La CIA, Kalergi e l’Unione Europea

Kalergi_CIA

La UE è stata fatta nascere dalla CIA

James Hansen su Italia Oggi (23 gennaio 2016, p. 13) scrive che nel 2000 il professor Joshua Paul della Georgetown university ha scoperto negli US national archives

«prove documentali molto chiare che il progetto per l’Unione Europea nasce in non poca parte come una sofisticata iniziativa dell’intelligence americana».

Questi documenti scoperti dal professor Paul provano che la CIA ha finanziato massicciamente tutti i leader europeisti ed ha fatto nascere l’Unione Europea.

La questione è tornata a galla in Inghilterra adesso perché in questi giorni si sta discutendo sull’opportunità della permanenza nell’UE (referendum “Brexit”).

«Tra gli altri documenti un memorandum del 1950 dà istruzioni dettagliate sulla conduzione di una campagna per favorire la creazione di un parlamento europeo. È firmato dal generale William Donovan, il direttore nel corso della seconda guerra mondiale dell’Oss-Office of strategic services diventato la CIA alla fine del conflitto. Il principale veicolo per il coordinamento e il finanziamento è stato l’American comitee for a united Europe (ACUE), fondato nel 1948. […]. I documenti reperiti indicano che l’ACUE è stato di gran lunga il principale finanziatore del “Movimento europeo”, la più importante organizzazione federalista europea del dopoguerra. I documenti suddetti dimostrano, per esempio che nel 1958 gli americani hanno fornito il 53, 5% dei fondi del movimento che contava tra i suoi presidenti onorari personaggi del calibro di Winston Churchill, Konrad Adenauer, Léon Blum e Alcide De Gasperi. […]. L’archivio scoperto da Paul contiene anche un memorandum datato 11 giugno 1965 in cui la sezione “affari europei” del dipartimento di Stato Usa consiglia al vice-presidente dell’allora comunità economica europea Robert Marjolin di perseguire l’obiettivo dell’unificazione monetaria europea agendo sottotraccia».

… E non solo dalla CIA

In un articolo precedente (Comenius, Saint-Yves e Kalergi i Padri del ‘Nuovo Dis-Ordine Europeo’) abbiamo visto come Richard Nikolaus Coudenhove-Kalergi (1894 – 1972) fondò a Vienna nel 1922 il “Movimento Paneuropeo”. Egli aveva cominciato ad interessarsi al progetto del Mondialismo e della Globalizzazione a guida Statunitense sin dal 1919.

Occorreva innanzitutto partire dalla Vecchia Europa per farne una Nuova Europa Unita, la Paneuropa o la Magna Europa.

Nel 1923 uscì il suo libro principale in cui esponeva il cosiddetto “Piano Kalergi”, che in realtà era quello dei Rosacroce e della massoneria, intitolato Paneuropa (Vienna, Edizioni Paneuropa, 1923).

A questo volume ne seguirono altri, che sostanzialmente ripetono lo stesso tema apportandovi delle modifiche e novità accidentali dovute all’evolversi dei tempi (R. Ch. Kalergi, J’ai choisì l’Europe, Paris, Plon, 1952; Id., Storia di Paneuropa, Milano, Edizioni Milano Nuova, s. d.). Nel 1947 fondò l’Unione Parlamentare Europea.

La natura del piano Kalergi

Il Piano Kalergi consiste essenzialmente nella distruzione totale della Vecchia Europa, iniziata con la prima guerra mondiale, seguitata con la seconda e terminata con l’Europa Unita (2000) di Bruxelles e l’invasione di massa di milioni di musulmani provenienti dall’Africa (2015).

Kelergi aveva scritto che occorreva mischiare i popoli e le etnie europee con quelle asiatico/slave (ciò è avvenuto nel 1990 sotto il pontificato di Giovanni Paolo II) e africane (e nel 2013-15 sotto Francesco I).

Il kalergiano ex Direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) G. Brock Chisholm ha dichiarato:

“tutti dovranno praticare la limitazione delle nascite e i matrimoni misti in vista di creare una sola razza in un mondo unificato e dipendente da un’autorità centrale” (USA Magazine, 12 agosto 1955).

Le invasioni della Vecchia Europa da parte dei popoli dell’Est, degli slavi, degli asiatici e dei musulmani africani non è un fenomeno spontaneo, ma era stata progettata da Kalergi, dagli Usa ed è stata realizzata dai «Padri fondatori» dell’Europa Unita (1945-1989) e poi ultimata dai fondatori dell’Unione Europea (1990-2015) con l’avallo degli uomini di Chiesa, che dal Vaticano II in poi hanno spostato la filosofia della modernità.

Non si possono tacere gli appoggi e le aperture di Giovanni XXIII e Paolo VI al Rotary, alla Massoneria, al Bené Berith, all’Onu e l’attivazione pratica di Giovanni Paolo II e Francesco I a favore dell’invasione di massa dell’Italia e della Vecchia Europa occidentale a partire dell’Est e dal Continente nero.

Nel 2010 il Cancelliere Federale tedesco Angela Merkel è stato insignito del Premio Kalergi, nel 2012 il premio è toccato al Presidente del Consiglio Europeo Herman van Rompuy. Oramai il piano non è più segreto e i suoi esecutori sono premiati pubblicamente.

Adesso il gran pubblico, grazie alle ricerche del professor Paul, sa che esistono documenti molto chiari secondo cui l’Unione Europea è nata anche grazie ad una sofisticata iniziativa dell’intelligence americana.

d. Curzio Nitoglia

26/1/2016


http://doncurzionitoglia.net/2016/01/26/cia-kalergi-europa/

https://doncurzionitoglia.wordpress.com/2016/01/26/la-cia-kalergi-e-lunione-europea/


 

Advertisements
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Articoli don Curzio, CIA, Europa, Formazione di base, Kalergi, Massoneria, Mondialismo, Strategie belliche e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La CIA, Kalergi e l’Unione Europea

  1. Guido ha detto:

    La UE come il WTO sono ramificazioni aritmetiche di una dinamica che e’ imposta unilateralmente e arbitrariamente dai governi occidentali. Pochi si interrogano sulla necessita’ o meno di una banca centrale. Ancor meno si soffermano sulla ragione per la quale questo particolare sistema monetario sia imposto e la gestione del quale non ricade nell’ambito della dinamica democratica.

    Quando il governo impone un sistema monetario in particolare a scapito di altri sistemi possibili, e, simultaneamente, crea un entità indipendente che, pur non avendo nessun legame con l’economia, ha il privilegio di svalutare la moneta ad oltranza, il risultato e’ la concentrazione della profitto monetario nella sfera finanziaria. Nel concentrarsi, il profitto monetario porta anche al concentramento dei titoli di proprietà di terra, immobili, fabbriche e entità economiche.

    https://www.newscientist.com/article/mg21228354-500-revealed-the-capitalist-network-that-runs-the-world/

    Che la CIA fosse determinata gia’ negli anni 40 a creare una moneta unica in Europa e’ solo un risvolto aritmetico inerente alla scelta di questo sistema monetario che ha come risvolto il concentramento della ricchezza. Negli USA questo sistema monetario e’ stato adottato nel 1913 mentre nel resto del mondo occidentale e’ entrato in vigore in fasi fra gli anni 40 ed e’ poi stato consolidato nel 1971

    Il tutto si appoggia su 2 dinamiche di base: in primo luogo la creazione di una moneta di base e, in secondo luogo, l’ espansione artificiale dei mercati del credito.

    Quindi entità tali le Nazioni Unite, la Banca Mondiale, il Fondo Monetario, il WTO e, ovviamente, la moneta unica Europea e come, d’altronde, l’accettare una moneta in particolare come moneta di riserva, sono solo stratagemmi mirati all’espansione artificiale dei mercati del credito che porta poi all concentrazione dei beni nelle mani di quelle entità che offrono il credito e creano strumenti di credito utilizzati da governi e entità economiche

  2. Bisse ha detto:

    STREPITOSO. COME SEMPRE!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...