Contatti

LA SEGRETERIA WEB, CHE FA MANUTENZIONE DEGLI SPAZI WEB DI DON CURZIO NITOGLIA (che ora sono parecchi), SI SCUSA PER I RITARDI A VOLTE DI DIVERSI GIORNI NELL’AGGIORNARE  TUTTE LE PAGINE E SPECIALMENTE QUELLA DEI COMMENTI…MA IL LAVORO È TANTO…E GLI OPERAI NELLA VIGNA POCHI…
SINCERE CORDIALITÀ E AUGURI DI OGNI BENE A TUTTI
 
***
 
PREMESSA della segreteria:
RICORDIAMO A TUTTI I NULLAFACENTI, RICCHI DELLO SPIRITO D’ODIO pre e/o post CONCILIARE, CHE I LORO SPROLOQUI-OFFESE AL SACERDOTE FARANNO BREVE STRADA (direttamente nella spazzatura), E MAI PERVERRANNO A DON CURZIO PER DISTRARLO DALLE SUE ATTIVITA’ PASTORALI.

Sancte Michael Archangele, defende nos in proelio

 

Tutti gli altri invece possono lasciare a fondo pagina un messaggio, lettera, riflessione, o commento ad un qualsiasi articolo (titolo e link).

I messaggi/commenti da voi inviati non verranno pubblicati immediatamente e automaticamente, ma solo dopo la loro visione e approvazione. Avvisiamo pure che l’aggiornamento di questa sezione non è quotidiano, ma saltuario e discontinuo.

ATTENZIONE: per motivi di riservatezza dobbiamo anche informarvi che i testi non saranno letti direttamente da don Curzio Nitoglia, ma dalla sua segreteria web, che per motivi tecnici ne prenderà visione in anteprima per poi inoltrarli al sacerdote.

PORTATE PAZIENZA: DON CURZIO RISPONDERA’ QUANDO POTRA’.

INDICATECI CHIARAMENTE SE DESIDERATE CHE
IL VOSTRO MESSAGGIO RESTI “PRIVATO” E NON PUBBLICO.

265 risposte a Contatti

  1. Roberto Giannaccini ha detto:

    Caro Don Curzio Nitoglia,
    Le scrivo anzitutto per ringraziarLa del Suo coraggio, specialmente oggi in tanta confusione c’è molto bisogno di una voce autorevole che dica si si e no no.
    Vorrei porLe alcuni quesiti che leggendo il Vangelo mi sono sorti:
    – bisogna adorare la madre di Gesù, Maria, come regina del cielo oppure no, dato che è scritto che solo al Padre spetta l’Adorazione e dato che l’altro paraclito inviato da Gesù agli uomini è lo Spirito Santo, una Persona Divina e non una persona umana?
    Allo stesso modo recitare il rosario è bene oppure male dato che Gesù invita a pregare solo il Padre Nostro (che è nei cieli e non su terra) ed ad evitare di pronunziare molte parole vane all’uso dei pagani, dato che il Padre conosce esattamente quello di cui abbiamo bisogno prima che glielo chiediamo?
    Quando ci si confessa ritengo che sia nostro Signore Gesù Cristo che ci assolve per il tramite del Suo ministro e non il ministro in quanto persona, se il ministro non è totalmente corretto, l’assoluzione vale ugualmente oppure bisogna cercarne un altro, sempre ammesso che si possa essere in grado di giudicarne la bontà?
    Ultima questione, non ho mai trovato molto opportuno inginocchiarmi davanti a statue, dipinti od altre rappresentazioni “mute, senza vita ed opera dell’uomo”, sono in errore?
    E’ giusto invocare i Santi, gli Angeli ed i Martiri oppure basta la Santa Trinità?
    Ho molto amato le processioni che si facevano al mio piccolo paese d’origine quando il parroco portava il Santissimo (sono stato chierichetto per lunghi anni da ragazzo, fortunatamente della Chiesa in latino, della Comunione sulla bocca, alla balaustra – dopo una Santa Confessione – con la patena sotto il mento, delle donne velate in chiesa, degli uomini a capo scoperto in segno di rispetto e del sacerdote rivolto verso il Santissimo di fronte al quale ancora oggi mi inginocchio volentieri con la più sincera Adorazione che mi è possibile, ricordo ancora il profumo delle foglie di mirto con le quali veniva cosparso il tragitto della processione ed è un ricordo sublime).
    Ho letto il giuramento antimodernista e come avrà capito io sono per un ritorno ad una Chiesa Cristiana, ma non mi sento di giurare dato il divieto di giurare imposto da nostro Signore ai Suoi Apostoli, sono in errore?
    Forse le risposte che cerco si trovano già da qualche parte, ma orientarsi nell’enorme massa di cose che ci vengono costantemente sottoposte è difficile ed una Sua parola od un Suo invito a leggere uno o più testi sarebbero per me molto più utili di mille ricerche che rischiano di restare infruttuose.
    La ringrazio cordialmente della risposta che vorrà darmi quando potrà, Le auguro un buon lavoro (ce ne è tanto da fare) e La saluto con un abbraccio fraterno.
    La Pece del Signore sia con Lei, con i Suoi collaboratori, con tutti i ministri della Chiesa e con tutti noi, Amen
    Roberto Giannaccini

  2. Micus ha detto:

    Don Curzio Nitoglia,
    complimenti per la sua opera in difesa della tradizione cattolica. Volevo segnarle un nuovo saggio uscito di recente “le forme del sacro” di Luigi Martinelli sulla crisi liturgica contemporanea. Sarebbe bello leggere una sua recensione di un testo così controverso.

    Grazie! Saluti in Cristo!

  3. doncurzionitoglia ha detto:

    MESSAGGIO PER TUTTI, SPECIE PER I DOTTORANDI IN FILOSOFIA:

    GLI SGHERRI CHE GESTISCONO QUESTA REDAZIONE PER CONTO DI DON CURZIO NITOGLIA COMUNICANO DI AVER INOLTRATO TUTTE LE LORO LETTERE AL SACERDOTE, FACENDO PRESENTE CHE ANCHE CHI SCRIVE SI CONCEDE, UNA VOLTA L’ANNO, QUALCHE GIORNO DI VACANZA.
    BUON PROSEGUIMENTO A TUTTI.

    LA SEGRETERIA WEB DI http://www.doncurzionitoglia.com

  4. RICORDIAMO A TUTTI CHE L’UNICO MODO PER POTER CONTATTARE DIRETTAMENTE E PRIVATAMENTE DON CURZIO NITOGLIA É ESCLUSIVAMENTE QUESTO LINK
    https://doncurzionitoglia.wordpress.com/about/
    I VOSTRI MESSAGGI RESTERANNO PRIVATI SINO AD APPROVAZIONE E SE VOI LO INDICATE CHIARAMENTE NON VERRANNO MAI RESI PUBBLICI.
    SE L’ARGOMENTO DA VOI TRATTATO NEL MESSAGGIO É DI NATURA GRAVE E URGENTE, AGGIUNGETE UN VOSTRO RECAPITO TELEFONICO E UN’INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA VALIDO: ESSENDO IL MESSAGGIO PRIVATO E NON PUBBLICO NESSUNO CONOSCERÁ MAI I VOSTRI DATI.
    QUESTA SEGRETERIA INOLTRERÁ LE VOSTRE RICHIESTE AL SACERDOTE, CHE DECIDERÁ SE/COME/QUANDO RISPONDERVI.
    CORDIALTÁ A TUTTI.
    LA SEGRETERIA WEB DI
    http://www.doncurzionitoglia.com/
    http://doncurzionitoglia.net/
    https://doncurzionitoglia.wordpress.com/
    https://www.facebook.com/d.curzionitoglia
    https://twitter.com/Curzio_Nitoglia
    http://www.youtube.com/user/doncurzionitoglia
    (NESSUNA RISPOSTA VI VERRÁ DATA SULLE PAGINE DI Facebook, Twitter, Youtube, SOCIAL NETWORK UTILIZZATI ESCLUSIVAMENTE PER UNA MAGGIOR DIFFUSIONE IN RETE DEGLI ARTICOLI DI DON CURZIO E NON PER “CHATTARE”…)

  5. Alberto Bressani ha detto:

    http://www.timmylove.altervista.org/nom/rotary.html
    Volevo sapere se questo articolo è vostro

  6. Domenico ha detto:

    Nel complimentarmi per l’articolo, molto circostanziato su Ponzio Pilato, porto a conoscenza che sto scrivendo un dramma sulla condanna di Gesù da parte del Sinedrio e il ruolo invertito del Procuratore di Roma che non firma la sua condanna. Non firmando e rifiutandosi di condannare Gesù, praticamente sovverte le Scritture stravolgendo la Storia.
    Il dramma è alle ultime battute e ci terrei a sottoporlo alla sua attenzione una volta terminato.
    Grazie per la sua cortese accoglienza.
    Cordiali saluti
    Domenico

  7. Ciro Innelli ha detto:

    Caro don Curzio, che la forza di dissipare le tenebre sia sempre con Lei!

  8. doncurzionitoglia ha detto:

    MESSAGGIO PER TUTTI COLORO CHE HANNO INVIATO MESSAGGI PRIVATI:

    ABBIAMO INOLTRATO A DON C.N. TUTTE LE VOSTRE LETTERE E MESSAGGI.

    D’ORA IN POI NON DIPENDE DA NOI: DON C.N. RISPONDERÁ A CIASCUNO COME,QUANDO E SE POTRÁ-VORRÁ.

    Segreteria web di http://www.doncurzionitoglia.com

  9. Roberto Andreozzi ha detto:

    Ringrazio Don Curzio per i bellissimi articoli che ha scritto e continua a scrivere.
    Grazie mille
    Roberto A.

  10. Clemente Kaiser ha detto:

    Commento all’articolo “Digiuno e astinenza”.

    Scrive Benedetto XIV nel 1741 (Nos ambigimus):
    “Con il digiuno, quasi contrassegno della nostra milizia, veniamo distinti dai nemici della Chiesa, allontaniamo i fulmini della divina vendetta e, con l’aiuto divino, veniamo protetti nel volgere dei giorni dai Principi delle tenebre.
    Dalla sua inosservanza scaturisce un non trascurabile danno della gloria di Dio, una non lieve onta alla Religione Cattolica e un sicuro pericolo per i fedeli; è certo infatti che le sventure dei popoli, le sciagure mortali, pubbliche e private, non trovano origine altrove.”

    La guerra è passata da quasi 70 anni, siamo spesso sovralimentati (senza essere per questo dei “turbo”), i nutrizionisti consigliano di mangiare carne una o massimo due volte alla settimana e noi ci facciamo problemi a mangiare “solo” una volta al giorno (più frustulum e cœnula serotina) potendo usare pesce, latticini e uova?

    Confrontiamoci con i cattolici ortodossi, che continuano a mantenere le antichissime tradizioni:
    http://tradizione.oodegr.com/tradizione_index/insegnamenti/digiuno.htm

    • Paolo ha detto:

      Volevo segnalare che anche i fratelli ortodossi ( rumeni..greci..russi..etc) continuano a mantenere e valorizzare le antichissime tradizioni cristiane:
      durante la quaresima 40 giorni di digiuno ed astinenza stretta. Bandito ogni tipo di cibo di provenienza animale fatte salve alcune festività speciali in cui è consentito un po di pesce.
      Ed il venerdì “magro” ovvero senza olio.

  11. MESSAGGIO PER – “ANDREA” – “DON RINO” – “GIOVANNA” –
    abbiamo consegnato le vostre lettere a don Curzio, che risponderá privatamente appena possibile.
    sincere cordialitá.
    la segreteria web di http://www.doncurzionitoglia.com &.net

  12. J.D.P ha detto:

    Siano lodati Gesù e Maria!

    Rev.do dom Curzio,
    frequento l’università dell’Aquila, e stamattina sul sito del mio dipartimento (www.scienzeumane.univaq.it), alla sezione “In primo piano”, c’era l’annuncio del seguente evento:

    “Presentazione del libro di A. Cifariello, L’ombra del kahal. Immaginario antisemita nella Russia dell’Ottocento, Viella, 28 febbraio Biblioteca di storia moderna e contem.,Via M.Caetani 32, Roma”

    Dato l’argomento, ho pensato che poteva interessarla, e pertanto l’ho segnalato.
    Nei Cuori di Gesù e Maria,
    J.D.P

  13. Michele ha detto:

    Gentile Amministrazione, aspetto una mail da Padre Curzio alle mie domande di dicembre riguardo l’ortodossia e l’apostasia della Chiesa latina odierna, potreste per favore fargli arrivare le mie domande?
    Cordiali saluti Michele

    • doncurzionitoglia ha detto:

      Caro Michele, noi a don Curzio la sua lettera, come tutte le altre, l’abbiamo consegnata appena ricevuta, unitamente al suo indirizzo email: da quel momento in poi, “quando-come-se” lui risponderá non é di nostra competenza.
      Proveremo a ri-consegnargliela nuovamente.
      Cordialitá
      La Segreteria Web

  14. doncurzionitoglia ha detto:

    Messaggio per Carlo – carlo.franchetti@virgilio.it
    IP 79.50.175.38 – Country: ITALY – Region: VENETO – City: PADOVA
    Latitude: 45.417 – Longitude: 11.883

    I tuoi puerili insulti ovviamente non giungeranno al sacerdote e non lo sfioreranno neppure, ma i tuoi dati invece sono stati consegnati al tuo provider “Virgilio.it” e alla Polizia Postale, che prenderanno i dovuti provvedimenti.

    Gli incaricati della Segreteria Web di http://www.doncurzionitoglia.net

  15. Clemente Kaiser ha detto:

    Rev. Don Curzio,
    ho letto il Suo articolo:
    Conoscenza Elementare dell’Islam Contemporaneo e del Mondo Arabo, per capire quel che succede oggi nel Vicino-Medio Oriente e nel Mondo Globalizzato
    e lo trovo molto interessante e ben argomentato.
    Non ho però trovato nessun riferimento all’Iran sciita, che è molto diverso sia dal nazionalismo islamico, sia da dall’islamismo radicale. Sono stato alcune volte in Iran e ho trovato da un lato una grande serietà nel praticare e discutere la loro religione (ovviamente solo i credenti) e dall’altra una buona apertura mentale e disponibilità verso altre culture e religioni.
    Sarebbe interessante una “seconda puntata” del Suo articolo sull’argomento.
    Cordialmente.
    CCK

  16. Marco ha detto:

    Stavo guardando il video nel vostro canale youtube riguardo la massoneria, quello diviso in 6 parti, e ho notato che nel sesto video c’è la ripetizione del quinto dal minuto più o meno 5.30. Ho pensato che forse è stato tagliato dalla massoneria! 🙂 Saluti

  17. infocaotica ha detto:

    Abbiamo tradotto gli articoli di D. Nitoglia in spagnuolo:

    http://info-caotica.blogspot.com.ar/2013/12/apendices-sobre-el-sedevacantismo.html

    Anche il nostro dossier sull sedevacantismo, in spagnuolo:

    http://es.scribd.com/doc/195017750/Una-introduccion-al-sedevacantismo

  18. Gianna ha detto:

    Caro Don Curzio Nitoglia,spero che i miei Auguri di S.Natale la raggiungano anche in risposta ai suoi e al suo articolo che ho trovato molto confortante e lo condivido totalmente.
    L’incontro “casuale con il suo sito è stato molto importante per me,che ritorno a Casa dopo quasi tutta una vita trascorsa altrove (laureata in psicologia,poi :psicanalisi,teosofia,antroposofia,ecc.). Solo che ho trovato Casa devastata e questo è stato doloroso ,ma il suo bellissimo augurio per il 2014 mi ha rincuorato.
    Che il Signore La protegga per se stesso e per noi sempre.

  19. Roberto Andreozzi ha detto:

    Carissimo Don Curzio,

    proprio oggi leggo che i cittadini italiani pagheranno solo nei prossimi cinque anni attraverso le tasse la bellezza di 450 miliardi di euro al sistema bancario (privato..ovviamente), che si vanno ad aggiungere agli oltre 3000 miliardi pagati in meno di 20 anni. Che cosa significa questo?

    Significa che la cerchia della quale faccio parte, quella dei lavoratori (con figli a carico) la cui azienda mette in cassa integrazione a rotazione prima di mandare a casa, si allargherà sempre di più, significa che i mezzi d’informazione mentono e la gente ci crede, significa che i governi agiscono chiaramente come longa manus delle banche per spennare il popolo.

    Qual è il nostro dovere come cattolici?

    Molti sperano che sia Dio a cambiare le cose. Io Lo prego tutti i giorni, ma sono solo un grande peccatore che non capisce nulla dei Suoi Disegni. Quello che invece vedo è la nostra responsabilità. Questo sistema si basa sul nostro consenso. Siamo noi che paghiamo le tasse per mantenere questo sistema perverso, stiamo pagando cioè il prezzo della nostra schiavitù e la rovina dei nostri figli. Il nostro rifiuto auto gratificante nel trattare i problemi comuni e nel porre la loro soluzione fuori dalla nostra portata, è la nostra condanna.

    Se non sbaglio fu San Felice a dire “non opporsi ad uno sbaglio vuol dire approvarlo”.

    Bisognerebbe cominciare col riconoscere ciò che OGGI è sbagliato. Ma sembra che dire la verità sia un atto rivoluzionario. Il Vaticano è ormai un precursore materiale del Nuovo Ordine Mondiale. Chi rimane?

    Quei pochi che rimangono hanno il dovere di ammonire sulla realtà attuale delle cose. Bisognerebbe cominciare col dire che: il sistema d’informazione è sbagliato, poiché tiene l’attenzione lontano dai veri problemi e dalle vere cause seducendo con argomenti senza importanza reale; il sistema educativo-scolastico è sbagliato poiché mantiene il pubblico ignorante delle verità matematiche, della vera economia, della vera legge e della vera storia scoraggiando la creatività e lo spirito; il sistema politico è sbagliato poiché è diventato il paravento della grande mangiatoia degli usurai; il sistema economico è sbagliato poiché la “mission” di ogni corporation è il profitto dei suoi azionisti (privati) e non il bene comune. Per dirla come Pio XII “Il mondo di oggi corre verso la propria rovina, è tutto un mondo che bisogna rifare dalle fondamenta” (1952).

    La gente è confusa e disorientata, crede che la situazione attuale sia dovuta ad un fenomeno naturale di crisi economica aggravata da inefficienza e sprechi. Gli sprechi ovviamente ci sono ma rappresentano una conseguenza e non una causa. La causa è il sistema bancario. LE CRISI NON SONO CAUSATE DALLA MANCANZA DI BENI E SERVIZI MA DALLA MANCANZA DI MONETA PER COMPRARLI.

    Molte persone che entrano in banca a chiedere un mutuo per comperare una casa o chiedono un prestito per comperare il nuovo fuoristrada non immaginano cosa avviene realmente, per il semplice fatto che nessuno lo dice, anche quelli che lo sanno perché gli fa comodo non dirlo. La verità è che le banche prestano aria: denaro che non hanno. La banca usa il contratto del prestito firmato dal cliente come fosse un bene da scontare: le da un valore e lo monetizza accreditando il relativo importo sul conto corrente del cliente. La banca NON usa denaro che già possiede o che le è stato prestato, ma lo crea contabilmente all’occasione sulla base del bene impegnato. Le banche non sono quindi dei puri intermediari del credito, come vorrebbero far credere, ma sono dei veri e propri enti d’emissione. Da questo cosa si evince? Il pagamento degli interessi è la seconda USURA applicata alla prima che è già enorme.
    Una volta l’USURA, considerata solo come interesse sul prestito, era peccato mortale. Ora che l’USURA non è solo l’interesse sul prestito, ma l’intero importo di denaro scritturale che le banche creano all’occasione, non se ne parla affatto.

    Qual è il nostro dovere come cattolici?

    La moneta emessa dalle banche centrali segue lo stesso principio, tutta la moneta nasce solo come debito, ogni sua emissione inietta nell’economia reale un costo aggiuntivo di pari valore – la TASSA DA RESTITUZIONE MONETARIA. L’ imposizione fiscale statale è pura conseguenza della presenza del sistema bancario come unico sovrano sulla moneta e diventa una delle principali forme coercitive di controllo sociale.

    Ma non finisce qui. La scorciatoia monetaria di arricchimento del Sistema Bancario alimenta con l’anemia monetaria tutte le altre scorciatoie al miglioramento del potere d’acquisto contro la fatica competitiva: monopoli, corruzione, tangenti e clientelismi.

    In questo sistema il lavoro diventa un concetto ideologico imposto dalla NECESSITA’ DI REPERIRE MONETA pena la propria esistenza fisica: ogni mansione diventa speculazione difensiva. In tale girone infernale lo stress sociale è ineliminabile perché banalmente e tragicamente creato all’origine a livello monetario. OGNI ALTRO MALE SOCIALE È UN SEMPLICE CASCAME DELLO STRESS ECONOMICO-MONETARIO.

    I pochissimi che stanno al vertice della piramide monetaria tendono a rimanervi perché vedono il parassitismo finanziario corporativo che li caratterizza come la miglior forma di auto sostentamento.

    Chi stenta alla competizione economico-sociale data dallo scannamento sull’osso monetario viene considerato dal gregge inconsapevole un reietto, un fannullone, un parassita, un indegno di vivere anche solo perché mette in dubbio le “certezze” della massa inquadrata e chi magari una volta tentata la competizione non riesce in qualche modo a posizionarsi secondo le aspettative viene pubblicamente deriso e umiliato.

    Sia lodato Nostro Signore Gesù Cristo

    • Riccardo Cariaggi ha detto:

      L’economia delle banche non può reggere a lungo. La potenza, ricchezza dei potenti è condizionata dallo stato di benessere della base, cioè del popolo. La povertà e la infelicità della base finisce per coinvolgere anche il vertice, con danni maggiori però, perché la caduta è da una maggiore altezza. Non ci si può arricchire senza il benessere di tutti se non per tempi limitati: quando il denaro non circola, l’organismo muore. Così anche la società. Più o meno quel che capita in un organismo vivente, circa la circolazione del sangue!!!
      E poi se accogliamo Gesù, se perseguiamo la Fede ed usiamo le Virtù, la Providenza ci darà la Grazia di poter vivere il nostro Regno di Dio nel nostro tempo e nei nostri luoghi con le persone che amiamo.
      NON PREVALEBUNT!!!!!!

  20. Michele ha detto:

    Stimato Padre Nitoglia, foste c’é stato un’errore tecnico, o forse l’amministratore del sito ha tolto le mie tre domande. Erano importanti per chiarire una volta per tutte la posizione che come cattolico devo assumere verso il Papa attuale e verso la validità o meno dei Sacramenti.

    Sento da almeno due anni di non sentirmi più parte di questa nuova Chiesa post-conciliare e almeno però vorrei capire se Roma è entrata in un’apostasia tale da creare la sede vacante?

    So che può sembrare una domanda invadente e forse provocatoria, ma davvero, non vuole esserlo. Sono in un periodi di confusioni, le chiedo di darmi almeno una dritta. Se proprio non vuole dirlo esplecitamente, capirò lo stesso.

    • doncurzionitoglia ha detto:

      Gentile Michele,
      talvolta anche gli “amministratori tecnici del sito” si ammalano e sono costretti, loro malgrado, all’inattivita per un certo periodo…barcollano ma non mollano…

      Le tue richieste sono ora state inoltrate al sacerdote, che risponderá quando potrá, compatibilmente ai suoi impegni (oltre ai suoi doveri pastorali, egli riceve un mare di posta e richieste…e resta pur sempre un umano come noi tutti).

      Le piú sincere cordialitá.

      La segreteria web di http://www.doncurzionitoglia.com

  21. Michele ha detto:

    Arras, 2009, il più bel discorso di un uomo politico dal dopo-guerra a oggi

    Apostasia Roma:

  22. Vittorio ha detto:

    Plaudo al completamento del lavoro sulle XXIV Tesi tomistiche. Cordiali Saluti VZ

  23. salvatore garozzo ha detto:

    Don Curzio lei mi può dire la data di chiusura del Concilio Vaticano 1°?

  24. salvatore garozzo ha detto:

    Don Curzio che cosa pensa lei dei preti che prestano la loro chiesa ai protestanti facendo loro pubblicità e permettendo loro di celebrare il loro rito eretico sull’altare? Io mi sento male.

  25. salvatore garozzo ha detto:

    Don Curzio mi può dire che cosa pensa di Rinnovamento nello Spirito? Quelli dicono che hanno il dono delle lingue come i pentecostali ma io non ci credo proprio.

  26. Giovanni ha detto:

    Carissimo Don Curzio
    Infiniti ringraziamenti per le 24 Tesi Giovanni da Napoli

  27. doncurzionitoglia ha detto:

    PER A. K.
    caro amico, in Vaticano hanno una mole di documentazione che noi neppure riusciamo a immaginare, sepolta sotto tonnellate di altra documentazione, sepolta sotto altre tonnellate di altra documentazione, a risalire nei secoli. Basta passarsi una giornata in una delle biblioteche o archivi vaticani per rendersi conto della ricchezza di materiale contenuto (che chi scrive, un operaio volontario al servizio di don Curzio, ha piú volte consultato e a sua volta ri-archiviato tramite scansioni laser).
    Riferiremo comunque la sua richiesta al sacerdote.
    Belle cose.
    La segreteria web di DCN

  28. Giovanni Tortelli ha detto:

    Bellissima la conclusione dell’articolo apparso su Unavox “Gravità della situazione…”. Don Curzio rimette tutto all’attesa per fede, è l’unica soluzione possibile, la più vicina al Signore, al di là di tutte le ricette che vengono dispensate a iosa da tutti i vaticanisti di turno su questa Chiesa martoriata dal postconciliarismo.
    Giovanni Tortelli

  29. luca stranges ha detto:

    Esprimo a titolo del gruppo christusimperat di torino..massima solidarietá,per la barbara vergognosa aggressione e sacrilega perchè rivolta ad un sacerdote di Cristo..e manifesto somma stima e devozione a Don Curzio per il suo Regale ufficio..il suo coraggio la sua opera e il suo esempio nell’esercizio della santa virtù

  30. Andrea ha detto:

    Carissimo Don Curzio, le sono vicino spiritualmente in questi giorni di gogna mass-mediatica e le assicuro le mie preghiere.
    Per me e per la mia fidanzata lei è uno dei pochissimi di cui possiamo ancora fidarci, pur senza conoscerla personalmente.
    Grazie per tutto quello che fa, per la grande opera di misericordia spirituale che compie attraverso il suo lavoro.
    Il Signore la ricompenserà!

  31. Nicola Cavedini ha detto:

    Molto Reverendo Don Nitoglia, ho letto il suo interessante intervento sulla questione del sedevacantismo ovvero della difesa della visibilità della Chiesa. Debbo dirle francamente che non mi ha convinto affatto. E’ infatti una falsa soluzione sostenere che siccome la Chiesa è divina l’attuale papa è un vero papa. Mi sembra una specie di tautologia. Capisco che è duro guardare in faccia alla realtà, ma sostenere davanti alla devastante pastorale di Francesco che, dato che non vi può essere interruzione nella successione apostolica, detto Francesco è vero papa, mi appare, appunto una tautologia. Mi sembra piuttosto che ci troviamo davanti ad un mistero. Siamo forse nella situazione in cui si trovava – mutatis mutandis – San GIuseppe davanti alla misteriosa fecondità di Maria SS. San GIuseppe era moralmente certo della santità della Madonna, ma non poteva negare la evidenza dei fatti occorsi. In questo egli non peccò, perché non dubito mai della purezza della sua SS. Sposa, ma, d’altro lato, non poteva evitare di constatare una realtà a lui sconosciuta, ovvero che la Madonna aspettava un Figlio. Si trovava insomma davanti ad un dubbio insormontabile. Ci volle appunto la rivelazione dell’Angelo per scioglierlo da quella situazione. Forse è un po’ la situazione in cui ci troviamo noi cattolici del XXI secolo. Siamo cioè davanti ad um mistero. I due corni del problema sono: da un lato l’indefettibilità e santità della Chiesa, dall’altro l’evidente ereticità degli attuali gerarchi. Il ricorrere in questi tempi a soluzioni di tipo manualistico (che non potevano immaginare la devastante crisi attuale) mi sembra più un modo per esorcizzare da un punto di vista psicologico la dura e gravissima realtà che altro. Quale aiuto o sollievo può dare infatti l’asserire che Francesco è Papa (sulla base di una tesi teologica) quando tutti i giorni (nonostante tutti gli accipio di questo mondo) sconfessa continuamente il suo mandato apostolico. ben poca io credo. Cordialmente Nicola Cavedini

  32. aurora ha detto:

    Caro Don Curzio.
    Ho letto con piacere alcuni suoi articoli sulla finanza e

    le origini del mondiale disastro economico.
    Conoscere le cause dovute a un “pensiero” che

    sintetizzato e’ un’idea di un uomo che aveva per

    obiettivo conquistare il pianeta, mi ha fatto sentire

    stupida. Noi, uomini stupidi che seguiamo un

    pensiero condito di intelletto, senza seguire un’etica

    e senza capire lo scopo di tale pensiero! Eppure

    avevamo gia’ i famosi “Protocolli di Sion”.
    La superbia dell’intelletto! Mi e’ piaciuta molto la

    citazione di S.Francesco, bellissima e profetica. Infatti

    e’ scritto anche questo nel Grande Libro.
    Mi domando: come mai gli Ebrei continuano a citare

    la Bibbia nei loro movimenti politici e intellettuali? Si

    ritengonono detentori della Parola di Dio, quando

    invece non l’hanno riconosciuta. Hanno gli occhi

    chiusi come il Signore ha scritto nelle Scritture. Non

    sanno che Sion e’ la citta’ di Dio? Chi ha portato un

    “pensiero” cosi’ deleterio per l’umanita’ e’ molto

    lontano da Sion. Lo sanno che verranno rigettati? Il

    Signor Friedman e suoi collaboratori del piano

    “Globale” sono si Ebrei, ma vengono dalla stirpe di

    Esau’, non sicuramente di Giacobbe. Probabilmente lo

    sanno, e’ il gioco di satana. Quanto e’ astuto satana!

    Grazie per il Suo coraggio. Il Signore la protegga sempre.

    Il messaggio non e’ privato.

  33. Roberto A. ha detto:

    Carissimo Don Curzio,

    approfitto del blog per porre alla Vostra attenzione alcuni documenti riguardanti la falsificazione della datazione radiocarbonica della Sacra Sindone che avvenne nel 1988 da parte dei laboratori di Tucson, Oxford e Zurigo e che portò ad un’età compresa tra il 1260 ed il 1390 d.C.

    Come sempre è difficile districarsi nella disinformazione a riguardo e spesso si finisce o per convivere con un dubbio o per accettare la versione “ufficiale” che è quella più sponsorizzata (come nel caso dell’evoluzionismo), semplicemente perché i mezzi d’informazione appartengono alla “lobby”per eccellenza, padrona incontrastata di tutto.

    La falsificazione della datazione radiocarbonica del telo sindonico e la propaganda successiva rientra nel novero dei grandi attacchi contro la Verità, affinchè tutto sia conforme allo standard di circoncisione dei cervelli imposto dal sistema.

    La documentazione è la seguente:

    • Intervista al Professor Baima Bollone: https://sites.google.com/site/000contronozioni000/baima

    Corrispondenza tra il Professor Brunati , Radiocarbon e British Museum sulla datazione radiocarbonica; al di là dei dettagli tecnici l’aspetto importante che emerge è la volontà da parte dei laboratori e delle istituzioni accademiche di alterare i risultati affinchè la sindone risultasse medievale:
    • – https://sites.google.com/site/000contronozioni000/la-corrispondenza-con-radiocarbon-del-prof-brunati
    https://sites.google.com/site/000contronozioni000/la-datazione-della-sindone-e-tutta-un-falso

    • IV Symposium Scientifique International du CIELT Paris, 25-26 Avril 2002, in cui vengono analizzate le caratteristiche dell’immagine corporea: https://sites.google.com/site/000contronozioni000/iv-congresso-internazionale-di-studi-sulla-sindone

    Spero sia utile.

    Pace e Bene

  34. adolfo graziani ha detto:

    Volevo risentire Don Curzio che non vedo da parecchio tempo ma che seguo sempre con affetto, un saluto anche dagli altri Teramani. Adolfo

  35. Marco silvestro ha detto:

    Reverendo Padre Don Curzio Nitroglia

    Chiedo scusa, il mio intervento forse potrebbe non essere ben accetto in quanto non sono cristiano, tuttavia, leggere alcuni Suoi articoli e commenti è stato interessante, non condivido alcune Sue idee, mentre altre le ritengo condivisibili, tuttavia mi farebbe piacere chiederLe una delucidazione.

    Nell’articolo da Lei scritto al riguardo del paganesimo, cita come scettici Porfirio, Proclo e Celso, quando essi risultano essere invece filosofi di scuola platonica, nella sua accezione scettico significa forse Pagano in toto? oppure c’è un’esegesi dei testi di questi autori ed un indirizzo critico che ignoro?

    Se così fosse, potrebbe essere tanto gentile da fornirmi i mezzi per poter leggere al riguardo?
    Sarebbe utile per poter comprendere appieno le argomentazioni del Suo articolo senza fraintendimenti dovuti a termini intesi diversamente.

    Qualora non disturbasse la Sua attività liturgica e filosofica Le sarei Grato se fosse possibile, qui o in altro ambiens telematico poter dialogare in merito all’articolo sul paganesimo

    Le auguro una buona giornata.
    Cordialmente Suo
    Dr. M.G. Silvestro

  36. doncurzionitoglia ha detto:

    PER GLI AMICI “rocco” – “Nicolas” – “alessandro”:
    abbiamo consegnato le vostre richieste al sacerdote.
    Grazie.
    la segreteria web di http://www.doncurzionitoglia.com e .net

  37. doncurzionitoglia ha detto:

    La Segreteria Web di http://www.doncurzionitoglia.com e .net ringrazia gli amici “el cid” e “MICHELE TERLIZZI” per le segnalazioni

  38. Piero ha detto:

    Don Nitoglia è un falso predicatore. Predica odio religioso, odio anti ecumenico e anticonciliare. Lo stesso vale per gli idioti della redazione web che gli tengono bordone. Ed ora mettete pure nella spazzatura il mio messaggio. La spazzatura è la materia prima vostra.

    • doncurzionitoglia ha detto:

      LA RINGRAZIAMO PER QUESTA SUA BRILLANTE DIMOSTRAZIONE DI ECUMENISMO CONCILIARE APPLICATO.
      ED ORA, SEGUENDO ED ASSECONDANDO IL SUO FRATERNO CONSIGLIO, LA METTIAMO OVE MERITA E LE É CONSONO: NEL CESTINO DELLO SPAM.
      LE AUGURIAMO UNA SINCERA CONVERSIONE A CRISTO NELLA VERITÁ.

      • Marco silvestro ha detto:

        Non sono un ecumenista, e non condivido le opinioni di Don Curzio Nitroglia, tuttavia ritengo opportuno come persona che si dissocia da questo pensiero, ritenere vergognoso quanto scritto da questo Piero, certi atteggiamenti non sono degni di un essere umano educato ed istruito sia nei confronti di un pensatore e filosofo, quand’anche non se ne condividano le idee, e ancor meno nei confronti di un prelato, il quale merita inoltre il rispetto dovuto al talare.

  39. rocco ha detto:

    caro don Curzio,
    prima di tutto grazie per il suo lavoro.
    le scrivo per chiederle una delucidazione , non mi dilungo e vado al punto;secondo me il catecon e’ Cristo e la S. Eucaristia. in tal modo possiamo spiegare facilmente l’uso prima del maschile e poi del neutro. al maschile indica il Cristo , al neutro l’oggetto cioe’ la S: Eucaristia che comunque’ E Cristo stesso. l’spressione “sara’ tolto di mezzo” (ex+ghignomai) puo essere correttamente altrettanto tradotta con “sara’ tolto dal mezzo, dalla posizione centrale predominante ed e’ usata in relazione al termine neutro to katecon. tale spiegazione risulta ancor piu’ chiara se si pensa alla nuova liturgia coram populo e allo spostamento del tabernacolo con la S.Eucaristia, dal mezzo, dal centro , dal cuore delle chiese.
    Chiedo aiuto a lei , che io sono arruginito col greco antico e potrei con buona probabilita’ sbagliare…ma la mia ipotesi non mi sembra troppo peregrina. avevo letto da qualche parte alcune riflessioni , lei che ne pensa?

    grazie ancora
    Rocco

  40. Nicolas ha detto:

    Salve Reverendo,
    volevo chiederle se saprebbe indicarmi qualche articolo approfonditivo (suo o di altri autori) riguardante le conseguenze dell’ispirazione ai principi machiavellici contenuti ne “Il Principe” da parte della nostra società. In particolare penso a quello secondo cui il buon governante è quello che regge bene la società a prescindere dal fatto se egli sia o meno una persona retta.
    La ringrazio.

  41. alessandro ha detto:

    Caro don Curzio, cosa ne pensa della rivista “L’Uomo libero” e delle opere di Gianantonio Valli? La saluto in Cristo Re

  42. Gianluigi ha detto:

    Ho avuto tramite email una “discussione” con un noto teologo domenicano il quale afferma che le condizioni di infallibilità del Magistero stabilite dal CVI riguardano solo i dogmi e non, per esempio, le dichiarazioni dottrinali del CVII che secondo lui sono infallibili anche se non sono rispettate tutte le condizioni di infallibilità. Io non sono d’accordo ma vorrei una indicazione dallo stimabilissimo Don Curzio Nitoglia Grazie

  43. Agdan ha detto:

    mi piacerebbe leggere una recensione di don curzio sul libro di massimo cacciari ” il potere che frena”. il rapporto fra teologia e politica mi ha da sempre coinvoilto.
    attualmente sto leggendi ” i due corpi dl re ” di e. kantorowitz
    grazie.
    Christus vincit

  44. Roberto Andreozzi ha detto:

    Carissimo Don Curzio,

    La ringrazio per aver dedicato un capitolo al signoraggio bancario nel Suo sito “http://doncurzionitoglia.net” ed anche per tutti gli altri articoli che leggo sempre molto volentieri.

    Considerando pertanto che noi tutti siamo debitori dei frutti del nostro lavoro, poiché non siamo proprietari della moneta che usiamo ma debitori verso chi la stampa, la questione monetaria riguarda ognuno di noi. La moneta è il sangue dell’economia, è lo strumento necessario per la realizzazione delle opere pubbliche e private, per la sussistenza di ogni individuo e di ogni famiglia.

    Mi domando allora perché la “dottrina sociale monetaria” di Mosè contenuta nel Deuteronomio ( e nel Libro di Tobia) non sia mai stata sviscerata nei modi e con l’importanza dovuta.

    Pochi libri sono stati letti e commentati quanto la Bibbia, eppure la dottrina sociale di Mosè, che si è tradotta in una esplicita “istituzionalità monetaria”, imposta con estrema solennità al popolo ebraico, proprio nel momento in cui entrava nella “Terra Promessa”, è rimasta “tabù”!

    Sembrerebbe che una misteriosa “censura” abbia impedito agli occhi di vedere, alle orecchie di sentire e alle parole di parlare!… eppure le parole sono tutte dinanzi a noi, come lo erano di fronte alle generazioni che ci hanno preceduto nei millenni, come lo erano di fronte ai dottori e gli esegeti che hanno passato la loro vita su questi testi.

    Possibile che solo il compianto Professor Auriti abbia saputo spendere parole per spiegarne l’importanza?

    Nei Suoi studi si legge:

    <>

    Se quindi la moneta così concepita è lo strumento “perfetto” di CARITA’ e FRATELLANZA, è possibile che nei Vangeli Nostro Signore Gesù Cristo non dica nulla in merito?

    Io invece credo che Nostro Signore si sia espresso chiaramente sulla questione monetaria, quando risponde alla domanda dei farisei «E’ lecito che noi paghiamo il tributo a Cesare?».
    La risposta di Nostro Signore è semplicemente geniale e frutto di una intelligenza superiore, mette in corretta relazione di effetto-causa il tributo con la proprietà della moneta all’atto dell’emissione; infatti risponde «Portatemi un denaro perché io lo veda……Di chi è questa immagine e l’iscrizione?» che equivale a dire “chi è il proprietario all’atto dell’emissione?”.
    Poi conclude con la celebre frase «Rendete a Cesare ciò che è di Cesare», che suona come un comando. Un comando sempre disatteso ed al quale tutti noi dovremmo obbedire anche adesso, dovremmo cioè prendere i cosiddetti “euro” di proprietà della BCE ( http://rapportoaureo.wordpress.com/2012/03/13/euro-arriva-la-conferma-dellue-ci-hanno-sempre-truffato/) e restituirli fino all’ultimo. Restituire cioè alla banca (privata) la sua carta ed il suo inchiostro che ci vengono prestati al valore nominale + l’interesse, rifiutando cioè di pagare noi stessi il prezzo della nostra schiavitù!…

    Nostro Signore Gesù Cristo conclude poi «..e rendete a Dio ciò che è di Dio».

    E se davvero rendessimo a Dio ciò che è di Dio, cosa resterebbe allora a quelli come Cesare?

    Sia lodato Gesù Cristo

  45. Viennese ha detto:

    Buongiorno, Don Curzio,
    ho letto l’articolo sulla legittima difesa e mi è piaciuto, perché le conclusioni sono anche le mie (si fa presto ad apprezzare chi è d’accordo!).

    Potrei aggiungere che Gesú ha detto “porgi l’altra guancia”, ma non “china la testa di fronte all’ingiustizia”. Un movimento orizzontale, ma non verticale.

    Sulla pena di morte, come legittima difesa della societá, come assoluto, non mi trovo d’accordo.
    Purtroppo la pena di morte è necessaria in casi in cui si debba agire in fretta, o quando non ci siano alternative che non creino rischi.

    La pena di morte come chirurgica dei cancri sociali, mi ricorda le teorie giuridiche sovietiche (o cinesi), dove il criminale recidivo (anche per furto di mele) viene condannato a morte.

    E sono d’accordo che in Italia 16 anni effettivi per omicidio volontario siano uno scandalo: sono uno scandalo per la società, per ogni uomo con un minimo di pensiero.
    E il problema è lí: un ergastolo, anche se condonabile dopo gli 80 anni di etá, sarebbe giusto, se applicato. Sarebbe la cosa piú giusta, che andrebbe oltre la legge giudaica del taglione, ma che eviterebbe anche il buonismo giuridico corrente.
    Buonismo contraddittorio, perché chi si macchia di truffe ripetute o contraffazione, spesso accumula pene che lo tengono in carcere per il doppio di un omicida.

    Come al solito il buonismo inverte l’ordine delle cose.

    Spero di aver contribuito in qualche modo alla riflessione che Lei promuove.
    Cordialmente
    Viennese

  46. doncurzionitoglia ha detto:

    MESSAGGIO PER EMANUELE_V.
    *
    Per venire incontro alla tua richiesta ci dovresti inviare privatamente, in questo spazio, il tuo numero di telefono (ovviamente non sarà pubblicato) al quale poter essere contattato.
    Non assicuriamo nulla, né tempi, né altro.
    Cordialità.
    Segreteria web di http://www.doncurzionitoglia.com

  47. milesinbello21 ha detto:

    Messaggio Privato:
    Buongiorno,
    Questo è un blog cattolico tradizionalista argentino:
    http://veritasliberavitvos.wordpress.com/
    Saluti in Cristo
    Diego

  48. AndreA ha detto:

    Grazie infinite. colgo l’occasione per sottoporre al Carissimo Padre questo mio articolo apparso oggi su “La Rinascita”. Ossequi, AndreA..
    http://www.rinascita.eu/?action=news&id=21506

  49. Allibito riguardo alla riflessione sulla possibilità di evadere le tasse. Citazioni su citazioni di testi senza un’autentica riflessione sul significato di Stato. Imposte al 10-20%??? La informo che uno scarto percentuale di 10 non è poco, quindi è poco prudente parlare di una tassazione al 10 o 20%. Le cose cambiano, di molto. Si rende conto di cosa significhi tassazione al 20%? La tassazione avrà raggiunto livelli alti, ma ora affermare che una tassazione giusta sia al 20% mi pare troppo. Tassazione al 20%, poi lei, caro don, fa la cortesia di evitare di usufruire di tutti quei servizi (trasporti, assistenza sanitaria gratuita, scuola gratuita) che i cittadini Onesti contribuiscono a far rimanere in piedi mentre altri, evasori o uomini che in base a giudizi del tutto personali non ritengono di dover andare oltre il 20% con la tassazione, usufruiscono OGNI GIORNO di quanto gli Onesti concedono gentilmente con le loro tasse.
    Saluti

    • Roberto Andreozzi ha detto:

      Io invece rimango allibito che ci sia gente che ha fatto la fila a pagare l’IMU per salvare una banca privata (4 miliardi tolti alle famiglie e dati al Monte dei Paschi di Siena casualmente principale azionista della Fondazione MPS di emanazione piddina) e crede ancora che le tasse finanziano la spesa pubblica.
      Tutti sanno che lo scorso anno lo stato ha chiuso con un avanzo primario di più di 10 miliardi (altro che evasione!) eppure il debito è aumentato; è aumentato perché ci sono più di 70 miliardi interessi sul debito! Che non ci sarebbero se avessimo la sovranità monetaria. Sai cos’è? Informati:

      I troll che si aggirano per la rete si guardano bene dal parlare della vera evasione, quella cioè con cui il sistema bancario PRIVATO si appropria dei redditi di “Signoraggio” primario e secondario e degli interessi sul capitale finanziario (che a livello planetario sono superiori al PIL del pianeta).
      Sveglia! Siamo in piena dittatura finanziaria: i nostri cari governanti che dovrebbero esercitare la sovranità popolare hanno siglato il Fiscal Compact, un accordo internazionale di 20 anni con cui si sono impegnati a togliere al popolo italiano 40 miliardi all’anno per darli alle multinazionali del credito…

    • Max ha detto:

      Purtroppo le tasse i cittadini non le pagano per i servizi, cosa giusta, anzi giustissima.
      I cittadini sono costretti a pagare le tasse per coprire il debito pubblico creato artificiosamente dal signoraggio bancario, cioè dall’usura legalizzata dei banchieri sionisti. Come certamente saprai è impossibile pagare quel debito truffa ai danni dei popoli. Lo scopo finale dei banchieri è usare il falso pretesto del debito truffa per privatizzare. Poiché prima della fine dei tempi, le proprietà dei goyim dovranno passare in mano ai sionisti, come promessa talmudica. Noi non ci arrenderemo mai e non venereremo mai i sionisti, i quali si vorrebbero elevare a Dio.

      • doncurzionitoglia ha detto:

        Gentile Max,
        l’altra lettera che ci hai inviato è troppo lunga per essere pubblicata.
        La passeremo a don Curzio insieme al tuo indirizzo email, e poi lui deciderà come, se e quando poterti rispondere privatamente.
        Don Curzio non interagisce direttamente sul web, ma ha incaricato noi, suoi amici e volontari, di pubblicare ciò che di volta in volta egli reputa di dover essere pubblicato, articoli suoi o altrui.
        Egli è comunque sempre molto occupato dalle sue attività pastorali e difficilmente ha tempo per lunghe risposte.
        Farà quel che potrà.
        Cordialità.
        La segreteria web di http://www.doncurzionitoglia.com

  50. Carlo Maria Pelis ha detto:

    Vorrei sapere se gli splendidi commenti al sillabo tomista sarannno oggetto di una pubblicazione cartacea. Io ne acquisterei delle copie per me e per regalarne a chi potrebbero fare molto bene queste letture.Ottima carità intellettuale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...