine.

Cerco, nel presente articolo, di compendiare la dottrina cattolica sui rapporti tra Giudaismo (mosaico, talmudico) e Cristianesimo.
Mi accingo a rendere accessibile a tutti i lettori, la dottrina cattolica tradizionale su questo tema, che oggi (da Giovanni XXIII sino a papa Bergoglio) è molto dibattuto e assai mal presentato soprattutto in ambiente ecclesiale, specialmente a partire dalla Dichiarazione Nostra aetate del Concilio Vaticano II (28 ottobre 1965), la quale ha giudaizzato quasi completamente la mentalità dei Cristiani contemporanei.
Inizio con San Tommaso d’Aquino che ha riassunto, meglio di ogni altro, la dottrina della S. Scrittura, della Tradizione apostolica e patristica, del Magistero ecclesiastico sul rapporto tra Giudaismo e Cristianesimo e ne ha dato una spiegazione teologica, mediante sillogismi, spiegazione che soddisfa tutte le domande e le obiezioni che ci si possa porre su questo tema; precisa i termini, rende più chiara e sicura la Teologia patristica grazie al metodo della Teologia scolastica e ci mette in guardia contro “il pericolo dell’ora presente”: la giudaizzazione cabalistico/talmudista del Cristianesimo… … …
Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , ,

L’ANTIEVANGELO EBRAICO, LE «TOLEDÒTH JÉSHU»

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nei mesi di novembre/dicembre del 2019, in prossimità del Natale, sono stati pubblicati due manifesti pubblicitari assai offensivi contro Gesù (nel primo bacia in bocca Satana; poi nel secondo è rappresentato come pedofilo) e un terzo, è stato pubblicato proprio l’8 dicembre: Festa dell’Immacolata Concezione, contro la Madonna (ingiuriata proprio nella sua Immacolata Concezione).

L’origine di tali insulti blasfemi va ricercata nelle famigerate Toledòth Jéshu, ossia l’Anti-evangelo della contro-chiesa ebraica o “Sinagoga di Satana” come la chiamava l’Apostolo San Giovanni nell’Apocalisse (II, 9; III, 9).

Nel 1985 usciva in Italia (per le Edizioni Newton Compton di Roma) un libro molto interessante a cura dell’attuale Rabbino capo di Roma – l’amico di Benedetto XVI e di papa Bergoglio ma acerrimo nemico di Cristo – che trattava in maniera molto esaustiva la questione delle Toledòth, delle quali poco sappiamo noi Cristiani, soprattutto dopo lo sdilinquimento cerebrale filogiudaico del Vaticano II.

Naturalmente le copie di questo libro scomparvero rapidamente dalle librerie poiché esso avrebbe potuto risvegliare la coscienza cattolica assopita da 30 anni di modernismo giudaizzante e suscitare, così, una sana reazione da parte dei Cristiani (come avvenne nel 2007 per il libro Pasque di sangue del Rabbino Ariel Toaff, per le Edizioni Il Mulino di Bologna, sull’omicidio rituale ebraico perpetrato ai danni dei bambini cristiani).

Nel presente articolo cercherò di mostrare ai lettori… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , ,

NÉ ERESIA NÉ SCISMA

Questa galleria contiene 1 immagine.

Purtroppo è un fatto oggettivamente costatabile che papa Francesco, dal 2103, proferisce continuamente eresie materiali ed errori contro la Fede e la Morale.
Difronte a questo stato deplorevole in cui versa l’ambiente ecclesiale, ossia gli uomini di Chiesa e non la Chiesa in sé – la quale è una Società soprannaturale fondata da Cristo, pur se composta di persone umane e dunque inclini all’errore e al male – occorre prendere posizione, evitando tuttavia due errori che ci porterebbero 1°) all’ERESIA, se si seguisse l’insegnamento oggettivamente e materialmente ereticale di Bergoglio; o 2°) allo SCISMA, se si negasse – anche solo praticamente e implicitamente… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , ,

La Metafisica tomistica non è il commento ma è il perfezionamento di quella aristotelica

Questa galleria contiene 1 immagine.

Dio è Atto puro da ogni potenza; perciò, Egli è perfezione (atto) illimitata senza nessuna imperfezione (potenza). 

Ora, siccome – per S. Tommaso – la perfezione ultima è l’essere (e non l’essenza come per Aristotele), Dio è l’Essere per sua Essenza. “Ego sum qui sum / Jaweh” in ebraico. Come ha rivelato Egli stesso (Ex. III, 14). L’Angelico Lo chiama anche “ipsum Esse subsistens”. 

Dio non riceve nulla da nessuno, non è “ab alio”, ma è “a Se” o “Aseitas”. Non è soltanto per se stesso sussistente, come la sostanza, che non è sussistente in alio (come lo è l’accidente), ma in se stessa è soggetto di accidenti e riceve l’essere ab Alio. 

Infatti, le sostanze finite ricevono l’essere ab Alio ossia da Colui che è l’Essere per sua stessa natura, cioè da Dio, il quale è Actus irreceptus et irreceptivus, ossia  non è ricevuto in nessuna capacità, potenza, limite e non riceve nessun altro atto o perfezione. Solo Dio è il suo stesso Essere, mentre tutte le altre creature hanno l’essere, lo ricevono o lo partecipano, sono enti per partecipazione, mentre Dio è l’Ente per essenza. 

Questa conclusione è il vertice della metafisica tomistica, la quale è originalissima e sorpassa “infinitamente” (per partecipazione) quella aristotelica, come l’essere in quanto atto ultimo, sorpassa l’essenza in quanto atto primo… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , ,

Risposta ad Andrea Cionci (1-prima parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Andrea Cionci in un’intervista fatta da Marco Cosmo – il 26 marzo 2021 – sul suo canale “Il decimo toro”, intitolata “Chiesa di Cristo o dell’Anticristo?” (https://youtu.be/8vUHRzKxQ4W), asseriva che per riparare agli errori di Bergoglio occorresse fare un scisma. 

Inoltre in un articolo del 24 agosto 2022 – sul quotidiano Libero – Cionci, citando un mio articolo, contesta l’asserzione che Giuda fosse Apostolo e diavolo.

Nel presente articolo confuto le teorie di Cionci sia sull’elogio dello scisma (prima parte) sia sul fatto che non fosse possibile essere assieme Apostolo e diavolo (seconda parte)… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , ,

GIUDA/BERGOLIO APOSTOLO E DIAVOLO? ~ Nello stesso tempo ma non sotto lo stesso rapporto

Questa galleria contiene 1 immagine.

Può una stessa persona (per esempio, Giuda Iscariota) essere assieme Apostolo di Gesù Cristo e diavolo?

In san Paolo è divinamente rivelato che gli Apostoli sono “Ministri di Dio e dispensatori dei Misteri di Dio” (2a Cor., V, 20) mentre – sempre nella S. Scrittura (Gen., III, 1; Apoc., XII, 9; XX, 2) – il diavolo è l’Angelo rivoltatosi contro Dio e perciò precipitato all’Inferno (cfr. Concilio Lateranense IV, DB 428; S. Tommaso d’Aquino, S. Th., I, q. 63 ss.). Come conciliare questi due concetti? Cerchiamo una risposta ricorrendo alla divina Rivelazione (S. Scrittura e Tradizione, interpretate dal Magistero della Chiesa).

Nel Vangelo di San Giovanni (VI, 71-72) leggiamo: “Rispose Gesù: Non ho forse Io scelto voi, i Dodici? Eppure uno di voi è un diavolo. Egli parlava di Giuda Iscariota, figlio di Simone: questi infatti stava per tradirlo ed era uno dei Dodici”. Il suo “seggio” di Apostolo non era, quindi, “vacante”.

Padre Ferdinando Prat scrive: “Dopo la disobbedienza di Adamo ed Eva nell’Eden e la rivolta degli Angeli in Cielo, non c’è – forse – spettacolo più terribile della presenza di un traditore in seno al Collegio apostolico, nell’intimità di Gesù. Eppure Giuda non era di una natura diversa dalla nostra. Dire che egli fu un demonio incarnato son parole grosse che non spiegano nulla. Giuda era, come noi, capace di bene e di male, tanto che Gesù, aggregandolo ai Dodici, aveva visto in lui la stoffa di un Apostolo. E se fu l’essere odioso che la storia conosce, è, unicamente, perché lo diventò, per sua colpa” (Gesù Cristo, Firenze, Libreria Editrice Fiorentina, 1945, vol. II, p. 271 e 272).

Per capire pienamente il significato dei due versetti citati (71-72, cap. VI) occorre ripercorrere ciò che li ha preceduti a partire dal 1° versetto del capitolo VI e leggerne Commento di sant’Agostino, di san Tommaso d’Aquino e di alcuni esegeti moderni… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (39)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ I Rothschild in piena rimonta in Francia

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nell’ultima puntata abbiamo visto come una delle qualità di David Rothschild fosse quella d’assumere delle persone anche più intelligenti di lui da un punto di vista lavorativo, purché lavorassero sotto di lui nella sua banca, di cui ne era pur sempre il proprietario. Egli non aveva paura di collaboratori molto capaci e intelligenti, pure più di lui; purché fossero corretti, onesti e fedeli.

1986: inizia la risalita dei Rothschild francesi

Martine Orange (Rothschild, une banque au pouvoir, Paris, Albin Michel, 2012) ci spiega che nel 1986, iniziando la rimonta ufficiale della finanza francese, David impiegò nella sua banca uno dei più intelligenti e capaci economisti francesi. Costui si chiamava Jean-Charles Naouri, che non solo era un esperto ispettore finanziario, ma era stato Direttore del Gabinetto del Ministro degli Affari Sociali, Pierre Bérégovoy, un politico socialista e intimo amico di Mitterrand; ossia, uno di quelli che avevano voluto la nazionalizzazione della banca Rothschild nel 1981. Tutti rimasero sorpresi a questa notizia che sembrava una contraddizione nei termini: un socialista mitterrandiano nella banca Rothschild di Parigi; ma, se si conosce la vita di Naouri, allora il mistero comincia a svelarsi… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (38)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ L’inizio della risalita dei Rothschild in Francia

Questa galleria contiene 1 immagine.

Trentottesima Puntata    L’inizio della risalita dei Rothschild in Francia Nell’ultima puntata abbiamo visto che la situazione economica della Banca Rothschild francese nel 1981 non era poi così rosea come si potrebbe credere; per cui, la nazionalizzazione, in realtà, avrebbe … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , ,

La Fabian Society e la London School of Economics

Questa galleria contiene 2 immagini.

Introduzione In un altro articolo (Invito alla Lettura, Roberto Pecchioli, George Soros e la Open Society) abbiamo visto come George Soros abbia influenzato la storia recente del mondo intero; inoltre, studiando la vita di Soros abbiamo conosciuto anche la capitale … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , ,

Modo pratico di partecipare alla Messa (2)~ Cardinal Siri: Il problema della moda secondo la teologia cattolica

Questa galleria contiene 1 immagine.

Prologo  In una società tornata pagana com’è la nostra, il problema della moda è visto come totalmente separato dalle virtù naturali e infuse. La società odierna, soprattutto dopo il Sessantotto, è avvolta in un’atmosfera sensuale, che riguarda anche la moda, … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , ,

Modo pratico di partecipare alla Messa (1)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Vi sono vari modi di partecipare alla Messa: si può rispondere al Sacerdote celebrante seguendo il Messalino dei fedeli; si può recitare il Rosario; si può far meditazione. Ognuno ha il suo metodo. Mi permetto di porgere ora al lettore, … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (36)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ “I Rothschild e la Fabian Society”

Questa galleria contiene 2 immagini.

Nelle scorse puntate abbiamo visto come i Rothschild abbiano influenzato la storia recente, servendosi ad esempio di un personaggio di non lieve entità come George Soros, studiando il quale abbiamo conosciuto anche la capitale importanza che in queste vicende ha giocato la Fabian Society, contigua a Soros e ai Rothschild. 

Ora, in questa puntata cercherò di trattare diffusamente la questione dei Fabiani, servendomi dell’interessante libro di Davide Rossi, La Fabian Society e la Pandemia (Bologna, Arianna Editrice, 2021). 

L’Autore esordisce riconoscendo che «esistono società politiche molto più potenti dei Partiti che siamo abituati a conoscere. Società che costituiscono una sorta di “stanza di compensazione” tra la politica, gli intellettuali, i giornalisti e il mondo dell’alta finanza internazionale. Sono luoghi nei quali si progetta il futuro al riparo dalle piccole beghe quotidiane di palazzo e dalle competizioni elettorali. Insomma, è lì che si modella davvero il mondo che poi le masse dovranno vivere nell’inconsapevolezza» (Davide Rossi, La Fabian Society, cit., p. 5).

Noi eravamo stati abituati a scorgere nelle Banche e nei circoli dell’Alta Finanza o nelle Logge massoniche questi centri di potere che dirigono i Politici da dietro le quinte. Certamente è così, ma – nello specifico – uno di questi circoli è quello dei Fabiani, che in Italia non era molto noto al gran pubblico, prima che il libro di Davide Rossi non avesse fatto un po’ di luce su di esso. Egli spiega che i Fabiani sono un circolo elitario, anzi “ultra elitario”, in cui il disprezzo per il popolo dei semplici uomini regna sovrano.

Ciò che colpisce nello studio di questo club super/iniziatico è la sua arte di dissimulazione, per la quale i suoi membri riescono facilmente a «far apparire una cosa per celarne un’altra diametralmente opposta. Una sorta di piramide che ammanta d’ideali progressisti e di falsi buoni princìpi la propria volontà di dominio e di potenza» (cit., p. 5).

I Fabiani hanno costruito una doppia morale: la prima per il volgo dei semplici che crede facilmente a ciò che gli viene detto e cerca di comportarsi conseguentemente e coerentemente. La seconda per gli “eletti”, gli “iniziati”; ossia, coloro che sono come i Fabiani: i “Padroni dell’Universo”, sotto il tallone del “Principe di questo mondo” (Gv., XII, 31); anche se non vorrebbero mai riconoscerlo.

La Fabian Society, che almeno in Italia è una di queste società (poco conosciuta ma molto potente), esercita da molti anni un ruolo di manipolazione dei cervelli.

Il libro di Davide Rossi può essere diviso in due parti principali: la prima in cui si studia il pensiero filosofico/politico della Fabian Society (d’ora in poi FS); la seconda in cui si studia se e quanto la visione del mondo dei Fabiani coincida con questo tornante storico che stiamo vivendo, a partire dal 2020 (Pandemia) e con il 2022 (la guerra russo/ucraina).

Purtroppo, nel corso dello studio, ci si accorgerà quanto questa realtà sia conforme al pensiero e ai progetti della FS… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leggete Pecchioli su Soros ~ Roberto Pecchioli: “George Soros e la Open Society”

Questa galleria contiene 1 immagine.

Roberto Pecchioli ha pubblicato recentemente un interessante libro sul “caso Soros” intitolato: George Soros e la Open Society (Bologna, Arianna Editrice, 2022). 
Ne raccomando lo studio e ne porgo al lettore un breve sunto per invogliarlo alla lettura di tutta l’opera. 

Nel libro succitato, l’Autore, spiega che «sarebbe veramente ingenuo immaginare che un uomo solo, per quanto sostenuto da una rete imponente irrorata da grandi somme di denaro, abbia accumulato su di sé un potere così grande, quasi luciferino» (cit., p. 126).

Certamente no. Infatti, Soros rappresenta «un pezzo di un puzzle più vasto […]: pensiamo a Bill & Melinda Gates Foundation, ai Ford, ai Rockefeller e ad altri gruppi, quali il CFR o il Gruppo Bilderberg. Probabilmente Soros è soltanto il volto visibile, il più esposto, la punta di un iceberg» (ivi).

Roberto Pecchioli ne parla diffusamente nel corso del suo libro; però, molto saggiamente, prima si sottrare al «rischio di considerare il miliardario e la sua rete il deus ex machina di ciò che accade nel mondo» (cit., p. 152). 

Poi, egli presenta Soros come uno di coloro che spostano le pedine di questo mondo, innanzitutto mediante le idee, e inoltre tramite il denaro come carburante per far camminare la macchina della rivoluzione nichilistica. 

Perciò, Pecchioli, saggiamente, inquadra il “Caso Soros” all’interno di un quadro più vasto che ha richiesto più di una generazione di rivoluzionari professionisti, i quali da padre in figlio e tra fratelli in collaborazione organizzata ha lavorato nell’ombra, con molta discrezione, senza attirare troppo l’attenzione su di sé.

Allora, in quest’ottica, Soros appare come uno di quei famosi personaggi che popolano l’ultimo trentennio (i padroni dei Social della Silicon Valley californiana), che si sono affiancati – come gregari – «alle tradizionali grandi famiglie della finanza, dell’economia e dell’industria, Rockefeller, Warburg, Rothschild e poche altre» (cit., p. 4).
Questi nuovi ricchi, sono «i signori della tecnologia, creatori di enormi imprese “digitali” globali (Google, Amazon, Facebook, Apple, Microsoft)» (cit., p. 5).

Certamente Soros, oltre che un arcimiliardario, è anche un “filosofo”, un ideologo con venature “millenaristiche” (cit., p. 6), che agisce da circa cinquant’anni, per cambiare il mondo in base alla sua filosofia che viene detta “Società aperta” (di cui avevano scritto Popper e Bergson), ma che in realtà è un vero e proprio Nichilismo logico, etico e metafisico, che ha come fine negativo (“pars destruens”) quello di distruggere il vecchio mondo ancorato sulla retta ragione, sulla legge morale naturale e persino sull’essere creato. 

Infatti, il mondo reale e creato ha il torto di rimandare troppo esplicitamente a un Creatore e, pertanto, va distrutto, poiché il Nichilismo non può colpire direttamente Dio, magari adducendo la scusa che non esiste.

Mentre il suo scopo positivo (“pars construens”) è quello di costruire un uomo nuovo, un “meta/uomo” o un “trans/uomo”, che – riprendendo il piano di Nietzsche – trascende se stesso, diventa lui stesso Dio e ne occupa il posto, dopo aver tentato il “deicidio” (arte già messa in pratica circa duemila anni fa, da un Sinedrio molto simile a quello che oggi governa il mondo).  
  
«George Soros non è il Grande Vecchio e neppure il Male Assoluto […]. Tuttavia, la figura di Soros e la sua organizzazione sono tra i protagonisti e gli artefici della nostra storia» (cit., p. 9).

Come si vede, Soros è uno tra i vari grandi attori della rivoluzione odierna, del “Trans/umanesimo”, ma non è il regista principale… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (35)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ “I Rothschild e Soros”

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nell’ultima puntata abbiamo studiato il ruolo che giocò il Presidente Mitterrand (tra il 1981 e il 1982) nelle vicende dei Rothschild, che preferirono in quei frangenti – data la situazione mutata negativamente nei loro confronti e un’incipiente nazionalizzazione della loro Banca, almeno in Francia – abbandonare la “Vecchia Europa” per recarsi nel “Nuovo Mondo” e precisamente a New York.

La Famiglia Rothschild che, sino ad allora, era stata quasi “onnipresente” e “onnipotente” nel “Vecchio Continente” soprattutto a Vienna, Parigi e Londra; rimase solo “a fianco dell’Europa”, ossia in Inghilterra; avendo deciso di lasciare (anche se non totalmente) la Francia ed essendo già tramontato da lungo tempo il primato dell’Austria con la fine della Prima Guerra Mondiale. 

Oramai, la partita del potere mondiale si spostava fortemente dall’«Europa continentale» o della «terra ferma» per giocarsi parte nell’«Europa marittima» cioè, in Inghilterra, che si è sempre più considerata atlantica e aperta agli Usa (piuttosto che affacciata sull’«Europa continentale») e parte nel Continente atlantico, ossia negli Usa, che erano emersi – dopo la Seconda Guerra Mondiale – come la nuova superpotenza economico/industriale e bellica, anche se la mente direttiva del potere mondiale restava (con molta discrezione e flemma) in Inghilterra, pur essendo esercitato pubblicamente negli Stati Uniti.

Nel corso dell’ultimo articolo ci siamo imbattuti in alcuni nomi (Kalergi, Soros, Società Fabiana…) che non possiamo non trattare – sia qui, sia nel corso di queste seguenti puntate – per capire meglio il ruolo che ancora oggi, malgrado le alterne vicende francesi, la Banca Rothschild continua ad avere nella storia politico/finanziaria del mondo attuale, non solo in Europa ma anche negli Stati Uniti d’America… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (34)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ “I Rothschild e la Francia di Mitterrand (1981)”

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nel 1981, come abbiamo già visto nella scorsa puntata, si scatenò una forte tempesta sulla Famiglia Rothschild. Infatti, il Presidente della Repubblica Francese per due mandati consecutivi (1981 – 1995), François Mitterrand, aveva l’intenzione di nazionalizzare al massimo le imprese francesi e soprattutto quelle bancarie. Perciò, la Casa Rothschild rischiava di dover assistere anche alla nazionalizzazione della propria Banca.

Guy dovette affrontare in prima linea quest’attacco di Mitterrand alla sua Banca, infatti, il figlio di Guy, David Rothschild, era ancora giovane, inesperto e alle prime armi.

Secondo la “Legge Mitterrand”, a partire da un miliardo di Franchi Francesi di depositi bancari, le banche venivano automaticamente nazionalizzate. Ora, questa manovra sembrava un attacco mirato soprattutto ai Rothschild, poiché la cifra di “un miliardo” non era raggiunta appena per un poco dalla Banca “Lazard Frères”; mentre quella dei Rothschild la sorpassava in pieno.  Ora, la Banca Lazard era molto vicina agli ambienti socialisti francesi, di cui Mitterrand era il leader; mentre, la Banca Rothschild era piuttosto vicina agli ambienti conservatori, di “destra” e anti/statalisti (come sempre nel corso della loro storia, sin da Napoleone). 

Tuttavia, dopo una forte battaglia parlamentare tra la destra anti/statalista e la sinistra filo/statalista, nel 1982, la “Legge Mitterrand” sulla nazionalizzazione delle imprese (che superassero un miliardo di Franchi Francesi in quantità di depositi) passò. 

Questa “Legge” del 1981/82 fu un durissimo colpo per i Rothschild francesi; infatti, la notizia dell’imminente statalizzazione della loro Banca, fece crollare il valore delle azioni delle banche che erano, più o meno, coinvolte con la “Banca delle banche”. Inoltre, siccome Guy, circa dieci anni prima, aveva messo a capo di tutte le imprese di famiglia la “Banque Rothschild” anch’esse vennero espropriate dallo Stato francese e fuse assieme alla Banca Rothschild… … …
Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (33)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ “I Rothschild dal «’14/’18» a oggi”

Questa galleria contiene 1 immagine.

Finalmente sono riuscito a procurarmi alcuni libri molto validi sui Rothschild, che arrivano sino al 2012.

Perciò, dopo aver seguìto – per sommi capi – quanto ci narra Pietro Ratto, dal 1914 in poi, mi aiuterò con quest’altri volumi, i quali purtroppo presentano l’inconveniente che, essendo scritti da autori francesi, studiano (molto bene) le vicende della Banca Rothschild; ma, soprattutto, se non esclusivamente, in Francia. Comunque, gli autori sono molto seri e hanno condotto ricerche assai approfondite con consultazione degli Archivi privati dei Rothschild francesi, messi a loro disposizione dalla Casa stessa.

Il primo di questi è quello di Martine Orange, Rothschild, une banque au pouvoir, (Paris, Albin Michel, 2012).

In esso l’autrice ci spiega che – nel 1981 – la Banca Rothschild fu nazionalizzata dal Presidente della Repubblica francese François Mitterrand (1916 – 1996) e sembrava dover scomparire dalla scena della politica e dell’alta finanza, almeno in Francia.

Invece, nel 2011, appena trent’anni dopo la nazionalizzazione, la Banca Rothschild è ancora la Banca più potente di Francia.

Il libro della dottoressa Martine Orange ci mostra come dal Secondo Impero, instaurato da Napoleone III (1852–1870), sino a oggi – almeno a Parigi – i Rothschild stanno ancora al vertice del potere finanziario e, quindi indirettamente, anche politico.

Essi, molte volte, sono venuti in soccorso della “destra conservatrice” del gaullista Georges Pompidou (1911 – 1974) e di  Nicolas Sarkozy (28 gennaio 1955 – ), ma i Rothschild hanno sovvenzionato anche “la sinistra moderata” di Jacques Delors (1925 – ) e di François Hollande (1954 – ), la quale spesso ha dovuto far ricorsa alla “Banca delle banche”… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Aleksandr Dughin: un altro apostolo del nichilismo postmoderno?

Questa galleria contiene 1 immagine.

Aleksandr Dughin è un pensatore russo, nato a Mosca il 7 gennaio 1962, di marca fortemente esoterica e gnostica, con tendenze apertamente nichilistiche; cioè, propugnatore della “metafisica del non/essere”, che non ha nulla a che spartire con la metafisica greco/romana e tomistica, ossia, la “metafisica dell’essere” anzi, ne è la negazione diretta e per diametrum.

Purtroppo, alcuni cattolici – in questi tempi di confusione dottrinale e morale – si lasciano abbindolare dalle sirene dell’errore e del vizio, tra cui spicca Dughin, ma non solo. 

Non mi sembra, perciò, esatto né corretto ascrivere al “Tradizionalismo” cattolico (vale a dire alla “Tradizione apostolico/patristico/scolastica”) un legame con la filosofia dughiniana. Anzi, sarebbe più corretto mettere in luce il legame di certo falso Tradizionalismo fideistico di formazione demaistriana con l’esoterismo in genere, e specialmente con quello russo, avendo il conte Joseph de Maistre vissuto non poco tempo in Russia. 

Certamente è lecito, lodevole e ottimo criticare Dughin, ma non bisognerebbe passare, poi, a infangare ancora una volta Monsignor Carlo Maria Viganò e con lui la reazione antimondialista.

Mi accingo, perciò, a mettere in luce i punti oscuri del pensiero di Dughin, valendomi di alcuni saggi molto ben fatti da padre Paolo Maria Siano (La metafisica del Caos e il Soggetto Radicale di Aleksandr Dughin, 14/19/24/29 luglio 2021, in “CR”).

L’essenza della “metafisica del nulla”, ossia della contro/metafisica di Dughin la si ritrova nel suo libro, tradotto anche in italiano, La Quarta Teoria Politica, Milano, NovaEuropa Edizioni, 2017.

Padre Siano mostra giustamente, con citazioni alla mano, che il Maestro principale di Dughin è Julius Evola, non senza un pizzico anche di Guénon.

Un elemento poco approfondito del dughinismo è il suo amore per la cosiddetta “Rivoluzione Conservatrice”, che non è riconducibile all’evolismo, neppure al guénonismo o a pensatori dell’estrema destra europea, ma al neo/conservatorismo statunitense, che tanto ha inquinato pure l’Europa e l’Italia e che ha mietuto tante vittime grazie ai pensatori detti teo/con, i quali cercano di miscelare il liberalismo filosofico conservatore, con il liberismo selvaggio economico e infine con un pizzico di cattolicesimo, per finire d’inquinare l’ambiente cattolico conservatore, moderatamente liberale… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (32)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ “I Rothschild dal 1914 a oggi”

Questa galleria contiene 1 immagine.

Purtroppo dobbiamo abbandonare il libro di Egone Conte Corti sulla Famiglia Rothschild, perché egli ci ha abbandonati per primo – a differenza del Padreterno – il quale invece “non deserit, nisi prius deseratur”.

Inoltre, Egone – essendosi arrestato nella narrazione della storia dei Rothschild al 1914/18 – ha bisogno di essere integrato per arrivare a conoscere qualcosa della suddetta dinastia sino ai giorni nostri. 

Certamente, non si può trovare un altro libro sui Rothschild che possa eguagliare quello di Egone, che ebbe il privilegio di entrare nelle biblioteche delle più antiche e famose famiglie dell’Impero austriaco, le quali possedevano preziose informazioni sui Rothschild che altrimenti non avremmo mai avuto.

In un certo senso si può paragonare Egone, per quanto riguarda i Rothschild, a Giuseppe Flavio per la narrazione della distruzione di Gerusalemme (70 d. C.) e della guerra giudaico/romana (66/70 d. C.).

In realtà sono stati scritti vari libri sui Rothschild, ma tutti abbastanza parziali, sia per scopi agiografici (essendo stati commissionati dalla Famigli omonima), sia per fini o modalità denigratorie (essendo animati da odio razziale o di classe e, dunque, privi non dico di obiettività ma pure di lucidità storica, essendo inoltre scritti se non con “con i piedi” ma certamente con il “fegato”).

Pietro Ratto ha scritto vari libretti su questo tema (per la casa editrice Arianna di Bologna) e altri affini che, pur non potendo competere con quello di Egone, almeno ci forniscono qualche notizia sulla Casa/Banca di Francoforte sino ai giorni nostri.

Ora, io penso – con Aristotele e san Tommaso – che tra il nulla e l’atto perfetto ci sia la potenza o l’atto imperfetto. Perciò, ci si può e certe volte ci si deve accontentare del meno perfetto per non rimanere senza nulla e a mani vuote… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (31)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ “I Rothschild dal finire dell’Ottocento sino al 1914”

Questa galleria contiene 1 immagine.

«Nel mezzo secolo che segue la guerra franco/prussiana (1870), se la Casa Rothschild non si sviluppa più col ritmo impetuoso di prima, tuttavia non decade dalla sua alta posizione sociale ed economica. La situazione sociale della famiglia, specialmente nelle sedi fuori Germania, tocca un livello che non può non dirsi meraviglioso, anzi unico, date le umili origini della famiglia stessa. Economicamente i Rothschild riescono a mantenere la loro ricchezza a un livello imponente, attraverso tutte le vicende della storia contemporanea per quanto debbano cedere ad altri il privilegio di essere la famiglia più ricca d’Europa» (Egone Conte Corti, La famiglia dei Rothschild, II ed., Proceno di Viterbo, Effedieffe, 2021, p. 465). 

Comunque, sino ai giorni nostri, i Rothschild si mantengono in grado, forti della loro strapotenza finanziaria, appoggiandosi alle loro relazioni internazionali intessute sapientemente con tutte le Corti europee (diventate, poi, Parlamenti eletti democraticamente) di esercitare un’influenza, nascosta ma molto potente anche se non più decisiva come dal 1815 al 1848 sugli eventi politici, economici e bellici che hanno caratterizzato la storia sino ai giorni nostri (non solo europea ma anche statunitense e quindi mondiale). 

Per quanto riguarda i Rothschild e gli eventi storico/politici e bellici in cui essi hanno avuto, e mantengono ancor oggi una certa influenza, dovrò avvalermi principalmente di alcuni studi abbastanza seri, anche se non sono al medesimo livello di quello di Egone Conte Corti, che poté avvalersi della sua amicizia con le famiglie delle varie Corti europee e specialmente con gli Asburgo… … …

… … …Egone, chiudendo il suo interessantissimo libro, scriveva: «Ancor oggi, negli Stati ove la loro famiglia è stabilita, è difficile trascurare i Rothschild» (Egone Conte Corti, La famiglia dei Rothschild, cit., p. 465).
Tuttavia, tra il 1870 e il 1918, la situazione della Casa Rothschild è molto cambiata rispetto al passato e soprattutto all’«epoca d’oro», ossia 1750/1848.

Infatti i cinque fratelli della seconda generazione, ossia della “belle époque” o degli “anni ruggenti”, sono oramai morti. Lo stretto legame che legava i fratelli Rothschild tra di loro, portandoli a far sposare persino le loro figlie/i con i rampolli dei loro fratelli (ossia tra cugini di primo grado) non sussiste più, se non in maniera del tutto eccezionale. Inoltre, i Rothschild della terza generazione si sono “assimilati” alle nazioni nelle quali si trovano a vivere, dal punto di vista patriottico e civile ma non religioso; infatti, essi son restati sempre Israeliti, anche se non più ortodossi di stretta osservanza come il vecchio Amschel Meyer (1744, Francoforte /1812, Francoforte). Essi si sono fatti naturalizzare nelle nazioni in cui vivono, ossia in Inghilterra, in Austria, in Germania (unificata dopo il 1870 dal Bismarck) e in Francia.

Dal punto di vista affaristico/finanziario, tutto ciò ha comportato che, se prima del 1870, ogni Rothschild, fosse inglese, austriaco, prussiano o francese, partecipava agli utili o alle perdite dei suoi fratelli; ora, invece, ogni filiale ha un suo patrimonio esclusivo e le altre filiali non partecipano né alle sue perdite e neppure ai suoi guadagni.

Tuttavia essi continuano a trasmettersi informazioni segrete e riservate che carpiscono nella Nazione in cui operano, ai Prìncipi cui prestano denari e le passano ai fratelli residenti nell’altre Nazioni europee; inoltre, in alcuni affari, molto grandi e delicati, si prestano mutuo sostegno.
Insomma, cercano pur sempre di mantenere – con la reciproca e mutua cooperazione – la preminenza sociale e soprattutto economica che avevano acquistato con sì lunga fatica in appena un secolo… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

FATIMA 1917/2017/2022

Questa galleria contiene 2 immagini.

Saverio Gaeta ha scritto recentemente il libro intitolato Fatima. Tutta la verità. La storia, i segreti, la consacrazione (Cinisello Balsamo, San Paolo, 2017).

Questo libro è un lavoro esaustivo sulla storia delle apparizioni della Madonna a Fatima nel 1917, di quelle successive a suor Lucia e sul terzo Segreto.

Nel 1946, rispondendo alla domanda se la statua appena terminata rappresentante la Madonna, (che le era apparsa nel lontano 1917) la raffigurasse bene, suor Lucia rispose: “No, non molto. Provai disappunto quando la vidi. In un certo modo è troppo gaia, troppo allegra. Quando vidi la Madonna, ella era piuttosto triste, direi come presa da compassione” (S. Gaeta, Fatima. Tutta la verità. La storia, i segreti, la consacrazione, cit., p. 22).

Il 19 agosto 1917 la Madonna «prendendo un aspetto più triste disse: “Pregate, pregate molto e fate sacrifici per i peccatori perché molte anime vanno all’inferno poiché non c’è chi si sacrifichi per loro”» (cit., p. 35).

Il messaggio e l’espressione della Madonna sono improntati a serietà e a una certa “tristezza” per la sorte degli uomini che già nel 1917 vivevano in stato abituale di peccato mortale e morendo andavano all’inferno, mostrato dalla Madonna ai tre pastorelli in tutta la sua maniera più spaventosa della pena del senso e del danno. Che differenza con i messaggi dei “profeti di ottimismo”, “gai e allegri”, che a partire da Giovanni XXIII sino a Francesco I lasciano tranquilli e addormentati gli uomini sulla via dell’inferno, la quale dopo 100 anni è diventata un’autostrada! La “medicina della sola misericordia senza il rigore della giustizia” che Giovanni XXIII e il Vaticano II, in piena e perfetta sintonia con Francesco I secondo cui “Dio non castiga”, presentano all’uomo contemporaneo è in realtà un veleno.

Il grave è che non solo gli uomini vivono nel peccato, ma che i Pastori della Chiesa li rassicurano in esso. Francesco I non ha forse affermato che “è meglio una convivenza di un matrimonio affrettato”? Giovanni Paolo II non ha forse insegnato (Enciclica Redemptor hominis del 1979, Dives in misericordia del 1980, Dominum et vivificantem del 1986) che tutti, volenti o nolenti, si salvano perché uniti indissolubilmente a Cristo per l’Incarnazione del Verbo? La Corredentrice, la Vergine Addolorata, la Mediatrice di ogni grazia sta sotto la Croce dalla quale pende il Figlio ancora oggi “dolorosa e lacrimosa”.

Il 31 dicembre 1979 suor Lucia dedicò le sue penitenze «per le difficoltà che la Chiesa cattolica […] stava sperimentando nel processo di applicazione del Concilio Vaticano II fra le opposte tensioni della teologia della liberazione e del tradizionalismo. Infatti, leggiamo nel suo diario: “Com’è possibile Signore? La tua Chiesa non può perire! Non le hai promesso di starle vicino, sino alla fine dei tempi?”» (cit., p. 60).
Padre Joachim Maria Alonso, nel 1982, ha spiegato anche lui in questo senso la mancata rivelazione integrale del terzo Segreto: “Una rivelazione anticipata del testo avrebbe aggravato ulteriormente la frattura che continua a dividere in due la Chiesa: il Tradizionalismo, che avrebbe ricevuto manforte dalle profezie di Fatima e il progressismo, che invece si sarebbe scagliato contro queste apparizioni gridando che esse avrebbero fermato il progresso della Chiesa conciliare” (cit., p. 100).
In realtà si sa che la Madonna aveva previsto e predetto “un cattivo Concilio [il Vaticano II in sé e non la sua lettura fatta dai teologi progressisti, ndr] e una cattiva Messa [la Messa di Paolo VI, ndr]” (cfr. S. Gaeta, cit., pp. 113-114). Non si tratta di una lettura errata del Concilio ma della sua rottura oggettiva con la Tradizione apostolica… … …
Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , ,