Archivi tag: Articoli don Curzio

Curzio Nitoglia: “Non Abbiamo Fratelli Maggiori” ~ [invito alla lettura]

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il 28 ottobre del 1965, poco prima della fine del Concilio Vaticano II (8 dicembre 1965), venne promulgata la Dichiarazione conciliare Nostra aetate (d’ora in poi NA) sui rapporti tra Giudaismo[1] postbiblico o talmudico (ben distinto dal Vecchio Testamento) e Cristianesimo. A partire da essa vi è stata una vera “sovversione” della dottrina cattolica sul tema della contro/religione giudaica/postcristiana.

Giovanni Paolo II (1978-2005) ha fatto di NA il “cavallo di battaglia” del suo lungo Pontificato e l’ha diffusa dappertutto. Egli – appena due anni dopo la sua elezione pontificia – ha dichiarato, alla luce di NA, che “l’Antica Alleanza non è stata mai revocata” (Discorso di Magonza, 17 novembre 1980) e, sei anni dopo,  che “gli Ebrei sono fratelli maggiori dei Cristiani nella fede di Abramo” (Discorso alla sinagoga Roma, 13 aprile 1986).

A partire da queste due asserzioni (oggettivamente contrarie alla fede cattolica), sia Benedetto XVI (2005-2013) sia papa Francesco (2013), non solo hanno ribadito i medesimi errori, ma ne hanno esplicitati dei nuovi (“gli Ebrei postbiblici non hanno bisogno di Gesù per salvarsi”), già contenuti virtualmente in esse e in NA.   

La dottrina cattolica insegna, al contrario, che 1°) gli Ebrei sono fratelli maggiormente separati dei Cristiani e non loro fratelli maggiori nella fede; 2°) che l’Antica Alleanza è stata rimpiazzata dalla Nuova ed Eterna Alleanza; 3°) ed infine che tutti gli uomini (Ebrei compresi) hanno bisogno di Gesù (unico Redentore universale dell’umanità) per salvarsi.

Infine recentissimamente – nei primi mesi dell’anno 2019 – è stato pubblicato il libro 1°) La Bibbia dell’Amicizia. Brani della Torah/Pentateuco commentati da Ebrei e Cristiani (Cinisello Balsamo, San Paolo) con una “Prefazione” a cura di papa Bergoglio e 2°) sùbito dopo – verso la Pasqua del medesimo anno – è uscito un secondo libro sullo stesso tema, titolato Ebrei e Cristiani, redatto dal “papa/emerito” Benedetto XVI (Cinisello Balsamo, San Paolo) in collaborazione col rabbino-capo di Vienna Arie Folger.

In questi due libri papa Francesco e il “papa-emerito” Benedetto XVI spargono numerosi errori, se non eresie vere e proprie materiali, riguardo alla fede nella divinità di Cristo, alla SS. Trinità, ai rapporti tra Antico e Nuovo Testamento, alla Redenzione universale di Gesù e al Dogma “Extra Ecclesiam[2] nulla salus!”.

… … …Perciò ho ritenuto doveroso affrontarli in un volume, il quale – Deo volente – vedrà la luce il mese di settembre del 2019 con le “Edizioni Radio Spada” (Cermenate – Como[3])… … …

Gli errori di papa Ratzinger e Bergoglio riguardano… … … Continua a leggere

Annunci
Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Francesco Roberti-Pietro Palazzini, “Dizionario Teologia Morale” [Invito alla Lettura]

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il Dizionario di Teologia Morale, diretto dai cardinali Francesco Roberti[1] e Pietro Palazzini[2], fu edito dalla Casa Editrice Studium di Roma per la prima volta nel 1955 in un unico volume di 1500 pagine. Esso ha conosciuto ben 4 edizioni (1955, 1957, 1961 e 1968). Quella del ‘68 è uscita in 2 volumi (circa 1800 pagine in tutto), ma è stata “aggiornata” (anche se moderatamente) alla luce del Concilio Vaticano II. Per questo motivo l’Editore Effedieffe lo ristampa ora (luglio 2019 per la V edizione) riprendendo la versione del 1955 identica a quella del 1957 e del 1961, risalenti a quando il Concilio (1962-1965) non era ancora cominciato[3].

L’Edizione presente si compone di 2 volumi. Il 1° dalla A alla L di 1054 pagine, il 2° dalla M alla Z di 996 pagine.

Nel Dizionario di Teologia Morale i cattolici colti troveranno i princìpi teorici e pratici per credere ed agire rettamente secondo la divina Rivelazione.

Il Dizionario di Teologia Morale non solo presenta i princìpi del retto agire secondo la Legge divina e naturale, ma affronta anche molti temi che sono di attualità ancor oggi riguardanti l’inconscio, la cibernetica, i gruppi sanguigni, l’immoralità costituzionale, l’economia, il diritto, alcuni aspetti della medicina riguardanti l’agire umano. Ogni voce è arricchita da un’ampia Bibliografia specifica, che permette al lettore di approfondire il tema se lo interessa e alla fine dell’opera vi è un’amplia Bibliografia generale di 37 pagine, che cita gli Autori e i titoli dei migliori Trattati di Teologia Morale.

Nel presente Dizionario si trovano anche i princìpi generali della Filosofia e delle Dogmatica dai quali deriva la Teologia Morale: la capacità della ragione umana di conoscere la realtà (contro l’errore dello scetticismo relativista); l’uomo composto di anima e corpo, la cui anima è immortale e libera e perciò moralmente responsabile di fronte a Dio delle sue azioni moralmente buone o cattive; il mondo in cui l’uomo vive non ha in sé la ragione sufficiente della sua esistenza, ma presuppone una Causa Prima incausata che chiamiamo Dio; le varie religioni che sussistono nel mondo di cui una sola è quella vera, ossia quella che Dio ha fondato (Vecchia Alleanza) e che Gesù Cristo ha perfezionato (Nuova Alleanza); i Sacramenti come mezzi principali per vivere moralmente bene; le scienze mediche come aiuto al buon mantenimento del corpo che assieme all’anima è principio sostanziale dell’uomo; la pratica religiosa ossia l’ascetica e la mistica che ci aiutano a perfezionare la vita morale e a farci giungere alla santità ed unione con Dio, mediante la Grazia di Dio e la preghiera dell’uomo; l’autorità della Chiesa che governa le anime in ordine al Paradiso e l’autorità statale che dirige gli uomini in ordine al bene comune temporale subordinatamente a quello spirituale; le professioni che l’uomo svolge e che debbono essere vissute in modo moralmente ordinato; l’economia come Virtù della prudenza applicata alla sostentazione della famiglia; la politica che è la prudenza applicata alla Società civile, eccetera… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Infallibilità della Chiesa e del Papa (2): secondo S. Tommaso d’Aquino, Juan de Torquemada e il Cajetanus

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il soggetto unico della Giurisdizione e del Magistero è il Papa, non l’Episcopato.

Il Cardinale Juan de Torquemada (1388-1468) nella Summa de Ecclesia (II, 112, f. 258r, Colonia, 1480), seguendo l’Aquinate (Quodl., l. IX, q. 7, a. 16; S. Th., II-II, q. 1, a. 10 sed contra; ivi, q. 11, a. 2, ad 3um), ammette un solo soggetto del Potere sommo di Giurisdizione universale nella Chiesa e dell’Infallibilità e non due soggetti distinti: il Papa e la Chiesa universale sine Papa o il solo Episcopato in Orbem dispersus, oppure l’Episcopato riunito nel Concilio imperfetto. Infatti la Chiesa senza il Papa (l’Episcopato nelle Diocesi o riunito nel Concilio imperfetto) che è il suo Capo, ossia considerata come “congregatio distincta aut separata a Papa”1, non gode dell’Infallibilità, né della Giurisdizione suprema e universale.

In questo modo il Nostro Autore (Torquemada, S. de Eccl., II, 112, f. 258v) fa derivare l’Infallibilità del Papa dalla promessa di Cristo dell’assistenza di Dio, basata sulla efficacia divina della sua preghiera. In virtù di questa preghiera e di questa assistenza il Papa non può esser considerato un uomo come tutti gli altri, perché è oggetto di una provvidenza e di un’assistenza divina del tutto speciale, in quanto Vicario di Cristo, che deve mantenere l’unità di fede e di comunione o carità nella Chiesa colla pienezza del potere di governo e di Magistero. Dio è la Causa prima ed efficiente principale di questa assistenza e il Papa è la causa seconda, principale e subordinata a Dio (cfr. San Tommaso d’Aquino, S. Th., II-II, q. 1, a. 9; Id., Quodlib., IX, q. 7, a. 16).

Il Concilio ha Potere solo “una cum Papa / assieme al Papa”

Il Concilio convocato dal Papa non ha un potere distinto da quello del Pontefice Romano, ma «habet potestatem “una cum Papa” / ha potere “assieme al Papa”, in quanto il Papa comunica e partecipa al Concilio la sua potestà, come il vigore del corpo umano gli deriva dalla sua testa, tagliata la quale, il corpo intero muore» (Torquemada, Summa de Eccl., III, 35, f. 315r). Il Papa è il Capo della Chiesa docente, ossia dell’Episcopato sparso nel mondo oppure riunito in Concilio ed anche della Chiesa discente, cioè dei Chierici e dei fedeli laici.

L’Episcopato non è alla pari del Papa, ma gli è subordinato

I Vescovi nei Concili ecumenici non sono “con-giudici” alla pari o in maniera adeguata col Papa, ma il Papa definisce come causa efficiente principale e i Vescovi come cause subordinate al Sommo Pontefice. Essi concorrono all’effetto della definizione dommatica in maniera inadeguata, ossia non alla pari con la causa principale che è il Papa. Certamente i Vescovi sono veri giudici, però… … … … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Infallibilità della Chiesa e del Papa (1): l’Infallibilità di “Quanta Cura” e la Fallibilità del Concilio Vaticano II

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il Concilio Vaticano I ha definito che “il Papa gode della stessa infallibilità di cui Cristo dotò la sua Chiesa” (DB, 1839), ma ciò non significa che vi sono due infallibilità: a) una della Chiesa, ossia i Vescovi (la Gerarchia), i Chierici e i fedeli (i subordinati) e b) l’altra del Papa; di modo da avere due Gerarchie parallele: il Papato e l’Episcopato. Invece vi è una sola Gerarchia: il Papa cui l’Episcopato è subordinato, la quale governa in cooperazione di subordinazione la Chiesa discente (Chierici e fedeli laici)… … …

… … …Infatti l’infallibilità data da Cristo (Causa efficiente prima) alla sua Chiesa è una sola: quella esercitata da Pietro e dai suoi successori (causa efficiente seconda1) e conferita loro da Gesù per il bene comune spirituale della Chiesa universale (causa finale)… … …

… … …La costituzione Pastor aeternus (DB, 1821-1840) del Concilio Vaticano I (18. VII. 1870) stabilisce 4 condizioni necessarie per l’infallibilità delle definizioni pontifice straordinarie o ordinarie15. Essa insegna che il Papa è infallibile quando: «parla ex cathedra, cioè quando 1) adempiendo l’ufficio di Pastore e di Dottore di tutti i Cristiani, 2) in virtù della sua suprema Autorità Apostolica, 3a) definisce una dottrina, che 3b) deve credersi da tutta la Chiesa, 4) riguardante la fede e i costumi»… … …

… … …Pio IX, tramite il Magistero Ordinario, nell’Enciclica Quanta Cura (8 dicembre 1864) prima condanna gli errori principali del suo tempo: la separazione tra Stato e Chiesa; il naturalismo; la libertà per le false religioni; la libertà di coscienza e di culto; la libertà di pensiero… Poi conclude scrivendo: «Pertanto, tutte e singole le prave 1) opinioni e dottrine ricordate in questa Lettera Enciclica ad una ad una, con la 2) Nostra Autorità Apostolica; 3a) riproviamo, prescriviamo e condanniamo e 3b) comandiamo, che si ritengano assolutamente come riprovate, proscritte e condannate da tutti i figli della Chiesa; 4) come Dottore e Pastore di tutti i Cristiani»… … …

… … …Come si vede papa Mastai in questa Enciclica del 1864, che fa parte del Magistero Ordinario pontificio, impiega le 4 condizioni dell’infallibilità, come saranno definite, 6 anni dopo, nella Costituzione Pastor aeternus (DB, 1821-1840) del Concilio Vaticano I (18. VII. 1870)… … …

… … …Infatti egli parla ex cathedra già nella Quanta cura, poiché 1) condanna errori contro la fede o la morale; 2) usando la pienezza della sua Autorità Apostolica; 3a) manifesta la volontà di definire16 e di 3b) obbligare a credere; infine 4°) insegna come Dottore e Pastore universale… … …

… … …Il Concilio Vaticano II non è infallibile.
Il cardinal Joseph Ratzinger, divenuto nel 2005 Benedetto XVI, ha affermato: «Il Concilio Vaticano II si è imposto di non definire nessun dogma, ma ha scelto deliberatamente di restare ad un livello modesto, come semplice Concilio puramente pastorale» (card. J. RATZINGER, Discorso alla Conferenza Episcopale Cilena, Santiago del Cile, 13 luglio 1988, in “Il Sabato”, n. 31, 30 luglio-5 agosto 1988). Quindi è pacifico che esso non è stato dogmatico e neppure infallibile perciò può contenere degli errori senza ledere il dogma dell’infallibilità del Papa e della Chiesa… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

NON È VERO CHE MONS. WILLIAMSON…

Questa galleria contiene 1 immagine.

Qualcuno dice che Mons. Richard Williamson invita i fedeli ad andare alla Nuova Messa. Non è vero.

Vi è stato un “caso di coscienza” in cui una signora anziana, che soffre fortemente di ansia e di scrupoli, gli ha chiesto in pubblico se poteva andare alla Nuova Messa poiché alcuni gli avevano detto che era proibito, ma lei temeva di far peccato mortale non andandoci e di dannarsi.

In quel caso Mons. Wlliamson ha risposto (l’eccezione che conferma la regola) che per lei era possibile andarvi (date le sue condizioni: scrupoli e ansia).

Se volete potete chiederlo a lui stesso. La domenica 2 giugno alle 20h, 30 farà una conferenza a Reggio Emilia (Piazza del Monte, n. 2; Hotel “Posta”, nel Centro Storico di Reggio) e il giovedì 6 giugno alle 20h, 00 a Roma (via Napoli, n. 58; angolo con via Nazionale)… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Invito alla lettura di Mons. Léon Meurin: “La Massoneria Sinagoga di Satana”

Questa galleria contiene 1 immagine.

L’editore Effedieffe (Proceno di Viterbo) ristampa finalmente, (https://www.effedieffeshop.com/la-frammassoneria-sinagoga-di-satana/) dopo circa 120 anni dalla I edizione italiana, il volume magnifico in sé (anche se controverso in una sua determinata parte storica rifacentesi alle “rivelazioni” dell’agente depistatore e mistificatore Léo Taxil) di Monsignor LÉON MEURIN, La Frammassoneria Sinagoga di Satana (Siena, Ufficio della biblioteca del clero, 1895)… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

DEPORRE IL PAPA?

Questa galleria contiene 1 immagine.

In una “Lettera Aperta ai Vescovi della Chiesa Cattolica”, del mese di maggio del 2019, alcuni studiosi laici ed ecclesiastici accusano papa Francesco di eresia1.Inoltre gli Autori ritengono che un Papato eretico non possa esser tollerato o ignorato con l’idea di evitare in tal modo un male peggiore, fosse pure uno Scisma simile al Grande Scisma d’Occidente (sec. XV), in cui nella Chiesa vi furono contemporaneamente tre “Papi” di cui due antipapi. Un Papato come quello di Francesco deve esser sottoposto a correzione da parte dei Vescovi.  Per tal motivo lo studio contenuto in questa “Lettera” si conclude con l’invito ai Vescovi 1°) di ammonire papa Francesco a rinnegare le sue eresie 2°) se dovesse ostinatamente rifiutarsi, a deporlo e a nominare un altro Papa.Esporremo i principali argomenti contenuti nella “Lettera Aperta” sotto forma di “Obiezioni” e cercheremo di confutarli sotto forma di “Risposte”… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

LO SCETTRO PASSA DA ISRAELE AI PAGANI

Questa galleria contiene 1 immagine.

L’attesa del Messia era particolarmente viva quando i Romani con Pompeo si impadronirono della Terra Promessa (63 a. C.). Quest’attesa si fondava specialmente su due profezie del Vecchio Testamento.

La prima fu fatta dal Patriarca Giacobbe verso il 1700 a. C. e la seconda dal Profeta Daniele verso il 600 a. C., esse si trovano nel Libro della Genesi e nel Libro di Daniele. Vediamo di cosa si tratta…. … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

È ESISTITO UN PROSELITISMO EBRAICO?

Questa galleria contiene 1 immagine.

Per affrontare e risolvere il problema del “Proselitismo ebraico”1 nell’Antico Testamento e nei primi secoli dell’era cristiana, occorre prima studiare la questione della “Diaspora giudaica”. La Diaspora ebraica in generaleAbbiamo già visto la Diaspora degli Ebrei a Roma nel I secolo a. C. Ora vediamo la Diaspora ebraica nel mondo intero, ma soprattutto in Egitto e specialmente ad Alessandria, nella quale – sin dalla sua fondazione (322 a. C.) – i Giudei palestinesi furono attratti da Alessandro Magno con la concessione degli stessi diritti dati ai Greci (cfr. G. Flavio, Guerra Giudaica, II, 18, 7; Id., Contra Apionem, II, 4; Id., Antichità Giudaiche, XIX, 5, 2). Occorre, però, fare attenzione a non trascurare le altre grandi città (Antiochia, Babilonia, Roma…) che ospitarono colonie di Ebrei, anche se vi furono tra di loro delle differenze accidentali. Per esempio, il Giudaismo babilonese… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , | 1 commento

Gli Ebrei a Roma e di Roma

Questa galleria contiene 3 immagini.

Lo storico ebreo/tedesco Abraham Berliner, nella sua Storia degli Ebrei di Roma. Dall’antichità allo smantellamento del ghetto (Milano, Rusconi, 1992), scrive: “Non siamo assolutamente in grado di precisare con certezza storica quando gli Ebrei si siano stabiliti nell’Urbe. Possiamo tuttavia documentare la loro prima apparizione a Roma” (p. 11). Il Berliner cita, quindi, il I Libro dei Maccabei (cap. VIII) e Giuseppe Flavio (Antichità Giudaiche, XII, 10; XIII, 5-9), che ci narrano di tre ambascerie ebraiche dalla Palestina a Roma. La prima nel 159 avanti Cristo, a nome di Giuda Maccabeo; la seconda nel 144, a nome di suo fratello e suo successore Gionata ed infine nel 138 la terza, a nome di Simone, il terzo dei fratelli Maccabei… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , | 1 commento

Gianluca Marletta e la Ricostruzione del Terzo Tempio di Gerusalemme

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nel 1992 Maurizio Blondet pubblicò un interessante libro (I fanatici dell’Apocalisse, Rimini, Il Cerchio) sul piano, ben studiato e già allora molto avanzato, per la ricostruzione del terzo Tempio di Gerusalemme, portato avanti da alcuni partiti estremisti del Sionismo israeliano.

Il primo Tempio fu progettato dal re David, ma fu realizzato da suo figlio Salomone circa 1000 anni prima di Cristo, fu distrutto nel 586 a. C. dai Babilonesi e fu fatto ricostruire da Ciro (il re dei Persiani, che liberò gli Ebrei dalla cattività babilonese, durata 70 anni) nel 516; infine esso fu fatto restaurare per ordine di Erode il Grande a partire dal 19 a. C. sino a pochi anni prima della sua distruzione nel 70.

Da allora sino ad oggi i Giudei non hanno più Tempio, Sacrificio e Sacerdozio. Quindi cercano disperatamente di ricostruire il primo per riavere anche gli altri due.

Verso la fine del 2018, un giovane studioso di storia delle religioni nonché autore di numerosi volumi, Gianluca Marletta, ha pubblicato per le Edizioni Irfan, di San Demetrio Corone in provincia di Cosenza, un libro (La guerra del Tempio. Escatologia e storia del conflitto mediorientale).

Il libro è molto ben strutturato e documentato sul medesimo tema, ma visto da angolazioni diverse. Il punto da cui parte l’Autore (La guerra del Tempio. Escatologia e storia del conflitto mediorientale, cit., p. 11) è l’atto con cui Donald Trump, il 14 maggio del 2018, ha deciso di spostare l’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme, la quale viene presentata dal neo-Presidente statunitense non più come città internazionalizzata, ma come capitale del solo Stato d’Israele e degli Israeliani, escludendo quindi i Palestinesi (cristiani e islamici), che sono “un popolo senza Stato” e tra poco senza più quel poco di terra (il solo 22% della Palestina) che resta ancora loro.

Marletta (cit., p. 12) documenta, mettendo in nota tutte le referenze esatte, come il Mikdash Education Center ha recentemente fatto coniare una medaglia con i volti di Trump e Ciro il Grande, l’antico re di Persia (558-529 a. C.), che permise il ritorno degli Ebrei in Patria nell’anno 539, dopo che Nabucodonosor II, il re babilonese (605-562 a. C.), aveva conquistato e distrutto Gerusalemme con il primo Tempio nel 587/586, deportandone gli abitanti a Babilonia.

La scritta apposta sulla medaglia in ebraico, arabo e inglese celebra Trump come “colui che, secondo le aspirazioni del Nuovo Sinedrio ricreato in Israele, porterà alla ricostruzione del Tempio ebraico su quella che ora è la cosiddetta Spianata delle Moschee, nel cuore di Gerusalemme. Il Mikdash Education Center è uno dei tanti gruppi rabbinici che caldeggiano il progetto di riedificazione del Tempio, che fu distrutto nel 70 d. C. dai Romani… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | 1 commento

REGINALDO GARRIGOU-LAGRANGE: “VITA SPIRITUALE” (invito alla lettura)

Questa galleria contiene 1 immagine.

INVITO ALLA LETTURA.

Finalmente la Ristampa del Libro “Vita Spirituale” di Padre Reginaldo Garrigou-Lagrange (1965 / 2019)Padre Reginaldo Garrigou-Lagrange oltre che un eccelso teologo era anche un “maestro” nell’arte del predicare gli “Esercizi Spirituali”.

Egli nel libro intitolato Vita spirituale – uscito postumo nel 1965, un anno dopo la sua dipartita e che ora (2019) l’Editore Effedieffe ripropone lodevolmente al pubblico – ha fatto una sintesi “limpida, breve e succosa della sua dottrina spirituale” (p. Raimondo Spiazzi o. p.).

Non vi sono mai state, purtroppo, traduzioni di questo libro pubblicato solo in lingua italiana, che rappresenta un vero piccolo gioiello di teologia spirituale compendiata1.

Questo libro forma “un aureo compendio di una spiritualità teologica densa. […]. Provate: vedrete che in queste pagine si esperimenta qualcosa di quanto operano in noi i grandi maestri di spirito: da San Gregorio Magno a Santa Teresa d’Avila … questa è dunque una vera sintesi della sua dottrina spirituale, applicata alla vita pratica” (p. Raimondo Spiazzi o. p.).

Il filo conduttore della spiritualità di p. Reginaldo, compendiata nel 1965 nel libro “Vita spirituale”, lo si trova nella dottrina teologica sul Verbo Incarnato2 – commentata, già 20 anni prima, in maniera strettamente teologica e dogmatica dal medesimo Garrigou-Lagrange (De Christo Salvatore, Roma-Torino, Marietti, 1945) – secondo il quale come la natura umana di Cristo, senza una sua personalità umana, sussistente nell’unica Persona divina del Verbo non è stata abbassata o mortificata, ma innalzata e glorificata; così la personalità umana dei Santi e dei Cristiani, che tendono alla santità mediante la “vita spirituale”, lungi dall’essere diminuita, imitando Gesù Cristo e uniformandosi alla Personalità divina del Figlio, ne è glorificata, innalzata ed elevata. Infatti la personalità umana si perfeziona tanto quanto tende ad unirsi più intimamente a Dio e a Cristo, perdendosi nella sua Personalità infinita.

Questa unione, non è una diminuzione, ma è una glorificazione (S. Th., III, q. 2, a. 2, ad 2).

Dunque… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

GIUSEPPE FLAVIO: lo Storico Giudeo/Romano, la Vita e le Opere [2] ~ “Antichità Giudaiche”, “Contra Apionem”, “Vita”

Questa galleria contiene 1 immagine.

La seconda opera di Giuseppe Flavio, le Antichità Giudaiche1, comparve tra il 93 e il 94.

Esse sono una specie di compendio della Bibbia (dalla Genesi ai Maccabei), ossia una storia universale del Giudaismo dalla creazione del mondo sino al 66 d. C., l’anno in cui inizia il racconto della sua prima opera sulla storia della Guerra Giudaica.

Le Antichità sono, in sé, l’opera più vasta di Giuseppe, ma, quanto a noi, l’opera più importante è senz’altro la Guerra Giudaica, poiché senza di essa non conosceremmo quasi nulla della guerra tra Roma e la Giudea.

Invece la storia dell’Ebraismo la conosceremmo egualmente, anche senza il compendio di Giuseppe Flavio, a partire dalla Bibbia e da varie altre opere dei commentatori Ebrei e Cristiani di essa. Inoltre non sono scarse le notizie pervenuteci anche da autori pagani su Israele e il Cristianesimo.

Le Antichità riscattano la figura morale di Giuseppe, persino agli occhi del severo censore della sua vita: l’Abate Giuseppe Ricciotti, che scrive… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

GIUSEPPE FLAVIO: lo Storico Giudeo/Romano, la Vita e le Opere [1] ~ Una Breve Biografia e la “Guerra Giudaica”

Questa galleria contiene 3 immagini.

L’Abate Giuseppe Ricciotti (1890-1964), nel tradurre dal greco all’italiano la Guerra Giudaica di Giuseppe Flavio (Torino, SEI, 1937-1938, 2 voll.)1, volle scrivere un’Introduzione all’opera dello storico giudeo/romano intitolata Flavio Giuseppe, lo storico giudeo-romano (Torino, SEI, 1936).

In quest’articolo mi avvalgo di essa per porgere al lettore un succo ben concentrato sulla vita e le opere di Flavio Giuseppe, affinché ci possa aiutare a capire meglio il significato dei suoi scritti su quel tratto di storia che abbiamo appena terminato di studiare2, alla luce dell’opere di Giuseppe (principalmente la Guerra Giudaica e secondariamente le Antichità Giudaiche) e della S. Scrittura (I e II Maccabei).

Vedremo, inoltre, anche le altre sue opere: le “Antichità Giudaiche” in dettaglio (anno 75-79); la “Vita” (anno 95); il “Contra Apionem” (I edizione, anno 94; II ed., anno 100), e il “Testimonium Flavianum” (anno 102 c.ca).Giuseppe Flavio è uno storico molto importante per noi, anche se non gode le simpatie del suo miglior “biografo” italiano: Giuseppe Ricciotti. Perché è importante?… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

IL CASO DANILO QUINTO

Questa galleria contiene 1 immagine.

Presento al lettore un breve resoconto dell’ultima udienza e della sentenza nel processo a Danilo Quinto.Piccola nota informativa, il processo è stato intentato per la querela dell’On. Turco (esponente radicale), che si è sentito offeso dalle parole “servo sciocco” (citazione dal teatro di Goldoni), scritte nel libro del querelato “Da servo di Pannella a figlio libero di Dio”.

Per chi è venuto ad assistere è deludente dover aspettare fin a quasi alle 16h.00. Forse il giudice sta tirando per le lunghe, anteponendo altri procedimenti a quello di Quinto? Chi può dirlo, certamente, se mai fossero stati presenti dei giornalisti se ne sarebbero già tornati in redazione… … …

… … …Ovviamente, quando finalmente inizia l’udienza, essendo trascorso così tanto tempo dall’ orario fissato, almeno metà delle persone venute per seguire sono andate via.Viene interrogato Danilo Quinto, che cerca di spiegare dettagliatamente la sua assoluta mancanza di intento offensivo verso il querelante, non fosse altro per il fatto che lui ha definito se stesso servo del capo del Partito Radicale (Marco Pannella).

Interviene quindi la pubblica accusa che, per inciso, ricorda le battaglie del Partito Radicale e di Marco Pannella a favore della libertà di parola e di espressione (forse sente qualche disagio nel rappresentare l’accusa in questo processo?), e chiede per l’ imputato una pena esclusivamente pecuniaria.

Interviene poi l’avvocato di parte civile (un dirigente dei Radicali, ex cognato – avendo la sorella divorziato – del querelante), che ribadisce con energia le accuse rivolte all’ imputato (malgrado poi, fuori dall’ aula, gli dia del tu e gli stringa calorosamente la mano), e chiede una pena maggiore di quella avanzata dalla pubblica accusa.Il giudice durante la discussione ammonisce più volte le parti (soprattutto il querelato), interviene inoltre con commenti e considerazioni varie, attinenti le sue personali convinzioni.

Infine si giunge alla dichiarazione della difesa. La quale, tra l’ altro, dichiara che farà istanza per il gratuito patrocinio, non avendo l’imputato alcunché per pagarne l’attività. Il giudice è molto attento alle comunicazioni della difesa, infatti compulsa e lavora con energia sul proprio telefonino.

Forse, resosi conto che potrebbe essere male interpretata la sua singolare condotta (riservata esclusivamente allo spazio d’intervento della difesa), specifica, dopo aver ordinato di spegnere il microfono che registra l’udienza (unico mezzo ammesso in aula che consenta poi di trascrivere i verbali…), che la sua attività, intensissima, sul telefonino, è stata svolta inserendo nei motori di ricerca le parole “servo sciocco”.

Dopo tanto lavorio vuole condividere con tutti i presenti (sempre a microfono spento…) che molte pagine del web fanno riferimento al processo, viceversa Goldoni è rintracciabile molto indietro. Purtroppo, inoltre, tra le schede di internet è emerso un articolo del periodico “Imola Oggi”, dove si afferma che se Danilo Quinto fosse condannato, allora anche il responsabile della decisione sarebbe rappresentabile come un “servo sciocco”… … … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , | 1 commento

IN MEMORIA DI ROBERT FAURISSON

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il 21 ottobre del 2018 è morto, all’età di 89 anni, lo storico Robert Faurisson, nato il 29 a Shipperton, in Inghilterra vicino Londra, da padre francese e madre scozzese. Egli era stato professore di Letteratura francese all’Università di Lione.

Nel 1970 cominciò a studiare la questione storica della “shoah” e, in maniera specifica, delle camere a gas in cui, secondo la volgata “sterminazionista”, sarebbero stati uccisi 6 milioni di Ebrei dell’Europa orientale, vittime dell’antisemitismo biologico del III Reich germanico (dal 1939 al 1945).

Sorse, allora, il problema storico che cambiò la vita al tranquillo professore di Letteratura, catapultandolo nel campo storico e particolarmente in quello del “Revisionismo olocaustico”.

Infatti Faurisson iniziò a studiare, riprendere ed approfondire le tesi dette “revisionistiche”, ossia che “rivisitavano” la storia delle camere a gas, di Paul Rassinier, uno storico francese nato nel 1906 e morto nel 1967, il quale avendo fatto parte della Resistenza filosocialista antitedesca (1940-1944), fu rinchiuso nel Lager germanico di Buchenwald, nel 1943, e poi a Dora e fu torturato dalla Gestapo, che lo rese invalido al 95%.

Il Rassinier nei suoi libri (da La menzogna di Ulisse nel 1950 sino a L’operazione Vicario, 1965) sosteneva che nei Lager tedeschi furono uccisi non più di 500 mila Ebrei, non attraverso gasamento con “Zyklon-B”, ma per percosse, fame, freddo, lavori forzati… il gas “Zyklon-B”, secondo il Rassinier serviva come disinfettante per liberare i prigionieri dal tifo petecchiale, mentre i forni crematori servivano non per bruciare vivi gli internati e specialmente gli Ebrei, ma per cremare i cadaveri dei morti affinché non scoppiassero le epidemie. Faurisson si servì anche di perizie chimiche e fisiche fatte da ingegneri… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Iudea Capta [2/2]: Traiano, Adriano, Bar-Kokebà, la ricostruzione del Tempio di Gerusalemme e la distruzione della Giudea (Parte Seconda)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Seconda Parte: Traiano, Adriano, Bar-Kokebà, la ricostruzione del Tempio di Gerusalemme
e la distruzione della Giudea

I prodromi di una nuova catastrofe:
La mentalità messianico/apocalittica giudaica, di fronte a tanto sfacelo, lungi dallo spegnersi si rafforzò vieppiù. Secondo i talmudisti “la catastrofe del 70 era stata l’ultima e la suprema prova, che Jaweh aveva voluto dalla sua nazione; ma, superata oramai la prova, non poteva mancare il trionfo. Anzi, la grandezza massima della prova e della sciagura era un indizio che si avvicinava il trionfo di grandezza massima, quello del Messia militante” (G. Ricciotti, Storia di Israele, Torino, SEI, 1933, 2° vol., p. 524).

La nuova rivolta si andava preparando… molto spesso i Giudei, nel corso della storia, a causa di questa mentalità messianico/apocalittica, hanno sfidato potenze più grandi di loro e sono stati sonoramente sconfitti, ma hanno sempre ricominciato a rivoltarsi. Per esempio, oggi Israele (bene armato, ma piccolo geograficamente) sta sfidando la Russia, reputandosi “eletto”, per la presenza non gradita a lei dell’Iran in Siria, nonostante gli avvertimenti di Putin, con il rischio di trascinare tutto il globo in una guerra nucleare mondiale… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

Ponzio Pilato, Cesare e il Sinedrio

Questa galleria contiene 4 immagini.

Studiando attentamente il processo di Gesù si capisce come il Sinedrio, mediante Cesare (Tiberio), abbia manipolato Pilato: il Procuratore romano della Giudea.

La Teologia ci aiuta a penetrare nelle pieghe nascoste della storia umana, a farci scorgere chi muove le fila di essa da dietro le quinte.

Ad una prima vista superficiale si direbbe che il ruolo più importante e decisivo lo abbiano giocato Cesare e Pilato, mentre la realtà è l’esatto contrario: un piccolo manipolo di  ha mosso l’Imperatore come un puparo fa con il pupo.

Una mano nascosta dirige tutto… Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Iudea Capta [1/2]: come si è arrivati alla distruzione di Gerusalemme e della Giudea (Parte Prima)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Prima Parte: la Distruzione del Tempio di Gerusalemme

Prologo: Erode Agrippa II, il Tetrarca della Galilea dal 53 al 70 d. C1., nell’anno 66, alle prime avvisaglie della imminente guerra tra Roma e la Giudea fece il possibile per non farla scoppiare, fungendo da intermediario tra Roma (per la quale parteggiava) e gli estremisti nazionalisti Giudei o Zeloti, che cercava di ammansire.

Nel 66 tenne agli Zeloti un lungo discorso in Gerusalemme, in cui raccomandò loro di sottomettersi a Roma, ma il popolo gerosolomitano, fanatizzato dagli Zeloti, lo cacciò dalla città e lo prese a sassate… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

Fratelli Traditi, i Cristiani di Siria

Questa galleria contiene 3 immagini.

Gian Micalessin, giornalista inviato di guerra, dal 2012 è stato numerose volte in Siria ed ha raccolto quanto ha potuto constatare sul conflitto siriano in un libro molto interessante e ben documentato, intitolato Fratelli traditi. La tragedia dei cristiani in Siria. Cronaca di una persecuzione ignorata (Milano, Cairo, 2018), su cui mi baso per la stesura del presente articolo.

L’Autore non si limita a narrare quanto ha visto e sentito, ma fa anche un’analisi molto profonda degli avvenimenti bellici siriani e degli intrecci geopolitici alla loro origine. Egli spiega, così, come il sostegno e gli appoggi garantiti ai jihadisti per abbattere il regime di Bashar al-Assad abbiano permesso e favorito la nascita e lo sviluppo dell’Isis. Infatti a partire dal 2011 l’Europa e gli Usa hanno assistito indifferenti al dramma dei siriani e dei cristiani di Siria, perseguitati dall’Isis e da al-Qaeda. Micalessin non esita a parlare di vero e proprio “tradimento” dei cristiani siriani da parte dell’Europa e dell’Occidente verbalmente “cristiani”, che hanno voluto illudersi sulla bontà delle cosiddette “primavere arabe”, le quali sotto apparenza di libertà e democrazia hanno favorito l’ascesa in Siria dei Fratelli Musulmani e degli islamisti fondamentalisti (come era successo in Iraq, in Libia, in Tunisia e in Egitto). Da questa “rivoluzione primaverile” siriana, appoggiata e finanziata dall’America di Barack Obama e dall’Europa, è iniziato il tentativo di consegnare anche la Siria al fondamentalismo islamista, scongiurato solo dall’intervento della Russia di Putin.

I cristiani di Siria sono stati i primi a denunciare questo equivoco, come dimostra il libro di Micalessin, ma non sono stati creduti, anzi son stati accusati di essere i complici del regime di Assad dalla maggior parte dei governi occidentali ed europei, che dovrebbero essere “fratelli nella fede” dei cristiani siriani.

Nel presente articolo… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento