Archivio dell'autore: doncurzionitoglia

LA TESI DELL’AZIONE CON EFFETTO DOPPIO È APPLICABILE AL VACCINO ANTICOVID?

Questa galleria contiene 1 immagine.

Gli scienziati, non infeudati alle ditte farmaceutiche, insegnano e dimostrano, dopo ricerche di laboratorio, che nei vaccini ci sono anche le cellule di feti abortiti espressamente con aborto procurato (e non accidentalmente per aborto spontaneo) per la confezione del siero vaccinale. Inoltre la loro efficacia è assai dubbia e i pericoli di gravi effetti collaterali sono ammessi da molti ricercatori. Dunque la questione dei vaccini presenta almeno tre problemi di coscienza, di cui il primo è un macigno.

Per quanto riguarda il vaccino per il covid/19 i ricercatori insegnano inoltre che esso contiene dei micro organismi i quali possono modificare il comportamento dell’uomo, rendendolo teleguidato come fosse un robot, per cui si pone pure quest’altro problema etico, quello dell’intelligenza artificiale.

Il problema a) della causa con due effetti e b) della cooperazione materiale al peccato formale altrui è il seguente: è lecito a) porre un’azione, dalla quale si prevedono seguire due effetti: uno buono o almeno indifferente e l’altro cattivo e quindi b) cooperare solo materialmente all’eventuale peccato fatto da altri?… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

VALORE E ATTUALITÀ DELLA SECONDA LETTERA DI MONSIGNOR VIGANÒ A TRUMP ~ (in appendice il testo integrale in inglese e in italiano della lettera aperta, piú il video in lingua originale inglese con sottotitoli in italiano)

Questa galleria contiene 1 immagine.

(in appendice il testo integrale in inglese e in italiano della lettera aperta, piú il video in lingua originale inglese con sottotitoli in italiano) Il 25 ottobre 2020 monsignor Carlo Maria Viganò ha scritto una seconda lettera al Presidente statunitense … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , | 1 commento

Papa della Chiesa (15/15): IL CONCLAVE DEL 1922 ~ (Quindicesima e Ultima Parte)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nel presente articolo affronto il periodo finale del pontificato di papa Giacomo Della Chiesa e l’elezione del cardinale Achille Ratti (6 febbraio 1922), che prese il nome di Pio XI.

Alcuni asseriscono che, oltre Benedetto XV, anche Pio XI era inficiato di liberalismo e modernismo. Ora se ci si limita a vedere ciò che, praticamente, ha dovuto battagliare papa Ratti, durante tutto il suo Pontificato, si deve costatare oggettivamente che la sua politica di governo ecclesiastico fu diametralmente contrapposta alla prassi dello spirito soggettivista e relativista del liberalismo, anche se essa si discostava dallo stretto intransigentismo di San Pio X e continuava piuttosto quella di Benedetto XV.

Per quanto riguarda il presunto liberalismo dell’insegnamento dottrinale di Pio XI riassumo, brevemente, quanto ne ha scritto Francesco Margiotta Broglio (Enciclopedia dei Papi, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 2000, vol. III, pp. 617–632, voce “Pio XI”): «Ratti viene nominato nel giugno del 1919 nunzio apostolico a Varsavia. […]. Non del tutto apprezzabili, in quel contesto, le considerazioni del nunzio sulla presenza ebraica: “Fattore di divisione e confusione per il popolo polacco”, i numerosissimi ebrei sono “il più malfido elemento della vita polacca, un pericoloso fattore antinazionale, una massa che infesta la vita pubblica”, l’elemento” più nefasto e più demoralizzante che si possa immaginare: provocatore e sfruttatore immanchevole di disordini” (p. 620). […]. Per quanto riguarda le prime due encicliche di Pio XI (Ubi arcano Dei, 23 dicembre 1922; Quas primas, 11 dicembre 1925) Luigi Salvatorelli parlò di una sorta di nuova Unam Sanctam di Bonifacio VIII nel Novecento; la storiografia più recente ha notato che con le sue dottrine Pio XI arroccava la Chiesa “su posizioni di assoluta intransigenza religiosa e la presentava come una società in contrasto, in alternativa globale alla civiltà moderna” (G. Verrucci)… … …
Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

“Deporre il Papa?”: un invito alla lettura

Questa galleria contiene 2 immagini.

Alcuni autori, di fronte al “caso Bergoglio”, soprattutto a partire dall’Esortazione apostolica Amoris laetitia (19 marzo 2016), hanno raccolto delle firme, lanciato delle petizioni per far deporre papa Francesco e far nominare un altro Papa.

Costoro si son posti il problema se si potesse deporre il Papa caduto oggettivamente nell’eresia materiale. La maggior parte ha risposto negativamente, appellandosi all’assioma Prima Sedes a nemine judicetur. Solo pochi autori hanno proposto, con una certa insistenza, l’opzione di deporre papa Bergoglio per nominarne un altro al suo posto, ma con poco successo e séguito.

Le Edizioni Radio Spada hanno pubblicato il libro Deporre il Papa? di don Curzio Nitoglia, riguardo questo problema pungente.

Questo libro può aiutare il lettore a formarsi un’idea su ciò che i migliori teologi cattolici dicono riguardo all’ipotesi del Papa eretico ed eventualmente da deporsi. Infatti, queste pagine raccolgono quello che i teologi, i Padri ecclesiastici e i Dottori scolastici (sino a padre Reginaldo Garrigou-Lagrange) hanno scritto a riguardo dell’eventuale ipotetica eresia materiale di un Papa e della sua possibile deposizione da parte dell’Episcopato o del Collegio cardinalizio… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , | 1 commento

“Spiegazione XXIV Tesi del Tomismo” [15], Don Curzio Nitoglia, Diciassettesima Tesi, Lezione 15

Spiegazione XXIV Tesi del Tomismo” [15] Quindicesima Lezione, Diciassettesima Tesi relatore Don Curzio Nitoglia (ottobre 2020)  

Video | Pubblicato il | 1 commento

“Il piano di Papa Francesco per distruggere i cristiani”: Conversazione con Don Curzio Nitoglia

L’ enciclica ‘Fratelli tutti’, le opinioni sulle unioni civili, la politica delle frontiere aperte. Negli ultimi tempi Papa Francesco provoca grandi discussioni all’interno del mondo cristiano e dell’opinione pubblica in generale. Che cosa si nasconde dietro l’ideologia di Papa Bergoglio? … Continua a leggere

Video | Pubblicato il | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

Deporre il Papa? ~ Riflessioni su Sede Romana e crisi nella Chiesa

Questa galleria contiene 2 immagini.

Deporre il Papa? Riflessioni su Sede Romana e crisi nella Chiesa

Che vuol dire “Papa eretico”? È possibile deporre il Papa? Come conciliare l’infallibilità pontificia con l’attuale crisi nella Chiesa? Cosa deve pensare (e fare) un cattolico oggi? Domande impegnative a cui un sacerdote tenterà di dare risposte… … …

Intervista con Piergiorgio Seveso su «Deporre il Papa?»: “Il libro non è provocatorio, sono i tempi ad esserlo”.

Radio Spada intervista il suo presidente, Piergiorgio Seveso, sull’ultima uscita libraria: Deporre il Papa? – Riflessioni su Sede Romana e crisi nella Chiesa, un volume che farà discutere… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , | 1 commento

“COVID-19, spartiacque per nuova concezione del mondo” (Don Nitoglia e Dott. Pichiecchio, 26/9/2020)

“COVID-19: spartiacque per una nuova concezione del mondo”. Don Curzio Nitoglia e il Dott. Massimo Pichiecchio in conferenza a Bellante, il 26 settembre 2020 (presenta la Dott.ssa Barbara Matani)

Video | Pubblicato il | Contrassegnato , , , , | 1 commento

Don Curzio Nitoglia: “Risposta a Sodalitium”, del 7 ottobre 2020

Questa galleria contiene 1 immagine.

Un amico mi ha appena dato il numero 70/71 della rivista Sodalitium del settembre 2020, la quale mi chiama in causa muovendo delle obiezioni a ciò che avrei scritto, pensato e fatto sino a partire da 1993.

Prima Obiezione: innanzitutto (a partire dal 2010) avrei scritto su sì sì no no una serie di articoli “ingiuriosi e gravemente diffamatori nei confronti dei cattolici integrali in genere e di monsignor Benigni in particolare” (p. 5).

Prima Risposta: non ho mai ingiuriato e diffamato i cattolici/integrali e monsignor Benigni, di cui stimo l’opera, ma di cui non posso ammirare certi modi di fare a volte eccessivamente polemici.

Mi sono solo permesso di esporre il mio parere critico – che non reputo essere un dogma e dal quale si può lecitamente dissentire Continua a leggere

Galleria | 2 commenti

INVITO ALLA LETTURA: ADOLFO TANQUEREY, “COMPENDIO DI TEOLOGIA ASCETICA E MISTICA”

Questa galleria contiene 2 immagini.

L’editore Effedieffe ha ristampato il Compendio di Teologia Ascetica e Mistica del famoso teologo sulpiziano don Adolphe-Alfred Tanquerey, nato a Blainville in Normandia il 1° maggio del 1854 e morto ad Aix-en-Provence il 21 febbraio 1932.
Maestro dei Novizi sulpiziani a Issy-sur-Seine e iniziò a studiare con tanto ardore la teologia spirituale per poterla insegnare nel miglior modo possibile da arrivare infine, dopo circa quindici anni, a scrivere quello che è considerato essere il suo capolavoro: il “Compendio di Teologia Ascetica e Mistica”, che lo ha reso celebre in tutto il mondo e sul quale si son formati (senza paura di esagerare) tutti i seminaristi, i novizi degli Ordini religiosi, i sacerdoti e i direttori spirituali dal 1923 sino alla vigilia del Concilio Vaticano II (ancor di più che sui suoi manuali di teologia dogmatica e morale).
Questo compendio, ora riproposto al pubblico italiano dall’Editore Effedieffe, venne pubblicato nella sua versione originaria in lingua francese nel 1923 (dall’Editrice Desclée) e in cinque anni (1923-1927) conobbe ben cinque edizioni; finalmente nel 1928 venne tradotto e pubblicato, sempre dalla Desclée, in italiano e in altre sei lingue, che ben presto divennero addirittura dieci… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

“Il Panteismo è inconciliabile con la Trascendenza e con il Cattolicesimo” ~ [Video-intervista a Don Curzio Nitoglia]

“Il Panteismo è inconciliabile con la Trascendenza e con il Cattolicesimo. Dopo il Concilio Vaticano II le spinte “moderniste” si sono fatte sempre più forti. Con Papa Francesco questa tendenza ha raggiunto il picco, ma esistono sacche di resistenza”. A … Continua a leggere

Video | Pubblicato il | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

“COVID-19, spartiacque per una nuova concezione del mondo” ~ Conferenza a Bellante, sabato 26/9/2020

Immagine | Pubblicato il | Lascia un commento

Santa Inquisizione e Processo a Galileo Galilei [VIDEO]

Don CURZIO NITOGLIA “Santa Inquisizione e Processo a Galileo Galilei” (intervista a Don Curzio Nitoglia a cura de “Il Mastio”) – La Santa Inquisizione – Il Processo a Galileo Galilei – in appendice il processo a Giordano Bruno  

Video | Pubblicato il | Lascia un commento

I “SUPERIORI INCOGNITI”: da Bär Dov (†1772) a René Guénon (†1951)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Solo a pronunciare la formula magica “Superiori Incogniti” si pensa sùbito al sufi/esoterista René Guénon (1886-1951), ma in realtà questa formula “magica” non è farina del suo sacco (come gran parte della “sua” dottrina, che gli veniva sussurrata alle orecchie dai cabalisti[1] quasi sempre nascosti dietro ogni esoterista[2]).

In realtà questa dottrina era farina (che “diventa crusca”, come la “farina del diavolo”) del sacco – ben più profondo e quasi senza fondo, che “si perde nella notte dei tempi” – del Rabbi (“ça va sans dire”) cabalista Bär Dov (da non confondere con “Bar-Abba”) di Mesritisch (1710-1772), il successore di Israel Ba ‘al Shem Tov (1700-1760), che fu il fondatore dello Chassidismo dei Lubavich o Chabad.

Infatti Rabbi Bär Dov insegnava che lo Tzaddik (in ebraico “Giusto, Santo, Perfetto”), nello Chassidismo, rappresentava la vera ed autentica guida spirituale degli Chassidim e l’intermediario o mediatore tra la Divinità e gli Ebrei, specialmente Chassidici (cfr. Lea Sestrieri, La spiritualità ebraica, Roma, Studium, 1987).

Rabbi Bär Dov mutuò il concetto dello Tzaddik dalla Cabala e specialmente dallo Zohar, secondo cui – unitamente al Talmud di Babilonia (bSanhedrin, 97a/b; bSoukkot, 45b) – «nella Gerusalemme celeste, ove risiede il Tempio perenne, che scenderà di nuovo sulla Gerusalemme terrestre con la venuta del Messia, si trova un altare ove l’Arcangelo Michele compie i sacrifici e soprattutto offre a Dio, le anime degli “Tzaddikim Incogniti”, le quali sono il “cibo della Divinità” (non ci si deve meravigliare se i Rabbini cabalistico/talmudisti siano arrivati pure al deicidio … per “avvelenamento” …). Secondo lo Chassidismo ogni generazione umana oltre gli “Tzaddikim Conosciuti o Cogniti”, ne ha almeno “36 Tzaddikim Incogniti”[3] detti in ebraico i Lamed-Vav Tsaddiquim o Lamed Wawniqim, che non visti da nessuno [“una mano nascosta dirige tutto …”, ndr] svolgono la loro opera di mediazione tra gli Chassidim e la Divinità, grazie alla quale il mondo continua ad esistere»… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

Il ruolo della Famiglia, dello Stato e della Chiesa nell’educazione della gioventú (la disciplina del corpo e dell’anima) ~ Don Curzio Nitoglia e Michele Antonelli, 22/8/2020

Immagine | Pubblicato il | Contrassegnato | Lascia un commento

LE DISCEPOLE DEL CENACOLO, VELLETRI (ROMA)

Questa galleria contiene 1 immagine.

“L’amore fraterno nella vita religiosa viene prima dei voti di ubbidienza, povertà e castità: quando non esiste la carità si è fuori del regno di Dio” (don Francesco Maria Putti).
UN PO’ DI STORIA
Il 10 aprile 1965, don Francesco Maria Putti, sacerdote romano (1909 – 1984) e figlio spirituale amatissimo di padre Pio da Pietrelcina, che dopo l’ordinazione sacerdotale si era dedicato soprattutto all’«apostolato del confessionale», indirizzò un pro-Memoria al Vicario Generale di Salerno in cui tra l’altro scriveva: “Nello svolgere il mio ministero ho avuto modo di conoscere e guidare delle giovani studentesse di scuole medie superiori, diplomate, universitarie e laureate. Alcune di esse hanno domandato di poter indirizzare la propria vita, dedicandola al Signore, verso un apostolato di preghiera e di azione […] che possa giovare alla Chiesa. Dopo molte riflessioni e aver preso consiglio, vagliata l’esistenza di una comune aspirazione, è stata fatta la scelta di un gruppo ristretto di giovani […]. Il fine generale di tale comunità è procurare l’avvento del Regno di Dio e la santificazione delle proprie aderenti: è ottenere, attraverso la Comunione dei Santi, l’apostolato santo dei Ministri di Dio e la conversione dei peccatori. Il fine speciale è l’esercizio di qualsiasi attività che cooperi al fine generale con la preghiera, l’azione e il sacrificio in un Cenacolo di Riparazione”.
L’apostolato delle Discepole del Cenacolo si svolge attualmente soprattutto mediante la stampa volta a propugnare l’ortodossia sulla scorta della Tradizione e del Magistero costante. Alcune si dedicano alla catechesi, non ignare che, per proporre la dottrina cattolica e difenderla contro le deviazioni così frequenti nel periodo critico attuale, è più che mai necessaria un’adeguata istruzione religiosa. Altre offrono la loro assistenza spirituale e il loro conforto a delle persone anziane. La regola non esclude nessuna forma di apostolato che fosse offerta dalla Provvidenza e richiesta dalle circostanze… … …
Se qualche signorina fosse interessata può contattare la madre superiora, suor Maria Caso… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , | Lascia un commento

“MUOIA SANSONE, MA CON TUTTI I FILISTEI!”

Questa galleria contiene 1 immagine.

Oggi – specialmente a partire dall’autunno del 2019 (vedasi la catastrofe religiosa del Pachamama e quella sanitario/biologica del Covid/19) – si sente parlare sempre di più di leggi, tramite le quali  si porterebbero via, anche con la forza, i figlioli ai genitori (è già successo nel 2019 a Bibbiano di Reggio Emilia e il governatore emiliano ha promesso pubblicamente nella primavera del 2020 di tornare  “a prenderli casa per casa” …), se costoro si ostinassero a rifiutare la teoria e la pratica immonda del Gender e a non voler permettere la corruzione spirituale e morale della loro prole.

Oltre le varie altre leggi contrarie al Diritto naturale e divino, che già abbiamo sperimentato, da oltre mezzo secolo, sulla nostra pelle – a partire dalla legalizzazione del divorzio (1972) e dell’aborto (1978) – in occasione e durante il recente “pandemonio” del Covid/19; quest’ultima (ossia, l’obbligatorietà della degenerazione “gender/dizzata”) sarebbe insopportabile (umanamente e spiritualmente) e, dunque, sarebbe doveroso resistere “con le unghie e con i denti” contro una simile depravazione diabolicamente studiata e applicata.

La divina Rivelazione ci viene in aiuto e ci dà degli esempi di come comportarci in simili eventuali frangenti. Si veda il caso dei fratelli Maccabei (I – II Maccabei), che resistettero con le armi alla legislazione tirannica di Antioco IV Epifane, dei quali abbiamo già parlato approfonditamente in questo stesso sito.

Nel presente articolo, perciò, vorrei (dopo aver riassunto brevissimamente l’esempio maccabico) studiare dettagliatamente e porgere all’attenzione del lettore la figura attualissima, che non è stata ancora contemplata in questo sito, di Sansone (Giudici, XVI), il quale non esitò a lottare, sino all’estremo sacrificio della sua vita, contro l’empia perfidia degli idolatri Filistei, corrotti nella fede e nei costumi, operando positivamente non solo con la preghiera, ma con le armi dategli dal Signore, per la loro annichilazione (“si vis pacem, para bellum”)… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

SUICIDIO O TIRANNICIDIO? [1] ~ (Specchietto Riassuntivo-Prima Parte-La Teoria)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Di fronte alle varie leggi liberticide (per esempio, divieto di uscire di casa, di riunirsi, di assistere i propri cari anche moribondi in ospedale…), omicide (installare i vaccini contenenti le microchip nel corpo umano; divieto di procedere ad autopsia in casi di morte sospetta…) e persino tendenzialmente “deicide” (eucarestia da ricevere solo sulla mano; Messa vietata anche la domenica; funerali e persino l’estrema unzione vietati…), che stanno angustiando gli Italiani in questo terribile anno 2020, molte persone sono talmente preoccupate che non sanno più come reagire convenientemente.

In questi ultimi sei mesi del 2020, in Italia, sono aumentati vertiginosamente i suicidi, arrivando a toccare la somma di circa 350 mila. Molti, non riuscendo più a fare fronte alla crisi economica scatenata dal Covid/19, si disperano e decidono di farla finita. Che dire? Mai disperare e soprattutto mai suicidarsi. Infatti, vi è un’altra via di uscita, che permette di non rovinarsi per l’eternità e neppure per l’aldiquà. Ogni caso ha la sua soluzione, fosse anche il più difficile.

Ai molti Italiani che si pongono il problema, se sia lecito resistere alle leggi tiranniche, che ci angustiano sempre di più da oltre mezzo anno o, se bisogni obbedire sempre e comunque alle disposizioni dell’autorità civile (per esempio, all’obbligo di “educazione” alla perversione sessuale dei bambini già sin dalla scuola elementare) ed ecclesiastica (ad esempio, la comunione eucaristica da ricevere obbligatoriamente sulla mano), si può rispondere con la distinzione classica tra autorità legittima, cui bisogna obbedire quando legifera in maniera conforme alla legge naturale e divina e tirannia, alla quale si può resistere sia non obbedendo passivamente, sia disobbedendo attivamente, anche a mano armata come extrema ratio, qualora volesse imporci degli obblighi contrari al nostro benessere comune temporale e spirituale.

Per re/agire in maniera conveniente occorre conoscere i princìpi… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , | 1 commento

DAL “REGNO DEL COVID” AL “REGNO DELL’ANTICRISTO” (2): Ossia dal “Trattamento Sanitario Obbligatorio” alla “Tirannia Sanitaria Obbligatoria” (George Orwell “1984”)

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nel primo articolo dedicato al Covid/19 (studiato non in sé, ma come trampolino di lancio per il regno dell’Anticristo finale), mi sono basato sul romanzo storico/teologico Il Padrone del mondo di monsignor Hugh Benson, che nel 1907 scrisse sull’inquietante figura dell’Anticristo in relazione all’epoca di fermento modernistico in cui egli si trovava a dover vivere (fondandosi sulla divina Rivelazione, la Tradizione apostolico/patristica e il Magistero della Chiesa) e lo rappresentò come il “Nemico dell’uomo dal volto … umano, che si presenta “sotto forma di agnello, ma all’interno invece è un lupo rapace” (Mt., VII, 15).

Benson non ha predetto personalmente nulla, ci ha solamente ricordato ciò che è scritto (nella Bibbia, nella Tradizione e nel Magistero), applicandolo ai suoi giorni, che già erano “tempestosi”. Gli altri autori di cui mi avvalgo (Zanjatin, Huxley e Orwell) non hanno “previsto” e “predetto” nel senso stretto del termine, ma hanno semplicemente “preannunciato”, nei minimi dettagli, ciò che le Super/Logge, di cui facevano parte, avevano pianificato, già all’incirca 100 anni fa, e che una voce chioccia e melliflua aveva sussurrato, da centinaia di anni, all’orecchio del gran-maestro.

L’autore israelita James Darmesteter, nel XIX secolo, ha descritto questo fenomeno mirabilmente: “L’ebreo cerca i punti più vulnerabili della Chiesa, ed egli ha al suo servizio – per poterli scoprire – oltre la conoscenza dei Libri Santi, la sagacia dell’oppresso. Egli è il dottore dell’incredulo, tutti i rivoltosi spirituali si rivolgono a lui, nell’ombra o in piena luce. Egli lavora nell’immenso laboratorio della bestemmia è lui che forgia tutto quell’arsenale assassino di ragionamenti e d’ironia che armerà gli scettici del Rinascimento ed i libertini; e quel certo sarcasmo di Voltaire non è che l’ultima eco d’una parola mormorata, sei secoli prima, nell’ombra del ghetto, o meglio ancora ai tempi di Celso e di Origene, alla culla stessa della religione del Cristo” (J. DARMESTETER, Coup d’oeil sur l’histoire du peuple juif, Paris, 1881).

Nel presente articoletto mi fondo sul libro di George Orwell, che fu scritto tra il 1946 e il 1948 e che, quindi, avrebbe dovuto essere trattato per ultimo in questa serie di scritti; mentre il libro di Huxley è del 1932 e quello di Zanjatin addirittura è del 1920, ma – come nota giustamente il professor Enzo Pennetta – per arrivare a Huxley (Il mondo nuovo) bisogna passare per Orwell (1984). Per questi motivi presento ai lettori prima il romanzo “1984” di Orwell, anche se fu scritto per ultimo (nel 1946/48), e solo dopo tratterò gli altri due libri di Huxley (del 1932) e Zamjatin (del 1920).

Con la scusa del Covid/19 si è instaurato un “Nuovo Ordine Mondiale” in cui – tramite la somministrazione di vaccini obbligatori e di microchip – si arriverà a cercare di dominare totalmente (anche “da remoto”) non solo la vita pubblica dell’umanità, ma anche quella privata (fisica, mentale, intellettuale e morale) del singolo uomo; nulla sarà più come prima, non facciamoci illusioni… … … Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Invito alla Lettura: Curzio Nitoglia, “Roma Antica, Giudaismo e Cristianesimo”

Questa galleria contiene 1 immagine.

L’Editore Effedieffe di Proceno (Viterbo) ha appena pubblicato il libro Roma antica, Giudaismo e Cristianesimo (630 pagine, 30 euro) di Curzio Nitoglia.

L’Autore, innanzitutto, risolve i rapporti tra Paganesimo, Cristianesimo e Neopaganesimo biologico/esoterico. In un altro capitolo mostra qual è, ancor oggi, il valore perennemente attuale del messaggio spirituale e filosofico che Roma antica può rivolgere al mondo moderno. Quindi, passa a trattare il tema dei rapporti che erano intercorsi – ai tempi di Gesù – tra Ponzio Pilato, Cesare e il Gran Sinedrio per poter, poi, risolvere la vexata quaestio della responsabilità del Giudaismo postbiblico nel Deicidio.

Di poi illustra la genesi della prima persecuzione “romana” (anno 64) contro il Cristianesimo ai tempi di San Pietro e San Paolo, sotto l’Imperatore Nerone, che fu spinto a martirizzare i Cristiani non dai Pagani o dai Romani, come si dice comunemente, ma dalla sua seconda moglie Poppea, che era una giudaizzante, ossia una “proselite della porta”… … …

… … …Non poteva mancare, infine, un’esposizione della filosofia morale di Roma antica, da Marco Aurelio a Seneca, fondata sulla metafisica greca di Platone e Aristotele. Nei capitoli successivi mostra l’attualità e la vitalità della filosofia della Seconda Scolastica (XVI-XVII secolo) in contrapposizione alla Modernità sia in politica (Francisco Suarez) che in ecclesiologia (San Roberto Bellarmino).

Quindi abborda il problema, ridivenuto attualissimo nel 2020 (dopo il Pachamama e il Covid/19), della liceità e doverosità dell’insurrezione armata dei Fratelli Maccabei contro il tiranno di allora (164 avanti Cristo): l’empio persecutore del culto monoteistico, Antioco Epifane, figura e prototipo dell’Anticristo finale e degli Anticristi intermedi odierni: Bill Gates, Soros, Rothschild, Rockefeller, Parolin e Bergoglio…

Finalmente si avvia a trattare la natura della religione giudaica nell’Antico e nel Nuovo Testamento; poi sfata la leggenda della Chiesa primitiva presentata – sia dai modernisti sia dagli esoteristi neopagani – come una setta anarchica, che Continua a leggere

Galleria | Contrassegnato , , , , , | 1 commento