Archivi categoria: Articoli don Curzio

Il “Caso Alvaro Obregon/José Toral”, la tirannide & il tirannicidio (Seconda e Ultima Parte): Santa Anna, Benito Juarez e Porfirio Diaz

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nella prima parte di quest’articolo ho trattato la questione della teoria e della pratica del tirannicidio, alla luce dell’insegnamento dei Dottori ecclesiastici (XI/XVII secolo) e del Magistero della Chiesa (XIX/XX secolo), nel quadro storico di quanto avvenne in Messico nel 1926/1929, durante la persecuzione religiosa scatenata dalla Massoneria contro i Cattolici messicani, che difesero legittimamente (“vim vi repellere licet”) la loro Patria, la Chiesa e Iddio, impugnando le armi contro un vile tiranno (Alvaro Obregon) che aveva minacciato di schiacciare la Chiesa e i Cristiani messicani come si schiaccia un nido di formiche, le quali iniziarono appena due settimane dopo il suo empio e blasfemo discorso a mangiare le sue putride carni, essendo stato ucciso il 17 luglio del 1928 dal giovane José Toral.

Nella presente seconda parte dell’articoletto, mi soffermerò sulle figure di tre leader liberal/massonici messicani: Santa Anna o Santana (1833-1855), Benito Juarez (1861-1872) e Porfirio Diaz (1876-1911) che hanno preceduto di alcuni anni la gloriosa Cristiada (1926/29).

Per fare tutto ciò mi baso su un ottimo libro di Mario Arturo Iannaccone, L’epopea dei Cristeros in Messico1, che raccomando vivamente al lettore e sul quale spero di poter tornare prossimamente, per trattare in maniera più approfondita queste tematiche.

Inoltre, questo libro fa da trampolino a un’altra vicenda storica analoga, a noi Italiani più vicina geograficamente (la Guerra civile di Spagna) e cronologicamente (1936/1939), alla quale abbiamo anche partecipato direttamente e attivamente, con la militanza armata di qualche migliaio di legionari, che partirono volontari per la Crociata cattolica contro il Comunismo ateo e materialista, mosso e diretto dalla giudeo/massoneria… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , ,

Il “Caso Alvaro Obregon/José Toral”, la tirannide & il tirannicidio

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il sacerdote professor Luigi Ziliani, ha scritto un bel libretto di 120 densissime pagine sulla Cristiada, intitolato Cristeros: Messico Martire. Storia della persecuzione (Bergamo, Società Editrice Sant’Alessandro, 1929), in cui si sofferma su «l’affare Obregon/Toral», che torna oggi alla ribalta in maniera più attuale che mai.

La storia del castigo di obregon ~

Il 17 luglio del 1928, José de Leon Toral uccise il generale Alvaro Obregon (1880-1928), che era appena stato eletto (per la seconda volta) Presidente del Messico, dopo aver sconfitto – il 2 luglio 1928 – Plutarco Elias Calles (1877-1945), che era stato nominato Presidente nelle precedenti elezioni del 6 luglio 1924.

La dottrina cattolica sul tirannicidio… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (10)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ Parte Decima: i Rothschild: una delle “Dieci Famiglie” che dominano il mondo intero (L’Europa E I Rothschild Verso La Grande Crisi Del 1830)

Questa galleria contiene 1 immagine.

L’Austria, nel 1820, vegliava affinché nell’epoca post/napoleonica in Europa non si diffondessero i movimenti politici, eccessivamente liberal/progressisti, suscitati dal ciclone còrso.

Tuttavia in Spagna, proprio nel 1820, si accendeva il fuoco di una guerra civile, scatenata dai Liberali contro la Monarchia iberica. Allora, il Re di Spagna chiese al Re di Francia d’aiutarlo militarmente.

La questione spagnola divenne ben presto un problema europeo; il principe Klemens von Metternich (1813-1859) organizzò un “Congresso” di molti sovrani europei, che si riunì a Verona il 20 ottobre 1822, cui erano presenti, oltre al medesimo Metternich, il suo Segretario personale, Friedrich von Gentz (1802-1832) e persino l’Imperatore d’Austria Francesco I (1792-1835).

Essi, inoltre, si portavano dietro, come consulente economico/finanziario, Salomon von Rothschild della filiale bancaria di Vienna; infatti, se i grandi di questo mondo avessero dovuto decidere di muover guerra ai rivoltosi di Spagna, avrebbero avuto bisogno di molti denari, però il denaro, paradossalmente, non lo possedeva l’allora “onnipotente” Impero austriaco, ossia lo Stato o la Politica; ma – proprio come oggi – la Banca (e specificatamente, allora come oggi, quella dei Rothschild).

Salomon mise in pratica la vecchia arte appresa da suo padre, Amschel Mayer, che fu messa in atto già a Waterloo nel 1815, quando i Rothschild riuscirono a far giungere, per primi, in Inghilterra la notizia della sconfitta di Napoleone I e della vittoria di Wellington, iniziando così la loro scalata al vertice del potere bancario di tutta Europa e poi del mondo intero… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Giugno 2021: Bergoglio ad Astana

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nel giugno del 2021 si terrà – “Deo permittente”, poiché non si fanno “i conti senza l’Oste” – ad Astana (Capitale del Kazakistan) il “Settimo Forum Interreligioso”, cui parteciperà anche papa Bergoglio assieme al XVI Patriarca russo scismatico/ortodosso Kirill I.

Questo “Forum di Astana 2021”, ossia il “Tempio Universale Giudaico/Massonico” è – nell’ordine “spirituale” (o meglio, “preternaturale”) – qualcosa di analogo al “Forum del Nuovo Ordine Mondiale di Davos 2020”, cioè la “Repubblica Universale” – nell’ordine temporale – capitanata da Klaus Schwab, il “Grande Architetto del Gran Reset politico/economico dell’Universo”.

Perciò, anche solo da questa accoppiata e successione cronologica: Davos/Astana; si evince la somma importanza e la pericolosità del “Forum di Astana 2021” assieme a quello di “Davos 2020”.

Infatti, da essi dovrebbe uscire, secondo i piani della “setta della vendetta”, un “Nuovo Ordine Mondiale” sia per quanto riguarda il temporale (come già stiamo sperimentando) sia per quanto riguarda lo “spirituale” (come abbiamo iniziato a sperimentare con il “Pachamama in Vaticano” del 2019 e come sperimenteremo con il “Satanismo astanico”).

Astana è non solo la capitale del Kazakistan, ma è considerata anche la Capitale del “Nuovo Ordine Mondiale Interreligioso” come Davos in Svizzera è una delle Capitali del “Nuovo Ordine Mondiale Internazionale” assieme alle località che ospitano le riunioni fatte alle terme di Mont Pelerin (sempre in Svizzera) oppure nei vari club o hotel della Trilateral, del Bilderberg, del CFR, del Club di Roma; insomma, un po’ qui e un po’ là, tanto per restare “trasversali” a tutte le “entità” di questo mondo… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , ,

Un mondo sottosopra… Il comunista Togliatti “canonizza” Maria Goretti & Papa Bergoglio “regolarizza” le unioni gay…

Questa galleria contiene 8 immagini.

Quello che oggi colpisce maggiormente nella vicenda di Maria Goretti e di Alessandro Serenelli e la fa tornare prepotentemente alla ribalta – dopo l’oblio degli anni Settanta, tramutatosi in vero e proprio odio negli anni Ottanta e in “agere contra per diametrum” nel Duemila – è il fatto che, la figura della piccola “Martire della Purezza” sia caduta totalmente in oblio nel mondo attuale, ove l’impudicizia è diventata la norma; la purezza, un vizio o un disturbo mentale; infatti, nel mondo odierno, s’insulta l’Immacolata Concezione, l’Incarnazione del Verbo, si esalta la depravazione morale in odio satanico contro Dio e le cose sante. Tutto ciò ci fa capire quanto si sia degradata la nostra Società, la nostra cultura (una volta cristiana ma ora neopagana, anzi “satano/latrica”) per non parlare dell’ambiente ecclesiale, ossia degli uomini di Chiesa e non della Chiesa che è Santa nel suo fine, nella sua origine e nei suoi mezzi, il quale “muore di paura del mondo” (André Frossard) e “si vergogna della Croce di Cristo” (San Paolo).

Il fatto specifico, in questa storia, che mi ha riempito di stupore, anzi che ho dovuto rileggere ben tre volte, pensando di avere capito male e che, perciò, mi ha spinto a scrivere queste righe è il seguente …

… Negli anni Cinquanta, vivente allora Stalin, Maria Goretti è stata presentata quale modello di virtù (civiche)2, da Palmiro Togliatti (il Segretario del “Partito Comunista Italiano”) e da Enrico Berlinguer (l’allora Segretario della “Federazione della Gioventù Comunista Italiana”), alla… … … Continua a leggere

Altre gallerie

Introduzione alla “Pascendi” ~ (Primi 5 Video de “il Simposio”)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Don Curzio Nitoglia, il Professor Francesco Lamendola e Marco Cosmo, dopo aver commentato la “Pascendi” ci introducono al giuramento antimodernista di San Pio X.

Il giuramento antimodernista fu introdotto da papa Pio X inizialmente col nome di giuramento della fede il 1º settembre 1910 in risposta al modernismo teologico che già da alcuni decenni cominciava a prendere piede all’ interno della Chiesa cattolica e che già era stato condannato dal papa nel 1907 nel decreto Lamentabili Sane Exitu e poi nellenciclica Pascendi Dominici gregis.

Tale giuramento, redatto in lingua latina, fu imposto a tutti i membri del clero con compiti di ministero, magistero o di giurisdizione ecclesiastica e a quanti aspiravano a diventare parte del clero… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , ,

“Spiegazione XXIV Tesi del Tomismo” [Lezione 26], fine Tesi XX, don Curzio Nitoglia

“Spiegazione XXIV Tesi del Tomismo” Lezione n. 26 continuazione e fine spiegazione della Tesi XX a cura di don Curzio Nitoglia (25 aprile 2021) tutte le precedenti lezioni presso: don Curzio Nitoglia https://www.youtube.com/user/doncurzionitoglia/videos  

Pubblicato in 24 Tesi Tomismo, Articoli don Curzio, Lezioni Tomismo, Tomismo | Commenti disabilitati su “Spiegazione XXIV Tesi del Tomismo” [Lezione 26], fine Tesi XX, don Curzio Nitoglia

La signora maestra Maria Pasquinelli, “Un grande uomo” per i nostri giorni di … “mezzi uomini”?

Questa galleria contiene 4 immagini.

Maria Pasquinelli nacque a Firenze, il lontano 16 marzo del 1913, ed è morta a Bergamo, esattamente il 3 luglio del 2013, all’età di 103 anni e tre mesi circa.

Pochi, oggi, la conoscono, buon per lei… è il destino dei “grandi uomini” nei tempi delle “mezze figure” e il nostro tempo è esattamente proprio quello dei “mezzi uomini” e delle “mezze figure”.
La Signora Maestra Maria Pasquinelli oltre a essere un “grande uomo” era anche un’insegnante di scuola elementare, che se si era laureata in Pedagogia presso l’Università di Bergamo nel 1933, e come tale ci ha lasciato un insegnamento veramente “magistrale”, molto attuale e valido soprattutto per questi tristissimi tempi di piccoli ideali e di miseri uomini.

Il 10 febbraio del 1947, quando la città italiana di Pola, dopo aver subìto – tra il 1943 e il 1945 – le infoibazioni degli Italiani da parte dei titini, fu per dipiù anche ceduta dagli “Alleati” (rappresentati a Pola dalla Gran Bretagna, come “Potenza occupante”), alla Jugoslavia di Tito, la Maestra Maria Pasquinelli prese il treno e … si recò in loco… Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , ,

Dal “Silenzio di Dio” a… “chi tace acconsente”

Questa galleria contiene 1 immagine.

La cosiddetta “Teologia del silenzio di Dio” è una delle tante strane mode di questo pazzo mondo contemporaneo.

Nel 1984, Hans Jonas (1903 – 1993), lanciò in pompa magna questa moda stravagante, scrivendo che – dopo il “silenzio di Dio ad Auschwitz” – non si poteva più credere alla Sua… esistenza (tr. it., Il concetto di Dio dopo Auschwitz, Genova, Il Melangolo, 1993), anche se Dio è… l’Essenza che non può non esistere per Sua stessa Natura.

Il Concilio Vaticano II è nato proprio da questa strana “a/Teologia”, che è oggettivamente “a/tea” perché è realmente “negazionista” dell’esistenza… dell’Essere stesso per essenza; ossia, che non può non esistere (in ebraico “Jaweh”, che significa: “Io sono Colui che è”); ma l’Assise conciliare, nel medesimo tempo, avrebbe voluto pure conciliar l’inconciliabile – hegelianamente – ossia, l’A/teismo con il Cristianesimo.
Si rinnova il tradimento di Giuda… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , ,

DALL’OCCULTISMO AL SATANISMO PUBBLICO, MUSICA, CINEMA, SETTE & SOCIETÀ

DALL’OCCULTISMO AL SATANISMO PUBBLICO MUSICA, CINEMA, SETTE E SOCIETÀ a cura di Don Curzio Nitoglia per la Confederazione Triarii Triarii Web TV  

Pubblicato in Articoli don Curzio | Commenti disabilitati su DALL’OCCULTISMO AL SATANISMO PUBBLICO, MUSICA, CINEMA, SETTE & SOCIETÀ

MARIA MEDIATRICE, CORREDENTRICE E DISPENSATRICE DI TUTTE LE GRAZIE

Questa galleria contiene 9 immagini.

Altre gallerie | Contrassegnato , , , ,

I “fatti dogmatici”: Bergoglio è papa

Questa galleria contiene 2 immagini.

I Fatti dogmatici La sana Teologia cattolica insegna che vi sono alcuni fatti (ad esempio, la legittimità e la validità di un Pontificato o di un Concilio Ecumenico), i quali pur non essendo oggetto di Rivelazione divina diretta – come, … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , ,

Due papi, un solo papa, nessun papa…

Questa galleria contiene 1 immagine.

“Contra factum non valet argumentum / nessun ragionamento ha valore, se contraddice fatto reale” Il filosofo, Zenone di Elea (489-431 a. C.), insegnava – paradossalmente1 e sofisticamente – che 1°) “il movimento non è reale, ma è solo apparente”; 2°) … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , ,

Madonna del Buon Bastone, Ora Pro Nobis!

Questa galleria contiene 7 immagini.

La causa dell’errore non è l’intelletto, ma la cattiva volontà, la quale – per i suoi capricci e i suoi comodi – piega l’intelligenza a negare la realtà e l’evidenza: “Noluit intelligere ut bene ageret” (Salmo).

È evidente – ossia si vede, si mostra e non si dimostra – che “il tutto è più grande della parte”, che “un feto abortito è un feto abortito; un manuale di anatomia è un manuale di anatomia; un feto abortito non è un manuale di anatomia”.

Non si possono negare i princìpi per se noti senza colpa o in buona fede, tranne gravi patologie che tolgono la piena avvertenza.
Infatti, come si può affermare moralmente – pur sapendo di contraddirsi – che “è lecito usare feti abortiti per vaccinarsi, onde prevenire una brutta influenza?”; come si può sfilare in processione, bestemmiando l’Immacolata Concezione, alla quale – nel medesimo tempo – si dice di non credere? Come si può vietare di portare un crocefisso nella catenina appesa al collo, proprio mentre si fa la parodia della Passione di Cristo ed elogiando Satana, ai quali – si dice – di non credere?

È semplice; innanzitutto “non si crede a tutto ciò che si dice” (Aristotele); in secondo luogo: l’errore “non è un difetto di conoscenza, ma è una questione di cattiva volontà” (S. Tommaso d’Aquino). Dunque, siccome “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”; allora oramai (giunti a metà marzo 2021) non mi sembra essere più utile, né opportuno discutere ancora di questi argomenti, come poteva esserlo ancora due mesi fa; quando si poteva ancora presupporre la buona volontà nell’affrontare un tema così evidentemente spinoso e moralmente grave, quale l’infanticidio come mezzo per immunizzarsi dall’influenza (non si sa se piangere o ridere …)… … …

… … …Non è più tempo di parlare, è tempo di pregare, far penitenza, prepararsi alla “buona morte”, mediante una “buona vita” (S. Roberto Bellarmino).

Non facciamo più polemiche, si può far un po’ di buon umore, che non guasta mai: “Chi si prende troppo sul serio, non è una persona seria” (Chesterton).

Oramai ci servono solo le “bastonate”, capiamo soltanto quelle, i sillogismi non bastano più. Già padre Pio diceva, negli anni Sessanta, che “oramai non basta più il manganello di legno, ci vuole quello di ferro!”. L’olio di ricino è sorpassato, è ante-marcia, ci vuole il fuoco.
Un filosofo medievale asseriva: “Vi sono degli errori (negare l’evidenza, i princìpi per sé noti) che non possono essere debellati con l’uso della ragione, ma con il ferro e con il fuoco!”. Infatti, “cum negante principio, nequit disputari”; perciò, “non disputar con lor, ma guarda e passa”.

Madonna del Buon Bastone, ora pro nobis! “Manganello, manganello che rischiari ogni cervello, mai vaccino e imbroglioncello su di te trionferà!” Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , ,

Invito alla lettura: GABRIELE ROSCHINI, “DIZIONARIO DI MARIOLOGIA”

Questa galleria contiene 2 immagini.

Invito alla lettura: GABRIELE ROSCHINI, “DIZIONARIO DI MARIOLOGIA” Padre Gabriele Maria Roschini (1900 – 1977) nel 1918 entrò come novizio presso i Padri Serviti di Maria e si laureò in Filosofia e Teologia nel 1923-1924. Nel 1933 iniziò il ministero … Continua a leggere

Altre gallerie

Lettera aperta ad Aldo Maria Valli

Questa galleria contiene 1 immagine.

Aldo Maria Valli, circa una settimana fa, ha postato un accorato appello, in cui ha messo bene in luce l’allontanamento dell’insegnamento di papa Francesco da quello di Gesù, degli Apostoli, della Tradizione patristico/scolastica e del Magistero della Chiesa (da San Pietro sino a Pio XII).

Tuttavia, Valli, in quest’appello ha scritto anche che “Roma è rimasta senza Papa …”, senza fornire ulteriori spiegazioni.

La suddetta frase ha suscitato molti interrogativi; infatti, non è chiaro se la sua esternazione sia un’esplicita presa di posizione “sedevacantista”.

Spero che sarà lui stesso a chiarire, prossimamente1, la sua opinione a riguardo e, se essa riguardi anche monsignor Viganò, di cui Valli – in un certo senso – è de facto il portavoce almeno ufficioso, se non ufficiale.

Mi permetto, in quest’articolo, soltanto di precisare – senza pretendere di risolvere ogni problema e di fugare qualsiasi dubbio o difficoltà – alcune questioni, che non mi sembrano trascurabili riguardanti il pungente dibattito odierno.

In particolar modo, specialmente oggi, occorre tener presenti alcuni princìpi e fatti, che possono illuminare la strada, sempre più buia, che deve percorrere il cattolico fedele in questo tristissimo periodo, paragonabile a quello che dovettero affrontare Gesù e i Suoi Apostoli al Getsemani, quando Egli disse agli sgherri che venivano ad arrestarlo: “Haec est ora vestra et potestas tenebrarum” (Lc., XXII, 53)… … …

Vi sono, dunque, due scogli da evitare… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , ,

IL VERO VOLTO DI VON BALTHASAR (2):  I TRE ARTICOLI DI “SI SI NO NO” (Parte Seconda-15/9/2009)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Abbiamo già parlato en passant della concezione ereticale sull’ inferno in Hans Urs von Balthasar. Cerchiamo ora di approfondire la questione.

Il Balthasar lascia intendere la liceità e anche la necessità di sperare la salvezza finale per tutti, riprendendo la teoria dell’ apocatastasi di Origene. Nella sua Teodrammatica sostiene addirittura che il dannato, che si trova nell’inferno, potrebbe convertirsi mediante un incontro “a-temporale” con Gesù Cristo abbandonato dal Padre e disceso all’inferno anche Lui dopo la Sua morte . Nel Vangelo, però, leggiamo: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti cercheranno di entrarvi, ma non vi riusciranno» (Lc. XIII, 23). Dunque molti purtroppo non si salveranno.

Origène (+ 254) espresse la teoria secondo cui tutti anche il demonio e i dannati alla fine si sarebbero salvati, riducendo così l’inferno ad un lunghissimo purgatorio e la pena eterna afflittivo-vendicativa del senso e del danno a pura pena medicinale e purgativa temporanea. Questa teoria dell’apocatastasi fu condannata dalla Chiesa (papa Vi-gilio II) nel II Concilio di Costantinopoli ma ha fatto presa sugli scismatici e più ancora tra le sette protestanti ed è riemersa, di tanto in tanto, con qualche distinguo o lieve sfumatura anche in ambienti cattolici… … …

… … …Mons. Gherardini scrive: «Non sarò sensibile alle lusinghe del buonismo teologico [Origène] […], e che oggi si ripropone nell’estetismo para-teologico di Hans von Balthasar, secondo il quale l’inferno c’è, ma vuoto… … …

La recente (2009) ristampa di Iota unum (1985) di Romano Amerio, sulle variazioni della dottrina cattolica nel Vaticano II, i libri di mons. Brunero Gherardini (Il Concilio Ecumenico Vaticano II. Un discorso da fare, Frigento, Casa Mariana Editrice, 2009 e Quale accordo tra Cristo e Belial?, Verona, Fede e Cultura, 2009), le monografie di Fides catholica su Karl Rahner e su Balthasar (1/2009), riaprono il dibattito (che d’altronde mai si era chiuso) anche fuori degli ambienti strettamente antimodernisti o “tradizionalisti”, che per primi lo avevano aperto. Oramai la dottrina conciliare-pastorale e post-conciliare frutto dei “novatori” inizia a far acqua da tutte le parti. Speriamo che essa venga dovutamente corretta e condannata da chi ne ha l’autorità.

Così pure la distinzione tra due anime del Concilio, quella radicale e “modernizzante” (Rahner, Küng, Schillebeekhx, con la rivista Concilium) e quella moderata-“ortodossa” (Balthasar, Lubac, Ratzinger, con la rivista Communio) non regge alla prova dei fatti. Anzi, studiando bene gli autori e la loro dottrina, si vede che i secondi sono sostanzialmente dei novatori come i primi e vi è solo una differenza accidentale quanto al modo di dire le stesse cose più o meno apertamente. Ora, un errore mascherato e veicolato da un maggior numero di verità è più pericoloso dell’errore manifesto (R. Garrigou-Lagrange), poiché inganna di più. Quindi attenzione a chi, senza rigettare le novità conciliari, cerca di presentarle in “continuità” con la Tradizione, “continuità” che è asserita ma non dimostrata… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , ,

LA VACCINAZIONE CON I FETI ABORTITI È MORALMENTE LECITA? ~ RISPOSTA A “CORRISPONDENZA ROMANA” (del 23. XII. 2020)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il 23 dicembre 2020 Corrispondenza Romana ha pubblicato un articolo intitolato “Possiamo vaccinarci?”, in cui l’Autore (don Alfredo Morselli) si pone la domanda sulla liceità morale della vaccinazione anti-COVID-19, iniettata tramite un siero, in cui sarebbero1 presenti cellule di feti abortiti o linee cellulari di feti abortiti.

Egli risolve il problema dopo aver enunciato una serie di definizioni e distinzioni, in materia di teologia morale, che possono essere riassunte in quattro punti o ipotesi:… … …

Per Don Morselli sarebbe comunque lecito ricevere il vaccino, poiché non vi sarebbe nessuna cooperazione (attiva, positiva e formale) all’aborto procurato. Egli sostiene che anche se nei vaccini vi fossero cellule di feti abortiti in maniera volontaria, applicando la dottrina del “volontario indiretto” o della “causa con duplice effetto”, sarebbe egualmente lecito farsi vaccinare con una cooperazione materiale remota e indiretta al peccato formale altrui… … …

… … …se sto cacciando i merli e dubito positivamente, se dietro l’albero vi sia un merlo o un uomo (ossia ho almeno un ragionevole dubbio, che sia fondato oggettivamente) non posso sparare egualmente, sperando di uccidere un merlo, poiché accetterei la possibilità prossima o anche la probabilità di uccidere un uomo. Così nei vaccini anti-COVID-19, se il dubbio che contengano feti abortiti non è negativo (ossia senza nessun fondamento serio), ma è positivo (con un fondamento serio), allora l’azione è illecita moralmente… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , ,

LA SITUAZIONE MORALE DEL MONDO ODIERNO IN QUATTRO FOTOGRAMMI

Questa galleria contiene 1 immagine.

Marco Cosmo, nel suo sito “Il Decimo Toro”, poco dopo il Natale del 2020, ha pubblicato un video molto interessante (a seguire) che mette bene in luce la triste realtà di vera e propria “satano/latria” che ci tocca a vivere in questo mondo contemporaneo, mezzo impazzito e mezzo indiavolato.

Padre Pio, in anni non sospetti, aveva profetizzato che negli anni Sessanta, ci sarebbe stato lo “scatafascio”, precisando: “I diavoli usciranno dall’inferno e prenderanno possesso delle anime degli uomini corrotti dal peccato”… … …

… … …Bergoglio, durante il discorso tenuto in occasione della Benedizione Urbi et Orbi del 25 dicembre 2020, ha inneggiato alla “Fraternità”, rifacendosi allo slogan della Rivoluzione francese: “Libertà, Eguaglianza, Fraternità”.

L’Accademia della Crusca, tuttavia, fa notare, da un punto di vista puramente filologico, che la parola “Fraternità” è oramai desueta e, dunque, oggi bisognerebbe impiegare quella più consueta di “Fratellanza”. Però, il richiamo alla Rivoluzione del 1789 – non più condannata come sino a Pio XII, ma venerata a partire da Paolo VI – fa sì che Bergoglio la usi ancor oggi, come ha fatto anche nella sua ultima Enciclica “Fratelli tutti” del 4 ottobre 2020.

Il 25 dicembre del 2020, assieme alla “Fraternità massonica”, è arrivata a Roma, secondo quanto ha detto Bergoglio nel suo discorso natalizio, una “nuova luce”, ossia, non il divin Bambino, neppure la Stella Cometa o i Re Magi, ma bensì “la scoperta dei vaccini anticovid-19, a disposizione di tutti, essendo passati, così, dalle Tenebre della pandemia alla Luce dei vaccini per tutti” (Bergoglio)… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , ,

Il Potere Occulto dell’Alta Finanza sul Mondo Moderno (7)~ LE FAMIGLIE CHE DOMINANO IL MONDO ~ Parte Settima: i Rothschild(7)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nell’ultima puntata abbiamo studiato, le vicende storiche dei Rothschild durante l’epoca dei Congressi (che, per comodità, può definirsi di “destra”) della cosiddetta Restaurazione (1814-1822), fermandoci al 1817, e abbiamo appurato che essi hanno giocato, anche in tale èra, un ruolo determinante, proprio come lo giocarono nell’epoca napoleonica (che può essere detta di “sinistra”) e post-napoleonica.

Una delle loro caratteristiche è sempre stata quella di essere trasversali a ogni realtà – sia che fosse progressista o conservatrice, di “sinistra” o di “destra” – purché riuscisse vantaggiosa per le loro casse, per il dominio mondiale, che ha dato nascita al Mondialismo, il quale oggi (2020) sta toccando il suo apice e la sua fine, e anche per il loro popolo.

Non si deve pensare, infatti, che essi agissero (e agiscano ancor oggi) solo per desiderio di ricchezze materiali, no! La volontà di possesso del mondo li domina come impregna pure la loro etnia.

Adesso, prima di riprendere lo studio particolareggiato delle vicende dei Rothschild in tutta Europa, durante e sùbito dopo la Restaurazione, sarà opportuno approfondire il cammino che il Mondialismo ha percorso dal XVI/XVII secolo, con Valentin Andreae e Comenius, sino al Concilio Vaticano II (1962-1965) e come il pensiero esoterico/globalista sia penetrato, tramite la gnosi cabalistico/talmudica, nelle menti della maggior parte degli uomini di Chiesa nel post-concilio (1965-2020)… … … Continua a leggere

Altre gallerie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , ,