Conferenza Episcopale Tedesca su Massoneria Latina e Inglese

LA “CONFERENZA EPISCOPALE TEDESCA” E LA “MASSONERIA LATINA & INGLESE”

In ambiente teoconservatore è diffusa l’idea che mentre la massoneria latina (francese, italiana e sud-americana) è inconciliabile col cattolicesimo, poiché anticlericale, irreligiosa ed anche atea, quella anglo-americana, invece, essendo deista e non anticristiana né tanto mano anticlericale, potrebbe essere conciliabile col cattolicesimo. Per cui l’appartenenza del cattolico alla massoneria anglo-americana sarebbe lecita. Il fatto che i Papi da Clemente XII (enciclica In eminenti, 20 aprile 1738) sino a Pio XII (L’Osservatore Romano, 19 marzo 1950, articolo “Nulla è cambiato nella legislazione della Chiesa rispetto alla massoneria”, firmato dal ‘Maestro dei Sacri Palazzi’, il teologo ufficiale del Papa, padre Mariano Cordovani) abbiano emesso circa 586 condanne della massoneria non proverebbe nulla dacché essi non conoscevano ancora la distinzione delle due massonerie, delle quali una malvagia, ma l’altra buona ed hanno incluso nelle condanne della massoneria sia quella latina (giustamente condannabile), sia quella anglo-americana (la quale, invece, oramai sarebbe compatibile col Cristianesimo e non cadrebbe più sotto condanna).

Nell’ultimo dopo-guerra, invece, la massoneria, specialmente quella anglo-americana, avrebbe svelato quasi totalmente i suoi veri connotati filosofici essoterici, profani o pubblici, il cui significato è comprensibile anche al pubblico dei non iniziati ai segreti della massoneria, ed avrebbe mostrato, così, come essa non ha nulla di contrario verso la Chiesa cattolica, la quale, perciò, dovrebbe aprirsi anche al dialogo inter-religioso con la massoneria anglo-americana. Inoltre anche in vari Paesi latini vi sono delle logge che preferiscono non seguire la “tradizione” anticlericale della massoneria ufficiale latina ma si rifanno a quella ‘deista’ della massoneria anglo-statunitense. Infine la mutazione, che avrebbe subito la massoneria nei Paesi in cui era stata sciolta dai Regimi dittatoriali (Italia e soprattutto Germania), ha portato la massoneria – specialmente quella tedesca – a far visionare i propri ‘Statuti’ sino al 3° grado (pubblico, essoterico, non iniziatico) dalla ‘Conferenza Episcopale Tedesca’ verso la fine degli anni Settanta……….(leggi tutto)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ARCHIVIO GENERALE, Articoli don Curzio, Recensioni. Contrassegna il permalink.