CASO KRAH: fatti e documenti

IL CASO KRAH

FATTI E DOCUMENTI, O MENZOGNE E CALUNNIE?

Massimilian Krah Mons. R. Williamson

Il caso Williamson-Nahrath 2010

1°) Verso la metà del novembre 2010 mons. Richard Williamson decide di farsi difendere dall’accusa di “revisionismo” dall’avvocato Wolfram Nahrath. Quindi chiede al suo primo difensore, avv. Matthias Lossmann, se vuole difenderlo assieme a Nahrath. Lossman rifiuta e mons. Williamson gli ritira l’incarico.

2°) Il 18 novembre l’avv. Nahrath informa via fax il giudice Eisvogel che l’avv. Lossmann ha rinunciato all’incarico e che sarà lui (Nahrath) a difendere mons. Williamson.

3°) Appena 32 minuti dopo il messaggio – via fax – di Nahrath alla dottoressa Eisvogel, la redazione del settimanale Der Spiegel telefona all’avv. Nahrath e gli chiede spiegazioni sulla sua futura difesa legale di mons. Williamson.

4°) Il 19 novembre sempre Der Spiegel pubblica la notizia secondo la quale l’avv. Nahrath è un rappresentante politico del partito neo-nazista tedesco per cui anche mons. Williamson sarebbe un filo-nazista. In realtà il partito nazista tedesco è fuori legge dal 1945, e Nahrath fa parte del “Partito Nazionale e Democratico” (NPD), un partito di estrema destra, ma non nazista. Perciò

Krah e il sionismo

1°) L’avv. Lossmann era stato scelto nel 2009 da Krah per difendere mons. Williamson. Eppure Krah, oggettivamente (il cuore o le intenzioni soggettive li scruta solo Dio e a Lui lascio il giudizio), aveva partecipato alla campagna stampa contro mons. Williamson, scoppiata il 20 gennaio del 2009, tramite interviste rilasciate alla rivista radical-socialista Der Spiegel di orientamento politico molto simile al settimanale italiano “L’Espresso dell’ingegner Carlo De Benedetti.

2°) Inoltre Krah è un militante del “Partito Cristiano Democratico” (CDU) del Cancelliere tedesco Angela Merkel, un partito liberale, libertario, favorevole all’aborto, al divorzio, alle unioni libere, omosessuali e quindi certamente non migliore, quanto alla Fede e alla Morale, del “NPD” cui appartiene Nahrath. Vedi http://www.cdu-dresden.de/index.php?mo=mc_vjjrz_etk.pdf&id=%7B76658c61352fc5ab6a0940107b868a48%7D

3°) L’avv. Lossmann, scelto da Krah per difendere mons. Williamson nel 2009, fa parte del “Partito dei Verdi” (Die Grünen), che è, come in Italia, un partito di estrema sinistra sessantottina, pro aborto, divorzio, omosessualità, pedofilia, eutanasia, ben peggiore, quanto ad anticristianesimo, del “Partito Nazionale e Democratico” (NPD), del quale fa parte l’avv. Nahrath.

4°) Infine, e questa è la parte oggettivamente più interessante (non voglio curarmi di tutte le altre faccende connesse a tale caso), Krah ha partecipato (“contra factum non valet argumenum”) nel settembre 2010 a New York, assieme a vecchi allievi dell’Università di Tel Aviv, ad una colletta per aiutare gli studenti ebrei della diaspora a raggiungere lo Stato d’Israele per essere formati presso l’Università sionista di Tel Aviv; si possono vedere le foto di Krah e compagni, qualificati come israeliti. Vedi http://www.aftau.org/site/PageServer?pagename=recentevents_Sept2010_AlumniAuction

I fatti sopra citati sono descritti in un commento pubblicato il 4 dicembre 2010 sul sito in lingua francese Les Intransigeants http://www.intransigeants.com/2010/12/exclusif-les-dessous-de-laffaire-williamson.

5°) La risposta di Krah ai commenti succitati è venuta alla fine del dicembre 2010, pubblicata sul sito Ignis Ardens http://z10.invisionfree.com/Ignis_Ardens/index.php?showtopic=6517&st=100&#entry9644783. Essa è abbastanza illuminante e sconcertante. Sconcertante poiché oggettivamente minacciosa: “adesso conosco coloro che mi hanno calunniato e vedranno…”. Illuminante a) in quanto, se fosse stato veramente calunniato, Krah avrebbe potuto rispondere per chiarire o avrebbe potuto far ricorso alla magistratura per ottenere giustizia, come era suo diritto, e non alle minacce per intimorire (“vi conosco, vedrete”); b) poiché Krah ammette: «a settembre ho ricevuto un invito spontaneo da un amico avvocato per questa serata molto piacevole alla Galleria Witzenhausen, dove ho incontrato persone fantastiche provenienti da Israele, Stati Uniti (entrambe ebree e non), e alcuni europei che si trovano a New York. Era un regolare incontro annuale. E, naturalmente, c’è stato un gala per beneficenza. Così è stato»; c) infine poiché Krah non smentisce la raccolta fondi per l’università di Tel Aviv, che non è un semplice “chiacchierare” con ebrei, cosa del tutto lecita. Non è importante se l’avv. Krah sia di origine israelita, quel che conta è la Fede non l’etnia. Krah si professa cattolico tradizionalista e questo basta. Però l’attività filo-sionista, svolta da Krah, è un’azione lecita e legale in sé, ma difficilmente conciliabile, moralmente e dogmaticamente, con la professione della Fede cattolica tradizionale e pre-conciliare. Questo è il punto oggettivamente rilevante di questa faccenda.

San Pio X (il Santo protettore dei “tradizionalisti”) nel 1904 rispose a Teodoro Herzl (il fondatore del sionismo, 1896), che gli aveva chiesto di riconoscere il movimento sionista e l’eventuale futuro Stato di Israele: «Sino a che Israele non riconoscerà Cristo come Messia e Dio, la Chiesa non potrà riconoscere il sionismo e Israele». Quindi oggettivamente tra cattolicesimo e sionismo vi è incompatibilità e la “doppia appartenenza” non è lecita.

Attualità del caso

1°) In questi giorni si sente e si legge che si vuol denunciare alla magistratura coloro che si sono occupati del “caso Krah”.

2°) Dopo il processo del 4 luglio 2011 a mons. Williamson in Germania, Maximilien Krah ha rilasciato un’intervista oggettivamente denigratoria ed oltraggiosa contro il Vescovo britannico.

Dahttp://www.sueddeutsche.de/bayern/prozess-gegen-bischof-williamson-plaudernuebergaskammern-1.1116124 : […]Una comunità di sacerdoti cattolici difficilmente può distanziarsi maggiormente da uno dei suoi membri. Dicono che monsignor Richard Williamson sia uno stravagante, uno con un profondo problema con il riconoscimento della realtà il quale “ogni due anni, con bella regolarità, crede nella fine del mondo”. Così disse lunedì scorso a Ratisbona Maximilian Krah, l’amministratore legale della Fraternità in Germania, a proposito di Williamson, membro della stessa comunità. Alla fine riassume: “Un tipo balzano si potrebbe definirlo, credo”. Così ciò che era stato ideato come testimonianza davanti al tribunale provinciale, fu allo stesso tempo una pubblica presa di distanza fatta dalla Fraternità nei confronti del loro confratello decaduto, del cui agire ebbe un’altra volta a giudicare un tribunale.[…] [1]

Purtroppo nessuno è intervenuto, non dico per difendere mons. Williamson, ma neppure per pacificare gli animi ed invitare ad una maggiore educazione nell’uso dei termini impiegati contro di lui. Nessuno ha preso le distanze dalle offese oggettive e pubbliche rivolte da un fedele laico cattolico-tradizionalista, quale si dice Krah, contro un Vescovo cattolico. Non è oggettivamente corretto.

3°) Quindi mi sento moralmente obbligato a prendere posizione pubblica su tale caso, non per fare pettegolezzi, né processi alle intenzioni, ma per cercare di stabilire la verità oggettiva dei fatti. Voglio sperare che ciò sia ancora legalmente lecito; moralmente lo è senza ombra di dubbio. Spero di riuscire nel mio intento. Qualora mi sia sbagliato, correggetemi pure. Perciò scrivo pubblicamente. Se la denunzia minacciata viene fatta per appurare la verità su quanto scritto riguardo Krah, essa è lecita. Se egli è stato denigrato va risarcito, altrimenti si riconosca la verità dei fatti. Se colui che minaccia la denunzia è stato calunniato, il ricorso alla giustizia è doveroso anche per difendere la propria buona fama, ma è gravemente scorretto tirare in ballo l’equiparazione antisionismo/antisemitismo e l’antigiudaismo o l’istigazione all’odio razziale, e denunciare come antisemita chi ha posto la questione se la doppia appartenenza al sionismo e al cattolicesimo tradizionale[2] sia lecita. Adesso c’è solo da aspettare e sperare, senza fare inutili congetture, che venga fatta chiarezza su questo “affare”, il quale è oggettivamente inquietante ed è bene che sia risolto.

4°) Sino ad ora non ho voluto occuparmi di questa faccenda, la cui parte finanziaria, etnica e complottistica non ritengo oggettivamente rilevante. Ho atteso risposte convincenti, che dissipino ogni dubbio circa la compatibilità tra la Fede cattolica e l’ideologia sionistica. Una risposta è venuta da Krah, ma essa è piuttosto un’intimidazione che una risposta o delucidazione. Ora sembra che si voglia rispondere. Speriamo e auguriamoci che lo si faccia correttamente e non persecutoriamente e che la verità trionfi sul dubbio, il quale tanto male ha fatto e fa ai cattolici fedeli alla Tradizione apostolica e al Magistero costante della Chiesa, che a partire da Nostra aetate (1965) ha conosciuto un “crescendo rossiniano” di cedimento al giudaismo post-biblico. Se mi si vuol denunciare per aver espresso queste perplessità sulla coerenza e correttezza di un certo modo di pensare ed agire, lo si faccia pure. “È meglio obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (Atti degli Apostoli), che – se così fosse – si allontanano dalle vie del Signore.

Sancte Pie X, ora pro nobis!

d. CURZIO NITOGLIA

25 LUGLIO 2011

http://www.doncurzionitoglia.com/caso_krah_20110725.htm

PS:

Molti dei ‘siti’ citati nel presente articolo sono stati fatti chiudere, ma le notizie riportate da essi sono state controllate e trovate oggettivamente conformi alla realtà. Se qualcuno trovasse qualche inesattezza lo invito a farmela notare. Sarò il primo a prenderne atto e a rettificare.


[1] San Tommaso d’Aquino nella Somma Teologica (II-II, qq. 72-75) tratta delle ingiustizie che si compiono con le parole. Nella questione 72 l’Aquinate parla della “Contumelia” ossia l’ingiuria verbale fatta non alle spalle, ma a viso aperto. Ora, in quanto le parole significano le cose esse possono arrecare molti danni.. La contumelia o ingiuria verbale lede l’onore. Nell’articolo 2, San Tommaso spiega che la contumelia è peccato mortale. Infatti (in corpore articuli) nei peccati di parola bisogna considerare soprattutto con quali disposizioni d’animo ci si esprime, ossia il fine della contumelia. Ma di per sé la contumelia implica una menomazione di onore o morale del prossimo. Quindi essa è un peccato mortale non meno del furto, che detrae la ricchezza materiale mentre la contumelia disonora l’anima del prossimo nella sua moralità. Padre Tito Centi commenta: “Di qui deriva la gravità della contumelia, la quale di suo è fatta per distruggere l’onorabilità morale, e comporta l’obbligo di riparare”: o restituzione di fama (per la contumelia) e di beni materiali (per il furto), o dannazione. Nell’articolo 3 il Dottore Comune spiega che in certi casi è necessario respingere le contumelie e specialmente per due motivi: primo per il bene di chi insulta, per reprimere la sua audacia, affinché non monti maggiormente in prepotenza e presunzione e reiteri codesti atti; secondo per il bene delle altrui persone, se chi viene offeso ricopre una carica pubblica (come è il caso di Sua Eccellenza mons. Williamson), onde l’offesa ricadrebbe sulla di lui carica episcopale e la disonorerebbe. Quindi chi è costituito in dignità o autorità pubblica deve difendere queste e non la sua persona, oppure qualcuno lo deve fare per lui. Chi ascolta la detrazione e la tollera senza reagire (difendendo la persona denigrata) pecca gravemente. Quando invece non reagisce, pur avendone la possibilità, non perché gli piaccia il peccato ma per rispetto umano o per negligenza, allora pecca solo venialmente. (S. Th., II-II, q. 73, a. 4, in corpore). Se si può portar pazienza nel tollerare la denigrazione verso se stessi, non è tollerabile il sopportare la denigrazione della buona fama altrui (Ivi, ad 1um). La derisione del prossimo è peccato mortale, tanto più grave quanto maggiore è il rispetto dovuto alla persona derisa (q. 75, a. 2, in corpore). Deridere un Vescovo è, oggettivamente, assai grave.

[2] Si noti che persino Paolo VI non ha voluto riconoscere esplicitamente lo “Stato di Israele” ed implicitamente la compatibilità del sionismo con il cristianesimo. Soltanto Giovanni Paolo II lo ha fatto nel 1993.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ARCHIVIO GENERALE, Articoli don Curzio, Krah, Mons. Williamson. Contrassegna il permalink.